Bolzano sconfitto di misura, alla Stadthalle il KAC la spunta per 2 a 1

(Comun. stampa HC Bolzano) – Quarta sconfitta in cinque partite per l’HCB Alto Adige Alperia, la terza consecutiva lontano dalle mura di casa. Alla Stadthalle di Klagenfurt il KAC la spunta per 2 a 1, grazie alle reti di Manuel Ganahl nel primo tempo e di Mitja Robar nel secondo. Monardo prova a rilanciare i Foxes nel terzo drittel, ma i biancorossi non riescono a portare il match all’overtime. Ancora decisive le penalità: in powerplay il primo goal dei padroni di casa, con il secondo arrivato invece proprio allo scadere di un’altra superiorità numerica. Altri quattro invece i minuti totali giocati con l’uomo in meno dal Bolzano proprio dopo il goal che aveva accorciato le distanze.

Nei primi 10 minuti del primo tempo è il Klagenfurt a fare la partita e a rendersi più volte pericoloso dalle parti di Melichercik. Il goalie slovacco è bravo ad opporsi alle sfuriate austriache e in particolar modo a un tiro di Strong da posizione interessante. Bolzano che resiste a una prima inferiorità numerica (Bernard in panca punti), ma quando gli arbitri fischiano un 2+2 per carica scorretta a Halmo, il Klagenfurt trova il vantaggio: è il minuto 11:21 quando Ganahl si invola nel terzo offensivo e spara un siluro all’incrocio dei pali, imparabile per Melichercik. Dall’altra un Madlener quasi inoperoso fino a pochi minuti dalla prima sirena, quando i Foxes possono usufruire di due powerplay consecutivi: l’estremo difensore austriaco riesce però a neutralizzare due buone conclusioni di Egger e Petan. 1 a 0 dopo i primi 20 minuti.

Il periodo centrale si apre nel peggiore dei modi. Angelidis viene spedito nel pancone dei cattivi, i Foxes resistono al powerplay austriaco, ma, proprio al rientro in pista del numero 10 biancorosso, Mitja Robar lascia partire un missile dalla blu che batte Melichercik. Bolzano che avrebbe subito l’occasione per riaprire la gara, a sua volta in superiorità numerica: colossale l’occasione sulla stecca di Oleksuk che, liberato da Halmo, a tu per tu con Madlener non riesce ad incidere. Poi il Klagenfurt prende totalmente in mano la partita, mettendo una pressione asfissiante ai Foxes. Finale di tempo ancora in powerplay per l’HCB, vicino al goal con Austin Smith. Ma i padroni di casa sono avanti per 2 a 0 alla seconda sirena.

I Foxes fanno fatica a carburare anche nel terzo drittel, ma al 45:30 ecco l’episodio che serviva a riaprire i giochi: conclusione di DeSousa, gran traffico davanti alla porta dopo la parata di Madlener e tocco vincente di Domenic Monardo, al suo primo goal in EBEL. Distanze accorciate e biancorossi di nuovo pienamente in partita. La pressione aumenta notevolmente, ma viene smorzata da due penalità fischiate a DeSousa prima ed Egger poi. Bolzano che resiste in inferiorità numerica, ma il tempo passa e gli ultimi minuti sono un assedio biancorosso: anche l’assalto con il sesto uomo di movimento però non produce gli effetti sperati e Madlener salva all’ultimo su un gran tiro di Austin Smith. Il suono della sirena decreta il 2 a 1 in favore del KAC.

EC KAC – HCB Alto Adige Alperia 2 – 1 [1-0; 1-0; 0-1]
Reti: 11:21 Manuel Ganahl PP1 (1-0); 23:30 Mitja Robar (2-0); 45:30 Domenic Monardo (2-1)
Arbitri: Babic, Baluska / Ettlmayr, Verworner
Spettatori: 3.166

Tags: