Berna sempre al vertice, in coda scivola l’Ambrì

Il Berna è sempre al comando del campionato di NL, nonostante qualche frenata di troppo. I campioni in carica, che per la verità devono affrontare anche l’impegno in Champions Hockey League con gli svedesi del Vaxjö, non ottengono infatti una vittoria da tre punti dal 25 novembre scorso. Gli Orsi, sconfitti in casa all’overtime dal Ginevra (4-3), dopo aver subito la rimonta nel terzo periodo (decisivo il gol di  Tömmernes), sono andati a prendersi due punti a Losanna (3-2), grazie alla rete, sempre nel supplementare, di Haas.

Ad inseguire rimane il Lugano, che, ha interrotto la striscia di quattro successi consecutivi, cedendo a sorpresa in casa contro il Losanna (5-3), in una partita contraddistinta da troppi errori di concentrazione in fase difensiva, in cui si è rivisto finalmente in pista Brunner, autore del suo primo gol stagionale. I bianconeri, però, si sono prontamente riscattati vincendo ai rigori in una pista tutt’altro che facile come quella di Zugo (4-3). Protagonista della partita ancora una volta Hofmann, che, così come contro il Losanna, ha realizzato una doppietta e il penalty decisivo. I tre gol subiti ad opera di Lammer (doppietta) e Klingberg, nell’arco di poco più di un minuto, stanno a testimoniare che la formazione di Ireland deve ancora lavorare per registrare qualche meccanismo sia dal punto vista tattico che mentale.

Sfruttando i passi falsi delle concorrenti, sale al terzo poso il Davos che, dopo aver battuto in trasferta il Friborgo (4-3), ribaltando l’esito della partita nel terzo periodo, grazie ai gol di Corvi e Simion, ha sconfitto alla Vaillant Arena anche il Bienne (3-2). La curiosità viene dal fatto che, nel tabellino dei marcatori, figurano nuovamente Corvi (autore di una doppietta) e Simion.

Sta vivendo un momento di difficoltà lo Zurigo, che, partito come sempre con grandi ambizioni, ha incassato due sconfitte di fila per mano del Bienne (5-2) e, soprattutto, quella pesante, nel derby, ad opera del Kloten (5-1), dove gli “aviatori”, nonostante l’ultimo posto in classifica, l’hanno fatta da padroni schiantando i Lions con i gol di Leone, Hollenstein, Santala, Schlagenhauf e Sallinen. Più indietro il discontinuo Zugo che, nonostante tutto, è stato in grado di portare a casa quattro punti. Prima della sconfitta casalinga contro il Lugano, infatti, i Tori si erano imposti alla Valascia (3-1) con i gol di Forrer, Diaz e Roe.  Rimane al sesto posto, nonostante due sconfitte, il Friborgo. I burgundi prima della battuta d’arresto interna contro il Davos, hanno dovuto cedere anche al Ginevra alle Vernets (1-0), battuti dall’unico gol realizzato da Bezina.  

Dopo il Bienne, settimo, la classifica, allo stato attuale, evidenzia una lotta serrata e appassionante tra tre squadre, Losanna, Langnau e Ginevra, per afferrare l’ultimo posto disponibile per l’accesso ai playoff. Se da un lato i vodesi, capaci di espugnare la Resega e di cedere solo all’overtime ai campioni del Berna, dopo il cambio della guida tecnica, hanno mostrato ancora una volta tutte le loro potenzialità, grazie soprattutto alla qualità degli stranieri,dall’altro, il  Langnau, anch’esso a 40 punti, rimane saldamente agganciato al treno grazie ai due successi ottenuti nel corso della settimana. Dopo aver travolto l’Ambrì (9-4) alla Ilfis, al termine di una partita che, nonostante quanto dica il risultato, è  rimasta in bilico fino al termine del secondo periodo, i Tigrotti hanno passeggiato contro il Kloten (4-1), recuperando la rete iniziale di Schlagenhauf, realizzando quattro reti nel giro di nove minuti (doppietta di Elo). Anche il Ginevra, dopo un inizio di stagione particolarmente sofferto, sta assimilando al meglio il nuovo sistema di gioco, mandando segnali incoraggianti. Chiudono la classifica, distaccate, Ambrì e Kloten. Merita una riflessione particolare proprio la squadra leventinese, che, dopo aver illuso i propri tifosi con qualche prestazione roboante (vedi la netta vittoria contro lo Zurigo), sta scivolando pian piano verso il fondo della classifica, a causa delle cinque sconfitte nelle ultime sei partite. Quello che preoccupa della squadra di Luca Cereda, è soprattutto la mancanza di continuità a livello mentale, nonché la cronica incapacità di trovare soluzioni appropriate nei momenti di difficoltà.

Periodo di prova superato da Kevin Kühni, il terzino con licenza B rimarrà a Friborgo fino al termine della stagione in corso. I burgundi si sono assicurati, dalla prossima stagione (e per due anni), Lukas Lhotak, attaccante attualmente nelle fila dell’Ambrì Piotta.
Yannick-Lennart Albrecht al termine del campionato lascerà Langnau per trasferirsi a Zugo: l’attaccante ha firmato coi Tori un contratto triennale.


Risultati

martedì 5 dicembre
Losanna  – Kloten   4-0

giovedì 7 dicembre
Ginevra  – Friborgo 1-0

venerdì 8 dicembre
Ambrì    – Zugo     1-3
Berna    – Ginevra  3-4 ot
Biel     – Zurigo   5-2
Friborgo – Davos    3-4
Lugano   – Losanna  3-5 

sabato 9 dicembre
Davos    – Biel     3-2
Losanna  – Berna    2-3 ot
Langnau  – Ambrì    9-4
Zurigo   – Kloten   1-5
Zugo     – Lugano   3-4 so

domenica 10 dicembre
Kloten   – Langnau  1-4

Classifica LNA (dopo 30 giornate)
1.Berna     63 punti*
2.Lugano    55**
3.Davos     50
4.Zurigo    49
5.Zugo      46**
6.Friborgo  46*
7.Biel      43
8.Langnau   40
9.Losanna   40*
10.Ginevra  39*
11.Ambrì    33
12.Kloten   24*
*=una partita in meno
**=due partite in meno


Top Scorer LNA
#                Club   Punti (reti+assist)
1.A.Ebbett      (Berna)   33     (10+23)
2.G.Roe         (Zugo)    33     (9+24)
3.D.Jeffrey     (Losanna) 33     (8+25)
4.V.Stalberg    (Zugo)    32     (15+17)
5.L.Fazzini     (Lugano)  32     (14+18)
6.M.Arcobello   (Berna)   32     (10+22)

Top Goalies
#                     Club     Svs%    GAA
1.L.Genoni           (Berna)   92,87   2.02
2.T.Stephan          (Zugo)    92,56   2.40
3.L.Flüeler          (Zurigo)  92,31   2.03
4.R.Mayer            (Ginevra) 92,25   2.37
5.E.Merzlikins       (Lugano)  92,07   2.54

Gli highlights di Lugano e Ambrì

 

Tags: