Crollano Milano e Alleghe. Caldaro, Ora e Merano vittorie di fatica

Per forza di cose la Serie B di hockey deve smaltire capponi e panettoni, perchè, seppur non come la tradizione vuole sia a Santo Stefano, oggi si è tornati sul ghiaccio. Solo il Chiavenna può permettersi un prolungamento dei brindisi e una digestione più lunga, dato che è di riposo. Per le altre invece si disputa la sedicesima giornata di campionato.

Pergine – Milano rappresenta una partita di grande richiamo, sia per l’imprevedibilità del Pergine, soprattutto in casa, sia per la classifica che separa i due team di soli 6 punti. Così è infatti. Primo periodo da incubo per i meneghini che dopo 15′ già sono sotto 5 a 0. Un piccolo sussulto dettato dall’orgoglio nei periodi successivi, ma ormai è troppo tardi e il Pergine vince 6-3.

Il Como ospita, ancora a porte chiuse per le stranezze burocratiche che spesso distinguono il lato negativo dell’Italia, la formazione altoatesina dell’Ora. Per i lariani ci sarebbe l’occasione dell’aggancio in classifica proprio ai rivali, consentendo loro di porsi in una posizione di tutto rispetto e in corsa per l’ultimo posto utile in vista play off. La parttia va avanti a due a due: doppio vantaggio Como e pareggio raggiunto, poi il copione si ripete. Ma alla fine è l’ottimo Zelger che con una tripletta consegna all’Ora una vittoria fondamentale a 28″ dalla sirena finale.

Sulla carta impegno proibitivo per i Mastini Varese che affrontano il Caldaro, che si presenta nella Città Giardino al secondo posto della graduatoria. I Mastini hanno la possibilità di sfruttare il turno casalingo e proprio contro gli altoatesini nella scorsa stagione vi fu forse la miglior partita disputata dai gialloneri. Così è anche quest’anno: il Varese passa in vantaggio ma viene raggiunto e superato in maniera piuttosto contestata dagli avversari, apparsi coriacei, capaci di soffrire e al momento giusto  “esplodere”. Partita costellata da penalità ma Varese, nonostante diverse occasioni, non ha saputo mettere a frutto l’uomo in più. Il Caldaro consolida la posizione in classifica grazie ad un prezioso 2-1.

Turno abbordabile per l’Appiano, che sul ghiaccio di casa accoglie il Feltre, fanalino di coda della classifica. Una lieve battuta d’arresto e il turno di riposo, ha costretto gli altoatesini al terzo posto in classifica. Il Feltre aveva trovato un primo periodo da incorniciare, andando sopra di due marcature, realizzate nello spazio di circa 15″ intorno al minuto 11. Poi sono state troppe le penalità che hanno costrettl i veneti a giocare con l’uomo in meno e la pressione dell’Appiano alla lunga ha portato i suoi frutti, raccolti all’inizio del terzo periodo di gioco, per il 4 a 2 finale.

Interessante anche la partita che si disputa a Cavalese, tra i padroni di casa del Fiemme e la formazione agordina dell’Alleghe. Vincono facile i padroni di casa, che puniscono la formazione agordina oltremisura, costellata da ben 16 penalità, giocando quindi oltre meta gara  con l’uomo in meno. Con questa vittoria la formazione di Cavalese mantiene la vetta del torneo.

Trasferta agevole, sicuramente dal punto di vista logistico, del Merano che sale all’altopiano del Renon per sfidare il Rittner Buam. Pronostico favorevole agli ospiti che devono cogliere i tre punti per una miglior classifica. Sempre avanti però il Rittner che resta alla fine con nulla in mano se non gli elogi (e non sono i primi) per una buona prestazione. I tre punti si accasano alle aquile meranesi, abili a crederci fino in fondo, rimontare e trovare la rete del 4 a 3 finale.

 

RISULTATI

Pergine – Milano 6-3 (5:0 1:1 0:2)

Como – Ora 5-6 (2:2 2:2 1:2)

Varese – Caldaro 1-2 (0:0 1:2 0:0)

Fiemme – Alleghe 7-1 (1:1 3:0 3:0)

Appiano – Feltre 4-2 (0:2 1:0 3:0)

Rittner Buam – Merano 3-4 (1:0 1:2 1:2)

 

CLASSIFICA: Fiemme 39, Caldaro 38, Appiano 36, Merano 30, Milano 29, Alleghe 27, Pergine 26, Ora 20, Como 14, Rittner Buam 11, Chiavenna 9, Varese 8, Feltre 1

Feltre, Appiano, Chiavenna una partita in meno

Tags: