I Rittner Buam stravincono (8-4) con il Bregenzerwald

I Rittner Buam danno un’impressionante dimostrazione di forza, schiantando al di là del pur pesante risultato finale il Bregenzerwald. L’esito della gara non è mai stato in discussione, troppo ampio il divario tra le due formazioni sul ghiaccio. Il povero Bregenzerwald che, dopo la imprevista sconfitta, all’overtime, patita sul ghiaccio della Würth Arena di Egna, aveva infilato tre vittorie consecutive: con Val Pusteria ed Asiago (in casa) inframezzate da quella esterna al Gianmario Scola di Canazei, ha, stasera, subito una pesante lezione di hockey dai campioni dei d’Italia e di AHL.
I Rittner Buam, schierati in maglia grigia, devono fare a meno dei lungo degenti, Andreas Alber e Maximilian Ploner. La formazione del Voralberg si schiera, di contro, in una splendida maglia verde che richiama nel colore e nella forma, proprio il bosco dal quale la formazione di Jussi Tupamaki prende il nome.

Il primo tempo, almeno nei primi diciannove minuti è un monologo della squadra di casa che cinge d’assedio la gabbia difesa da Misa Pietila con un forechecking asfissiante che costringe la formazione ospite a giocare, perennemente in affanno, quasi come se fosse in inferiorità numerica.
Con tali premesse il goal non può che arrivare ed è così che, quando al 9:44, Philipp Pechlaner ribatte in rete un tiro, dalla blue, di Ivan Tauferer, rintuzzato dal portiere, la cosa pare come la logica conclusione del gioco espresso fino a quel momento dai padroni di casa. Il due a zero arriva poco dopo con una bomba di Ivan Tauferer che si insacca all’angolo alto sotto la traversa. Il tre a zero è confezionato dalla premiata ditta “gemelli Ahlströhm”. L’azione è conclusa con tiro imparabile a fil di palo di Oskar. Il quattro a zero è opera di Julian Kostner, che, da posizione angolare, infila la gabbia del portiere austriaco. Il Bregenzerwald si sveglia nel finale con una bella azione di Juuso Mörsky che insacca dalla breve distanza con un tiro centrale. Primo tempo, molto tranquillo anche da punto di vista delle sanzioni arbitrali, tanto che l’unica esclusione arriva per un (involontario) sgambetto del difensore austriaco Siutz Philip, a circa quattro dalla sirena.
Nel secondo drittel i Buam controllano la partita e vanno ad incrementare il loro già ampio vantaggio con Dan Tudin che in power play, (Siutz Philip in panca puniti) servito da Bradley Cole, si invola verso la porta avversaria ed infila il puck a mezz’altezza alle spalle di Pietila. Il 6 a 1 non tarda ad arrivare con Alex Frei che, dalla breve distanza, infila ancora, in goal, un invito di Markus Spinell.
Con ancora mezz’ora da giocare il match va di fatto in archivio ed il risultato può essere considerato, praticamente, in ghiaccio. La gara è praticamente finita, ma un paio di decisioni della coppia arbitrale, lungamente contestate dal pubblico, costringono i Buam a giocare in doppia inferiorità numerica e, proprio in 5 vs 3, arriva dalla blue, in posizione centrale, il goal di Jurgen Fussenegger che accorcia le distanze.
Nel terzo drittel il match è giocato dalle due formazioni quasi per “onor di firma”. I Buam dimostrano, comunque, di poter segnare anche giocando sotto ritmo e Markus Spinell, dal lato sinistro, non si fa pregare per tradurre in goal un interessante servizio di Julian Kostner, proveniente dalla parte opposta. Il Bregenzerwald trova, con la difesa di casa un po’ distratta, un bel goal con Christian Haidinger su passaggio di Fussenegger. Le segnature finali di Philipp Pöschmann e, di nuovo, del bravissimo Markus Spinell non cambiano il senso di una gara largamente dominata dai padroni di casa, molto più di quanto non dica il già largo punteggio finale.

Rittner Buam – EC Bregenzerwald 8-4 (4-1, 2-1, 2-2)
01.11.17, ore 20:00, ARENA RITTEN di Collalbo. Spettatori:621
Arbitri: Simone MISCHIATTI, Andreas SUPPER, Giudici di Linea: Christian Cristeli, Julia Kainberger
MARCATORI: 09:44 1:0 RIT Pechlaner Philipp (Tauferer); 10:21 2:0 GWG EQ RIT Tauferer Ivan (Kostner S. —— Ahlströhm O.); 14:01 3:0 EQ RIT Oskar Ahlströhm (Ahlström V. – Lutz A.); 15:09 4:0 EQ RIT Julian Kostner (Spinell M. – Frei A. (21); 19:07 4:1 EQ ECB Mörsky J. (Haidinger C. – Mitgutsch D.); 29:13 5:1 PP1 RIT Tudin D. (Cole B.); 30:43 6:1 EQ RIT Alex Frei (Spinell M. – Lutz A.); 37:13 6:2 PP2 ECB Jurgen Fussenegger (Waldhauser G. – Ban D.); 45:50 7:2 EQ RIT Markus Spinell M. (Kostner J.); 49:12 7:3 EQ ECB Christian Haidinger (Fussenegger); 56:41 7:4 EQ ECB Philipp Pöschmann (Mörsky – Haidinger), 57:38 8:4 EQ RIT Markus Spinell (Eisath – Cole).