Lotta serrata nei due giorni di IHL

La prima giornata della seconda fase di IHL è caratterizzata da gare combattute risolte in overtime (Merano-Pergine) e nel terzo periodo (Milano-Fiemme e Varese-Feltre), oppure a rimonte mancate come nel caso del Caldaro nel finale di gara contro l’Appiano.

A Milano il Fiemme resiste due tempi inchiodando il risultato sullo 0-0, i meneghini si affidano al fattore P (Pirelli, Perna, Petrov, Piccinelli) e a Vanetti per piegare un avversario ostico arrivato nel capoluogo lombardo con l’intenzione di conquistare punti. Shutout per Alessandro Tura. (leggi la cronaca)

L’Appiano si aggiudica il derby d’Oltradige, tuttavia raggiunto il 4-1 alla fine della frazione centrale con la doppietta di Daniel Peruzzo e i goal di Fabian Ebner ed Emanuel Scelfo, subiscono il ritorno dei Lucci, i quali, dopo il pareggio nel primo tempo di Manuel Gamper, raggiungono il 3-4 con il power play concretizzato da Michael Felderer e la rete, 3’ più tardi, di Benjamin Bregenzer. La risalita del Caldaro passa dall’ultimo power play della gara e dall’uomo di movimento in più, mossa pagata con il goal a porta di Peruzzo all’hattrick personale.

Il Pergine sfiora il colpaccio a Merano con i goal nel primo tempo di Yuri Cristellon e Matteo Mondon Marin in superiorità. Incassato 1-2 di Ingemar Gruber in doppia inferiorità, le Linci ristabiliscono le distanze con Andrea Strazzabosco in situazione di uomo in più. Nella stessa situazione di gioco, il capitano delle Aquile bianconere suona la carica riaprendo la partita nel terzo periodo, seguito da Flavio Faggioni che firma il goal che manda le due formazioni all’overtime. Tempo supplementare risolto da Manuel Lo Presti al 62.51.

Nel Relegation Round il Como si illude con il vantaggio firmato da Filippo Ambrosoli nel primo tempo, tuttavia i lariani crollano nella frazione centrale, domati da un Alleghe a segno con sei giocatori diversi: colpiti a freddo da Moreno Cadorin alla prima azione della prima ripresa, le Civette ribaltano il punteggio con Erwin Martini in power play, il momentaneo pareggio di Filippo Guaita dura meno di 6’, a causa di un power play tutt’altro che perfetto che avvantaggia Daniele Veggiato. Scardinata la gabbia di Tesini,i biancorossi dilagano con Simone Luciani e Loris De Val. Il cambio di portiere tra i comaschi non mischia le carte in tavola: Edgar De Toni e De Val completano lo score dei bellunesi, nel mezzo la rete di Filippo Ambrosoli in power play.

L’Ora impiega un periodo per avere ragione del Chiavenna, la resistenza verdeblù è piegata nella frazioen centrale utilizzando due power finalizzati da Manuel Tschöll e Markus Simonazzi. Risultato messo in ghiaccio nell’ultima frazione centrale da Zerbetto e dalla doppietta di Calovi. La rete della bandiera chiavennasca di Davide Molinetti chiude l’incontro.

La serata negativa delle lombarde nel Relegation Round è salvata dal Varese, anche se i Bandits devono attendere 42’ per espugnare Forte Burzacca per mano di Daniele Odoni, mentre nel primo tempo I Picchi hanno colpito con Giorgio DeGiacinto e Lorenzo Dall’Agnol (in power play). Trovata la via del goal, i bosini hanno dapprima pareggiato con Daniele Di Vincenzo e, successivamente, trovato il vantaggio con Salvatore Sorrenti. Punteggio blindato da Fabio Rigoni.

 
Programma e risultati 1a giornata
giovedì 4 gennaio
 
Master Round
Caldaro   – Appiano   3-5
Merano    – Pergine   4-3 ot
Milano RB – Fiemme    5-0

Relegation Round
Como      – Alleghe   3-7
Ora       – Chiavenna 5-1
Varese    – Feltre    4-2

 
Classifica Master Round
1.Milano RB  23
 punti
2.Appiano    21
3.Merano     17
4.Pergine    13
5.Fiemme     13

6.Caldaro    11

Classifica Relegation Round
1.Ora        14
2.Varese     10
3.Alleghe     9
4.Como        8
5.Chiavenna   6
6.Feltre      1
 

Prossimo turno (2a giornata)
sabato 6 gennaio
Master Round
Appiano   – Merano
Caldaro   – Fiemme
Relegation Round
Alleghe   – Varese

domenica 7 gennaio
Master Round
Pergine   – Milano RB
Relegation Round
Chiavenna – Como
Ora       – Feltre

Tags: