IHL: il Fiemme perde la testa, l’Ora no

E’ una domenica dal sapore dolce quella che celebra i successi casalinghi delle formazioni lombarde di Como e Varese negli incroci con quelle trentine di Pergine e Fiemme. Con la sconfitta dei Lupi gialloneri, l’Ora rimane l’unica formazione al fianco del Milano in testa alla classifica.

Il Como ottiene il primo successo battendo a Casate il Pergine; in un palaghiaccio chiuso al pubblico per i noti problemi alla struttura, le due formazioni danno vita ad una partita vivace:  i lariani, passati in vantaggio con Matteo Formentini, subiscono il ritorno delle Linci che ribaltano il punteggio con Andrea Meneghini e Filippo Sinosi, quest’ultimo in rete in situazione di uomo in meno. Gli ospiti, maggiormente propensi all’attacco, devono fare i conti con il cinismo dei comaschi che operano il controsorpasso con Filippo Ambrosoli e René Vallazza; l’allungo è firmato da Gianluca Tilaro in shorthanded a dimostrazione di power play, da ambo le parti, poco attenti. Al 57.49 i biancorossi riaprono la partita con Daniele Colombini, coach Fabio Armani toglie il portiere per l’uomo di movimento in più, ma subisce il quinto goal firmato da Paolo Gardiol.

Partita dai due volti a Varese, dove i Bandits ottengono un successo insperato in overtime. Nonostante il  lavoro in settimana per migliorare la disciplina, le penalità sono ancora un tallone d’Achille per i bosini che incassano le reti di Paolo Widmann ed Enrico Chelodi in power play. I fiemmazzi prendono il largo nella frazione centrale con lo stesso Chelodi, Rudi Locatin e Paolo Nicolao, ma qualcosa s’inceppa nei meccanismi della formazione guidata da Armando Chelodi e nella testa dei giocatori, incapaci di mettere un freno alla crescente prestazione dei padroni di casa, i quali, prima accorciano con Marco Andreoni in chiusura di secondo periodo, successivamente li travolgono nel terzo tempo raggiungendo il pareggio. All’overtime, quando si materializza lo spettro dei rigori, in inferiorità, il bandito Fabio Rigoni, in penalty killing, spara il colpo che risolve la partita.

L’Ora rende amaro il debutto casalingo del Feltreghiaccio: partita a senso unico sin dalle prime battute con la formazione della Bassa Atesina  sul 3-0 dopo il primo tempo (Ivan Girardi, Manuel Tschöll e Marian Zelger i marcatori). Punteggio messo in ghiaccio nella frazione centrale con la seconda rete personale di Zelger e quella di Manuel Hanspeter. Da segnalare il 2+10 inflitto al feltrino Lorenzo Dall’Agnol per una carica alla testa ad un avversario.

Programma e risultati 3a giornata

sabato 30 settembre
Alleghe  – Merano    2-5
Appiano  – Chiavenna 3-0
Caldaro  – Milano RB 2-5

domenica 1 ottobre
Como     – Pergine   5-3
Feltre   – Ora       0-5
Varese   – Fiemme    6-5 ot

Classifica
1.Milano RB   9 punti
2.Ora         9
3.Appiano     7
4.Fiemme      7
5.Merano      6
6.Caldaro     5
7.Varese      5
8.Como        3
9.Alleghe     0*
10.Feltre     0*
11.Chiavenna  0
12.Pergine    0
*=una partita in meno

Tags: