Nate Di Casmirro regala la vittoria al Val Pusteria

Al Val Pusteria non riesce “l’operazione sorpasso” ai danni del Feldkirch. La formazione di Petri Mattila riesce infatti a vincere la gara, ma la ottiene soltanto ai tiri di rigore, incamerando, conseguentemente, solo un punto (due contro uno) in più degli avversari. Il Feldkirch è parsa formazione ben attrezzata ed anche all’Arena Lungo Rienza ha confermato il suo buon momento che gli ha permesso di ottenere 23 punti nelle ultime undici gare disputate, con cinque vittorie, nelle ultime sette gare esterne. Il Val Pusteria ha confermato i progressi, soprattutto temperamentali, messi in mostra nelle ultimo periodo che ha portato la formazione brunicense ad ottenere 25 punti nelle ultime undici gare disputate.
Nel primo tempo il Pusteria ha tirato molto verso la porta avversaria ma è stato il Feldkirch a segnare. Riavvolgendo il film della gara, possiamo dire che il primo drittel è iniziato ad un ritmo forsennato e per i primi sette minuti le due formazioni hanno pattinato e giostrato a tutta velocità. La prima vera opportunità capita sulla stecca di Winzig che (6:50) si fa parare la conclusione da Tragust. Risponde il Val Pusteria con un tiro di Johansson (7:11) che si spenge fra i guantoni di Alex Caffi. Il Val Pusteria ha la migliore occasione (8:30) per passare in vantaggio con un tiro dalla blu di Eric Johansson che scheggia il palo sinistro della gabbia di Caffi. Il vantaggio della formazione austriaca arriva al minuto 14:15. Il goal porta la firma di Diethard Winzig, ma il merito della segnatura va tutto a Dylan Stanley che lavora un disco in mezzo a due difensori, lo serve sul centro porta, dove, indisturbato, Winzig, da due passi, ha tutto il tempo di deporlo alle spalle del portiere Pusterese. Non c’è neppure il tempo per lo speaer, di annunciare la marcatura che, subito, approfittando dello sbandamento della difesa dei Lupi, il Feldirch raddoppia con un azione dritto per dritto, conclusa in rete da Sven Grasböck.

Il secondo tempo, il Val Pusteria, scende sul ghiaccio con un piglio totalmente diverso. La riscossa parte dalla quarta linea di Benno Obermaier, Lukas Tauber e Raphael Andergassen che trova il goal che riaccende la partita. Lazione parte da un tiro di Tauber, (22:59) effettuato a metà strada tra la linea blu e l’area di porta, dal lato sinistro dello schieramento offensivo. Il disco, colpito con forza, trova l’angolo della porta dove Caffi non può arrivare. Il goal riaccende la gara ed l’Arena Lungo Rienza esplode letteralmente, sette minuti dopo (29:53) al goal di Patrick Bona che, servito da Hofer, in posizione centrale, lasciato colpevolmente libero di calibrare il tiro, infila un siluro al sette della gabbia di Caffi. Adesso la squadra di casa ci crede ed il pubblico sospinge i suoi beniamini alla ricerca della terza segnatura che arriva (33:21) grazie alla caparbietà ed alla forza di Max Oberrauch. L’attaccante, servito da Alex De lorenzo meo, si accentra e in scivolata batte, ancora, l’estremo difensore austriaco.
Il terzo tempo si apre con una grande pressione della formazione ospite che getta il cuore oltre l’ostacolo nel tentativo di pareggiare. Il Val Pusteria dà l’impressione di voler rifiatare e di cercare di controllare la gara. Il tentativo potrebbe dare anche il frutto auspicato dai padroni di casa se la difesa dei lupi (stasera in completa divisa nera) non si facesse “uccellare” dalla conclusione che regala il pareggio agli ospiti. Il merito del goal va totalmente al suo realizzatore: Kristof Reinthaler che, supera il suo diretto avversario sul lato destro dello schieramento offensivo degli austriaci, gira intorno alla gabbia (proprio davanti alla tribuna stampa) e infila l’angolo opposto della gabbia difesa da Tragust. Il Val Pusteria accusa il colpo e fino alla fine, non riesce più a imprimere forza al suo gioco d’attacco.
Si arriva all’Overtime che si gioca con tre uomini di movimento per parte, ma, anche in questo periodo di gioco, le due formazioni non riescono a superarsi. La sfida si decide quindi ai tiri di rigore. Winzig (Feldkirch), Oberrauch (Val Pusteria), Stainley (Feldkirch), Pance (Val Pusteria) e Birnstill (Feldkirch), non riescono a segnare ed allora ci pensa Nate Dicasmirro a far goal, a chiudere la sfida e regalare la vittoria (da due punti) ai suoi colori.

HC Lupi Val Pusteria – FBI VEU Feldkirch 4 – 3 d.t.r. (0-2, 3-0, 0-1, 0-0, 1-0)
09.12.2017, ore 20:00: Rienz Arena di Brunico. Spettatori: 1120
Arbitri: Stefan KUMMER, Florian WIDMANN, Giudici di Linea: Thomas Egger, Piero Giacomozzi.
MARCATORI: 14:15 0:1 Diethard Winzig (Stanley – Draschkowitz); 14:39 0:2 Sven Grasböck (Puschnik – Wiedmaier); 22:59 1:2 Lukas Tauber (Andergassen – Bona); 29:53 2:2 PP1 Patrick Bona (Johansson -Oberrauch); 33:21 3:2 Max Oberrauch (De lorenzo meo – DiCasmirro); 49:50 3:3 Kristof Reinthaler (Birnstill – Breuß). 65:00 4:3 Nate DiCasmirro.

CLASSIFICA GENERALE:
1 – Rittner Buam (22 gare) 53 punti.
2 – Migross Supermercato Asiago Hockey 1935 (22 gare) 48 punti.
3 – HDD SIJ Acroni Jesenice (20 gare) 45 punti.
4 – FBI VEU Feldkirch (22 gare) 43 punti
5 – HC Lupi Val Pusteria / HC Pustertal Wölfe (22 gare) 42 punti.
6 – HK SZ Olimpija/Olimpia Lubiana (22 gare) 38 punti.
7 – WSV Vipiteno Broncos Weihenstephan (22 gare) 36 punti,
8 – Sportivi Ghiaccio Cortina Hafro (22 gare) 36 punti,
9 – EC Bregenzerwald (23 gare) 36 punti,
10 – EK Zeller Eisbären (23 gare) 31 punti,
11 – EHC Alge Elastic Lustenau (22 gare) 28 punti
12 – EC „Die Adler“ Stadtwerke Kitzbühel, (21 gare) 27 punti,
13 – HC Gherdëina valgardena.it (22 gare) 24 punti,
14 – Red Bull Hockey Juniors (15 gare) 22 punti,
15 – HC Egna /Neumarkt Riwega (22 gare) 18 punti;
16 – HC Fassa Falcons (22 gare) 17 punti,
17 – EC-KAC II Klagenfurt (22 gare) 5 punti.