Il Bolzano sfata il tabù Graz, 99ers battuti a domicilio per 5 a 2

(Comun. stampa HC Bolzano) – L’HCB Alto Adige Alperia torna a vincere e lo fa al Merkur Eisstadion di Graz, battendo i 99ers per 5 a 2. Un match duro e combattuto fino all’ultimo secondo, con i biancorossi capaci di difendere il vantaggio chiudendo poi la partita con due empty-net goal. Grandi protagonisti Ryan Glenn e Jesse Root, entrambi autori di una doppietta, e Marcel Melichercik, fondamentale nel terzo drittel.

Con questi tre punti il Bolzano consolida il quarto posto in classifica, portandosi a +8 sul Klagenfurt, da questa sera quinto, e a +9 sull’Innsbruck sesto. Il settimo posto è lontano invece 10 punti, quando mancano 11 partite al termine della regular season. Il prossimo appuntamento è già giovedì 22 dicembre, alle ore 19:45: al Palaonda andrà in scena il big match contro i Vienna Capitals e dopo la partita la squadra raggiungerà i propri tifosi al nuovo bar e punto d’incontro all’angolo posteriore dello stadio per un brindisi di Natale con il sostegno della Birreria Forst e del Panificio Hackhofer.

La cronaca. Il Bolzano parte con il giusto atteggiamento, sbloccando il risultato al 02:52: Gander difende il disco in balaustra, Kearney arriva come un treno e sfrutta l’arrivo a rimorchio di Ryan Glenn, che segna il facile 0-1. I biancorossi continuano a spingere e approfittano di un Graz poco convinto: in situazione di penalità differita, al 10:23, Glenn centra la doppietta lasciando partire un missile dalla blu che si infila nel traffico e buca ancora Dahm. Il Graz si risveglia in un momento difficile, quando il Bolzano è in superiorità numerica, con due contropiedi fermati da un provvidenziale Melichercik. In 5 contro 3 gli ospiti sfiorano il tris, ma questa volta Dahm c’è. 0-2 alla prima sirena.

Il Bolzano resiste in penalty killing in avvio, ma il Graz entra sul ghiaccio con tutto un altro spirito e 22:30 accorcia le distanze con Setzinger, bravo a deviare in rete la conclusione di McLean. I Foxes hanno l’occasione di allungare anche in doppia superiorità numerica, ma la retroguardia austriaca tiene bene. I 99ers però si fanno sorprendere in occasione di un powerplay: Root alza la pressione, ruba il disco a un difensore avversario e beffa Dahm per l’1-3. Bolzano che prosegue nella sua buona prova difensiva e al secondo riposo il vantaggio è ancora di due reti.

Il Graz spinge forte nel terzo drittel, i Foxes resistono e rischiano grosso sul palo di Woger. I biancorossi ci provano con le ripartenze e Dahm è fondamentale su due grosse occasioni sulle stecche di Root e Frigo. A 9 minuti dalla sirena finale i 99ers riescono ad accorciare le distanze: conclusione di Pirmann e deviazione vincente di Zusevics, che colpisce forse con il bastone alto, ma la rete viene convalidata dopo il videocheck. I padroni di casa si lanciano all’assalto della gabbia di Melichercik, che compie una paio di miracoli fondamentali e deve anche ringraziare la traversa. Coach Mason chiama time-out e toglie il portiere per il sesto uomo di movimento già a due minuti e mezza dal termine: il Bolzano ne approfitta e centra l’empty-net-goal con Jesse Root. Negli ultimi secondi c’è spazio per un altro empty-net, questa volta di Oleksuk, che fissa il risultato sul definitivo 5 a 2 per i Foxes.

Graz 99ers – HCB Alto Adige Alperia 2 – 5 [0-2; 1-1; 1-2]
Reti: 02:52 Ryan Glenn (0-1); 10:23 Ryan Glenn (0-2); 22:30 Oliver Setzinger (1-2); 31:44 Jesse Root PP1 (1-3); 50:50 Zintis Zusevics (2-3); 57:53 Jesse Root EN (2-4); 59:53 Travis Oleksuks EN (2-5)

Tags: