EBEL: in semifinale Bolzano è sotto nella serie ma promette battaglia

Le prime due gare delle semifinali play off in EBEL vanno alle favorite. Un buon Bolzano cede di misura in casa ma dimostra di poter dare battaglia nel proseguimento della serie con Vienna.

Vienna – Bolzano 2-0
Buone le gare del Bolzano in semifinale con la prima della classe Vienna, ma purtroppo la vittoria manca. Alla Albert Shultz Eishalle, in gara 1, i Foxes conducono per buona parte della partita, per poi crollare nel drittel finale subendo un parziale di 0-3. In avvio altoatesini in vantaggio con Yogan, abile a ribadire in rete un suo stesso tiro respinto da Lamoureux (0-1). Nel secondo tempo, sfruttando una situazione di 5 contro 3, i Caps pervengono al pareggio con un fortunoso tiro di Tessier che viene deviato in porta da Glenn (1-1). La pressione dei padroni di casa aumenta, ma è ancora il Bolzano a passare, in power play, grazie a un tiro all’incrocio di Insam splendidamente imbeccato da Oleksuk in diagonale (1-2). Nel terzo periodo i biancorossi continuano a giocare, creando buone occasioni con Bernard e Egger, ma il Vienna si dimostra più fresco e più cinico segnando tre reti con Vause (2-2), Pollastrone (3-2) e Tessier (4-2) che chiudono l’incontro.

Gara 2 viene giocata in un Palaonda gremito da 7.000 spettatori, record di pubblico in stagione. Nel primo tempo gli ospiti vanno avanti con Nödl che, libero nello slot, spinge in rete un taglio di Rotter (0-1). Il Bolzano reagisce, e 5’ più tardi in power play impatta con un’azione solista di Sparks (1-1). Nel secondo tempo biancorossi più convinti in attacco, e avanti con un siluro di Egger dalla blu che si infila sotto l’incrocio dei pali (2-1). La partita sembra prendere una buona piega per i padroni di casa ma prima della seconda sirena un errore difensivo permette al Vienna di presentarsi in situazione di tre contro uno davanti a alla porta. Del bomber Holzapfel il forte rasoghiaccio che buca Melichercik in mezzo ai gambali (2-2). Il drittel finale si esaurisce senza particolari emozioni, tranne una buona occasione per gli ospiti malamente sprecata da Tessier. Si va ai supplementari. Il primo tempo è al cardiopalmo con occasioni clamorose sulle stecche di Nödl, che colpisce un palo, e di Yogan, su cui Lamoureux compie un vero miracolo respingendo in tuffo con i gambali una conclusione ravvicinata. Il match viene chiuso al secondo supplementare da Vause che in velocità sfila due avversari, finta su Melichercik, e conclude di rovescio in modo imparabile (2-3). Vienna effettua dunque il break nella serie, anche se il Bolzano visto stasera è assolutamente in grado di dare del filo da torcere ai più accreditati avversari.

Salisburgo – Klagenfurt 2-0
Nella seconda semifinale si affrontano i campioni uscenti di Salisburgo e il Klagenfurt, la squadra più titolata d’Austria, con 30 scudetti in bacheca. Gara 1 non ha molta storia, con i i padroni di casa in vantaggio dopo 1’ grazie a Raffl (1-0). I Red Bull raddoppiano nel secondo tempo con un contropiede di Duncan (2-1). Nel terzo periodo il Klagenfurt accorcia le distanze in short handed (2-1), ma poco dopo ancora Duncan (3-1) e Schiechl (4-1) spengono ogni velleità di rimonta dei biancorossi.
Niente da fare per il Klagenfurt neanche in gara 2 giocata in casa. Il Salisburgo domina l’incontro andando a segno 4 volte con 4 differenti giocatori, e lasciando il goal della bandiera ai padroni di casa solo a 10” dalla sirena finale (1-4).

 

RISULTATI

Semifinali – Gara 1
(14/03) UPC Vienna Capitals – HCB Südtirol Alperia 4-2
(15/03) EC Red Bull Salzburg – EC-Klagenfurter 4-1

Semifinali – Gara 2
(17/03) HCB Südtirol Alperia – UPC Vienna Capitals 2-3 OT
(17/03) EC-Klagenfurter – EC Red Bull Salzburg 1-4

 

PLAY OFF

 

PROSSIMI INCONTRI

Semifinali – Gara 3
(19/03) UPC Vienna Capitals – HCB Südtirol Alperia
(19/03) EC Red Bull Salzburg – EC-Klagenfurter

Semifinali – Gara 4
(21/03) HCB Südtirol Alperia – UPC Vienna Capitals
(21/03) EC-Klagenfurter – EC Red Bull Salzburg

Tags: ,