NL: i derby rilanciano il Lugano. Lotta appassionante per il secondo posto

E’ stato un fine settimana all’insegna del Lugano che si è aggiudicato due derby contro l’Ambrì nel giro di 24 ore, cancellando la pesante sconfitta di Zurigo di inizio anno, riguadagnando così fiducia e autostima. Grazie a questi successi, la formazione guidata da Ireland ritrova così il secondo posto in classifica. Si è trattato di due partite conclusesi con l‘identico punteggio (4-2), equilibrate e appassionanti, che hanno lasciato però un po’ di amaro in bocca ai leventinesi, che non meritavano di uscire dal doppio confronto con zero punti all’attivo. Alla Resega, alla doppietta del ritrovato Klasen e a un gol in power-play di Fazzini, seguiva un tentativo tardivo di rimonta degli ospiti nel terzo periodo con i gol di D’Agostini e Collenberg. Tutt’altro svolgimento ha avuto la sfida della Valascia dove, dopo soli 30” gli arbitri comminavano una penalità partita a Lauper per un match di pugilato con Wellinger. I biancoblu privi di killer-instinct sprecavano tanto e venivano stoppati anche grazie all’ottima prestazione di Merzlikins. Il backhand di Lapierre apriva lo score, ma i padroni di casa si illudevano ribaltando il risultato con Zwerger e Müller. I gol di Sanguinetti e Bürgler riportavano subito avanti il Lugano, che chiudeva la contesa con una rete a porta a vuota di Lapierre.

Nelle altre partite a specchio, il Berna ha consolidato la sua leadership mantenendosi saldamente al vertice della classifica (82 p.ti) sconfiggendo il Langnau (decimo). Se alla Bern Arena è servita una magia di Mason Raymond all’overtime per portare a casa un match sofferto (3-2), tutto più semplice è stato sulla pista dei “tigrotti” battuti (5-1) grazie a una doppietta di Haas e alle reti di Bodenmann, Noreau e dello stesso Raymond. Nelle scontro diretto tra le inseguitrici, lo Zugo ha facilmente sconfitto alla Bossard Arena (5-1) il Davos privo di Little, con una doppietta dello svedese Klingberg e le reti di Roe, Martschini e Kast. La formazione di Kreis bissava il successo anche nei grigioni (2-1) dopo gli shootout, issandosi così al terzo posto scavalcando i gialloblu. Decisiva risultava la trasformazione di Holden.

Il Bienne ha confermato di essere in un buon momento di forma disponendo con facilità di un Ginevra, invece, sempre più alle prese con i problemi societari. Il perentorio risultato di (7-3) sta a testimoniare la superiorità dei seeländer. Una doppietta a testa per Pouliot e capitan Tschantrè, assieme ai gol di Becker, Earl e Forster schiantano la formazione di Woodcroft che perde così il sesto posto in classifica, scavalcata dagli ZSC Lions. Sembra già essere svanito l’effetto Kossmann, visto che gli zurighesi sono riusciti a conquistare un solo punto nella doppia sfida contro il Friborgo. I burgundi, nell’incontro casalingo, si sono imposti (2-0) grazie a una doppietta di Kienzle (il secondo gol a porta vuota). Ci sono invece voluti i rigori all’Hallenstadion, dove i Lions subivano la rimonta nel periodo conclusivo. Dopo il gol in apertura di Schmutz, i padroni di casa reagivano con forza realizzando tre reti con Pellettier, Hinterkirchen e Pettersson. La rete di Slater, a cui seguiva quella di Mottet a soli 38” dal termine, mandava il match all’overtime quindi ai rigori, dove risulta decisiva la realizzazione di Bykov.

La doppia vittoria del Losanna a spese del Kloten, ha permesso ai vodesi di scavalcare il Langnau e collocarsi al nono posto della classifica, anche se, per la verità sembrano essere tanti sette punti di distanza dal Friborgo (ottavo). Chiudono la graduatoria, nell’ordine, Ambrì e Kloten, il cui ritardo ha ormai dimensioni preoccupanti. La ripresa del campionato è prevista per martedì prossimo, con l’interessante sfida per il secondo posto tra Zugo e Lugano e  la rivincita tra Ginevra e Bienne.

Torna sul mercato Jeremy Morin, non confermato dal Berna al termine del periodo di prova. Il Losanna riaccoglie Benjamin Antonietti fino a fine stagione, l’attaccante lascia Rouen dove era approdato la scorsa estate. Il Biel ha messo sotto contratto per due anni Mike Künzle dello Zurigo, l’ala si aggregherà ai seeländer dalla prossima stagione.


Risultati

venerdì 5 gennaio
Kloten   – Losanna  2-3 ot
Lugano   – Ambrì    4-2

sabato 6 gennaio
Ambrì    – Lugano   2-4
Berna    – Langnau  3-2 ot
Biel     – Ginevra  7-3
Friborgo – Zurigo   2-0
Losanna  – Kloten   9-3
Zugo     – Davos    5-1

domenica 7 gennaio
Davos    – Zugo     1-2 so
Langnau  – Berna    1-5
Zurigo   – Friborgo 3-4 so

Classifica LNA (dopo 38 giornate)
1.Berna     82 punti*
2.Lugano    65*
3.Zugo      64**
4.Davos     63
5.Biel      62*
6.Zurigo    58
7.Ginevra   57*
8.Friborgo  54*
9.Losanna   49*
10.Langnau  47
11.Ambrì    39
12.Kloten   32
*=una partita in meno
**=due partite in meno


Top Scorer LNA
#                Club   Punti (reti+assist)
1.D.Jeffrey     (Losanna) 45     (11+34)
2.N.Danielsson  (Losanna) 41     (21+20)
3.G.Roe         (Zugo)    40     (11+29)
4.V.Stalberg    (Zugo)    39     (17+22)
5.M.Arcobello   (Berna)   39     (13+26)

Top Goalies
#                     Club     Svs%    GAA
1.L.Genoni           (Berna)   93,26   1.92
2.L.Flüeler          (Zurigo)  92,96   1.87
3.T.Stephan          (Zugo)    92,51   2.43
4.B.Brust            (Friborgo)92,17   2.39
5.J.Hiller           (Biel)    91,85   2.53

Gli highlights di Lugano e Ambrì

Tags: ,