FG2: Appiano di carattere, Serie in parità

Con una prestazione gagliarda l’Appiano pareggia la serie: sotto di due goal la formazione guidata da Chizzali non demorde e con grande spirito di squadra risale la china e sferra la sciabolata che stende il Milano Rossoblu.

Rispetto a Gara 1 i padroni di casa recuperano Ceresa in difesa e Unterkofler in attacco, il Milano deve fare a meno di Betti. Avvio al fulmicotone del Milano: al secondo affondo Pichler ferma Terzago irregolarmente per colpo di bastone, il fallo spalanca le porte a Perna, il quale finalizza il suggerimento di Schina; i rossoblù approfittano di un Appiano contratto ed ottengono il raddoppio con una deviazione di Migliore sul tiro dalla blu di Ilic. Tutto semplice fin qui per gli uomini di Da Rin, si prospetta una partita in discesa, tuttavia il doppio svantaggio non scoraggia i padroni di casa, i quali, trascinati da capitan Ceresa, pareggiano con Peruzzo, uno degli uomini di esperienza nel roster gialloblù. L’arrembaggio è iniziato, il pareggio inverte l’inerzia dell’incontro che passa nelle mani dei Pirati; i meneghini sotto assedio cedono al contropiede di Alex Jaitner 3’ più tardi.
Nel secondo tempo i saimini riprendono a premere in avanti, due penalità consentono agli altoatesini di tornare a veleggiare dalle parti di Tura e di colpire, in cinque contro tre, la traversa. Nonostante ciò la frazione centrale rimane in equilibrio offrendo poche opportunità.
Il Milano stenta nel terzo tempo, la prima conclusione, di Ilic, matura in superiorità, situazione speciale non sfruttata dagli ospiti. Chi non sbaglia è l’Appiano che trova il primo vantaggio della partita con Hölzl. Nel finale il 5+20 affibbiato a Re complica i piani dei saimini, in loro soccorso accorre Ebner con un fallo per gancio con bastone al 58’04”: dopo il timeout chiesto da Da Rin, Tura rimane in panchina per l’uomo di movimento in più e i milanesi sfiorano il pareggio con Petrov neutralizzato da un attento Tomasi a 30” dalla sirena. E’ l’episodio che chiude la partita e rimanda le ostilità a Gara 3, in programma al PalAgorà di Milano venerdì 7 aprile alle ore 20.30. Partita che non vedrà sul ghiaccio Re per la squalifica che il Giudice sportivo comminerà al terzino.

Appiano – Milano Rossoblu 3-2 (2-2; 0-0; 1-0)
Appiano: Alex Tomasi (Simon Fabris); Matthias Eisenstecken – David Ceresa – Philipp Platter – Hannes Pichler – Fabian Spitaler – Daniel Fabris – Maximilian Hofer – Markus Siller; Philipp Jaitner – Tobias Ebner – Jan Waldner – Lorenz Röggl – Alex Jaitner – Robert Raffeiner – Stefan Unterkofler – Daniel Peruzzo – Hannes Hölzl – Simone Critelli – Pavel Frometa – Hannes Andergassen. Coach: Robert Chizzali
Milano Rossoblu: Alessandro Tura (Riccardo Pignatti); Andrea Schina – Alessandro Re – Daniel Spimpolo – Stefan Ilic – Andrea fadani – Lorenzo Piccinelli; Marcello Borghi – Andrea Vanetti – Domenico Perna – Marco Pozzi – Aleksandr Petrov – Tommaso Migliore – Matteo Mondon Marin – Tommaso Terzago – Simone Asinelli – Stefano Gherardi – Mattia Alario – Andrea Pirelli. Coach: Massimo Da Rin
Arbitri: Michele Gastaldelli e Marco Mori Linesmen: Ulrich Pardatscher e Antonio Piras
Penalità: Appiano 12 (4/2/6) – Milano Rossoblu 31 (2/4/25)
Tiri: Appiano 24 (13/6/5) – Milano Rossoblu 23 (9/7/7)
Marcatori: (0-1) 02.12 Domenico Perna (Andrea Schina – Andrea Vanetti) PP; (0-2) 03.38 Tommaso Migliore (Stefan Ilic – Marco Pozzi); (1-2) 11.09 Daniel Peruzzo (Stefan Unterkofler – Jan Waldner); (2-2) 14.12 Alex Jaitner (David Ceresa – Hannes Hölzl); (3-2) 49.28 Hannes Hölzl (Alex Jaitner)
Spettatori: 806

Tags: