Bolzano monumentale al Palaonda, Capitals piegati per 4 a 1

(Comun. stampa HC Bolzano) – L’HCB Alto Adige Alperia era chiamato a una grande risposta dopo il pesante 4 a 0 subito due giorni fa alla Erste Bank Arena. Una reazione arrivata, prepotente, davanti ai 5.100 del Palaonda in gara 2: Capitals annichiliti per 4 a 1 e serie di semifinale di nuovo in parità. Una prova praticamente perfetta dei Foxes, autori di un secondo tempo esaltante: tre le reti trovate nei secondi venti minuti di gioco, grazie agli spunti di Petan, Austin Smith e Miceli, che riesce anche a sbloccare il powerplay biancorosso. Poi nel terzo drittel il goal del definitivo K.O. messo a segno da Bernard e il goal della bandiera viennese, messo a segno da McKiernan.

Per gara 3 si tornerà a Vienna: match al via giovedì 29 marzo alle 20:20, con diretta su Video33 e Servus TV.

La cronaca. Nel primo tempo si vede un buon Bolzano, che sfiora più volte il goal del vantaggio: prima è Austin Smith a farsi fermare da Lamoureux dopo una bella combinazione con Miceli, poi ancora lo statunitense devia il disco davanti alla porta sfiorando l’esterno del palo. Il Vienna dall’altra risponde con Klubertanz, che si schianta contro Tuokkola al termine di un contropiede, mentre dall’altra i biancorossi vanno nuovamente a un passo dall’1 a 0, questa volta con Sointu che a tu per tu con Lamoureux non riesce a trovare lo spiraglio giusto. Brividi nel finale di frazione, con i Capitals in powerplay, ma i Foxes tengono bene e si va negli spogliatoi sullo 0 a 0.

Il periodo centrale è un dominio biancorosso. Dopo 87 secondi il Bolzano passa a condurre: tiro dalla distanza di Gartner, deviazione vincente di Petan che fa filtrare il puck tra i gambali di Lamoureux. Passano altri 87 secondi e i Foxes centrano anche il raddoppio: dormita colossale della difesa austriaca, Austin Smith si invola verso la gabbia avversaria e insacca, mandando in delirio il Palaonda. Il Vienna fa fatica a reagire e i biancorossi continuano a produrre occasioni su occasioni: lo special team di casa neutralizza un altro powerplay viennese, poi gli animi si scaldano e fioccano le penalità. E così il Bolzano riesce finalmente a trovare la via del goal anche con l’uomo in più, grazie al siluro chirurgico di Angelo Miceli all’incrocio dei pali. Alla seconda sirena i padroni di casa sono avanti per 3 a 0.

Quando ci si aspetta l’assalto austriaco nel terzo drittel, sono invece i Foxes a sfiorare più volte il poker: prima Austin Smith e poi Angelidis testano i riflessi di Kickert, subentrato al posto di Lamoureux. Il 4 a 0 arriva al 50:06: errore in uscita di zona del Vienna, botta di Tomassoni dalla blu e deviazione vincente di Toni Bernard. Nel finale c’è solo spazio per il goal della bandiera dei Capitals, che accorciano grazie a Ryan McKiernan e fissano il tabellino sul definitivo 4 a 1.

Anton Bernard

 

HCB Alto Adige Alperia – Vienna Capitals 4 – 1 [0-0; 3-0; 1-1] – Serie: 1-1
Reti: 21:27 Alex Petan (1-0); 22:54 Austin Smith (2-0); 36:16 Angelo Miceli PP1 (3-0); 50:06 Anton Bernard (4-0); 53:28 Ryan McKiernan PP1 (4-1)
Arbitri: Lemelin, Nikolic / Nothegger, Schauer
Spettatori: 5.100