Il Val Pusteria vince per 4 a 0 il derby con l’Egna

Il Val Pusteria festeggia unitamente alla seconda vittoria consecutiva, lo Shutout del suo portiere, Thomas Tragust. I Lupi che scendono sul ghiaccio in maglia nera, sono ancora privi del lungo degente Thomas Erlacher, mentre gli ospiti, in maglia bianca con la banda orizzontale rossa, non presentano defezione alcuna nel roster.
Al 2:11 segnaliamo la prima occasione, per le Oche Selvagge, che arriva sulla stecca di Michael Sullman, il quale, liberatosi in controfuga, si trova in 1 vs 1, ma spara addosso al portiere. Il Val Pusteria pressa molto ma nonostante questo, la fase offensiva dei giallo neri, non riesce a decollare. Il match si sblocca soltanto col primo power play della serata. Nedved Ondrej viene spedito in gabbia puniti e circa cinquanta secondi dopo, Bruneteau, riceve un disco da dietro la gabbia e, con tiro centrale insacca il puck alle spalle dei Morandell. Il raddoppio arriva poco dopo su azione offensiva conclusa con un tiro dalla breve distanza di Eric Pance che infila il puck all’angolino destro della porta ospite. Prima della pausa il Val Pusteria passa indenne due minuti di inferiorità numerica sul ghiaccio (Eric Pance in gabbia puniti) nel quale la formazione della bassa atesina pur pressando molto, non riesce ad impensierire Thomas Tragust.

Il secondo drittel è sicuramente meno spettacolare del primo. Il Val Pusteria rischia un po’ su una ripartenza in controfuga di Florian Wieser che, solo davanti alla porta, si fa ipnotizzare da Tragust. Dall’altra parte si fa applaudire Nick Bruneteau che con un bello slalom salta come birilli tre difensori ma conclude sul corpo del portiere. Da questo momento la gara si fa un po’ nervosa. Prima tocca ad Elliscassis assaggiare la durezza del pancone, ma anche con l’uomo in meno il Val Pusteria non si lascia schiacciare dagli avversari che hanno la loro migliore occasione addirittura in controfuga. Quindi accendono le micce Max Oberrauch e Ondre Nedved che si punzecchiano a centro pista e si beccano una doppia sanzione. Non c’è tempo di poter saggiare la ristabilita parità numerica sul ghiaccio, che i padroni di casa debbono giocare in doppia inferiorità numerica (Helfer e Elliscassis in panca puniti) per due minuti. Ma anche in questa occasione, la gabbia di Tragust tiene ed il tempo si chiude sull’identico risultato di 2 a 0 col quale erano terminati i primi venti minuti di gioco.
Il Val Pusteria inizia di gran carriera il terzo tempo e già dopo tre minuti trova il goal del tre a zero con Max Oberrauch lesto a deviare, sotto porta, un passaggio di Ivan Althuber. La gara a questo punto non ha più storia e, dopo un paio di azioni favorevoli non concretizzate anche per la destrezza di Daniel Morandell, arriva sul finire il goal del 4 a zero con Ringrose.
Il Val Pusteria con 11 goal segnati e solo uno subito nelle ultime due, vittoriose prestazioni, ha mostrato indubbiamente cenni di miglioramento, soprattutto comportamentale, anche se la cartina al tornasole delle aspirazioni della formazione brunicense saranno i risultati che i ragazzi di Ivo MACHACKA otterranno nelle prossime gare che li vedranno opposti a Rittner Buam (in casa) e Lustenau ed Olimpia Lubiana in trasferta.

HC Val Pusteria Lupi – HC Egna Riwega 4-0 (2-0, 0-0, 2-0)
04.11.2017: (20:00). Arbitri: Gerald PODLESNIK, Florian WIDMANN, Giudici di Linea: Antonio Piras, Federico Stefenelli. Spettatori: 940.
MARCATORI: 11:28 1:0 GWG PP1 PUS Nick Bruneteau; 13:43 2:0 EQ PUS Eric Pance; 43:39 3:0 EQ PUS Oberrauch; 57:20 4:0 EQ PUS Ringrose.