LNA: in rialzo le quotazioni del Langnau

Con le gare del weekend la regular season della LNA giunge al giro di boa; weekend senza sconfitte per Langanu, Berna, Losanna e Ambrì Piotta. I leventinesi ritrovano quella regolarità che mancava da inizio ottobre, al contrario del Lugano che, con un solo punto acquisito della due giorni di campionato, galleggia poco sopra la linea che delimita la zona playout.

ambri-piotta_banner logoSette punti in quattro gare è la miglior media che l’Ambrì sia riuscita ad ottenere nella prima parte del torneo elvetico: era già successo a cavallo tra settembre e ottobre, gli uomini di Hans Kossmann si sono ripetuti nella seconda metà di novembre: gli ultimi quattro punti sono frutto di due successi, entrambi per 3-2, ottenuti in overtime contro il Biel e ai rigori a Ginevra. Nella gara casalinga contro i seelander, i sopracenerini devono fare i conti con una difesa ancora ballerina: Michael Ngoy pasticcia col disco, sul retropassaggio di Thibaut Monnet,  regalandolo a Julian Schmutz, l’attaccante ringrazia e fredda Sandro Zurchirken. Nel secondo tempo i padroni di casa prendono in mano le redini del gioco e due tra gli attaccanti meno produttivi dei biancoblù suonano la riscossa: Adrien Lauper impatta il punteggio con una botta dalla media distanza, mentre Lukas Lhotak, nel terzo tempo, ricevuta la precisa verticalizzazione di Oliver Kamber, ha la necessaria freddezza per battere Jonas Hiller. La difesa dei leventinesi, in vena di regali, a 3’ dal termine della gara, consegna a Robbie Earl l’assist per Marc-Antoine Pouliot che manda le due formazioni all’ovetime risolto, in power play da Janne Pesonen.
L’Ambrì concede il bis in trasferta espugnando Les Vernets al termine di un inseguimento durato 55’: la partenza ad handicap è una costante per i biancoblù che incassano il goal di Johan Fransson; nel secondo tempo Eliot Berthon, atterrato da Nick Spaling, ha l’occasione di pareggiare su rigore, il backhand con cui decide l’esecuzione si rivela un’opzione fallimentare. L’appuntamento con il goal è rinviato di poco ed è Igor Jelovac, con una sassata dalla blu, a realizzarlo. Nell’ultima frazione di gioco sono i power play a dare la possibilità alle due squadre di segnare: prima tocca al Ginevra con Cody Almond, poi a Lhotak per i biancoblù. Terminato l’overtime a reti bianche, ai rigore Gauthier Descloux si dimostra insuperabile, diversamente da Robert Mayer che deve piegarsi ai tiri di Adam Hall, Janne Pesonen e jason Fuchs.

lugano2016_bannerFine settimana fallimentare per il Lugano: i bianconeri non trovano l’antidoto al mal di trasferta e vengono strapazzati alla Ilfishalle dal Langnau che apre le danze di Evgeni Chiriaev, il cui one timer risulta imparabile. I bianconeri impiegano metà gara per trovare il pareggio con Julian Walker, lesto ad insaccare il puck non trattenuto da Damiano Ciaccio sul velenoso diagonale di Alessandro Chiesa, subito annullato da Raphael Kuonen. Le Tigri chiudono il match nel terzo tempo con l’uno contro zero di Claudio Moggi e il definitivo 4-1 di Yannick-Lennart Albrecht sulla corta respinta di Elvis Merzlikins.
Ventiquattr’ore più tardi i sottocenerini gettano alle ortiche la partita con lo Zugo, dopo essere stati in vantaggio 3-1 e vengono puniti ai rigori dagli ospiti (leggi la cronaca).

LNA

Il Berna rosicchia un punto alla capolista Zurigo per effetto dei successi ottenuti contro Davos e Biel: contro i grigionesi serve un power play e la rete di Martina Plüss per sbloccare la partita. Gli uomini di Arno Del Curto pervengono al pareggio negli ultimi secondi di gara con l’uomo di movimento in più e la deviazione di Dino Wieser sulla conclusione di Noah Schneeberger. All’overtime il contropiede di Simon Bodenmann stende i gialloblù. Gli Orsi si ripetono nel derby con il Biel: i seelander colpiscono un palo con Marco Pedretti, scampato il pericolo gli ospiti bucano la gabbia avversaria con Ryan Latsch e, 4’ più tardi, incanalano la partita sui binari del successo con Marc Reichert, la cui deviazione davanti allo slot beffa Leonardo Genoni; il Biel rientra in partita con Matthias Rossi, ma Bodenmann spegne ogni velleità a 8” dalla sirena con il goal del definitivo 3-1 messo a segno a porta vuota.
Lo Zurigo vince il match clou della venticinquesima giornata contro lo Zugo, ma cede in casa al Losanna. Alla Bossard Arena i Lions colpiscono a freddo dopo 25” con Pius Suter, ma devono subire il ritorno dei Tori con l’azione personale di Carl Klingberg e Lino Martschini in power play. Il vantaggio degli svizzero centrali dura meno in un amen e 31” più tardi Mike Künzle riequilibra il punteggio che viene ribaltato poco più tardi da Reto Schäppi. In apertura di frazione centrale Patrick Geering allunga; i padroni di casa recriminano per due goal annullati a Jarkko Immonen; la gara s’innervosisce, ne pagano le spese Timo Helbling e Ronalds Kenins spediti negli spogliatoi con una penalità partita ciascuno. Roman Wick consente ai Lions di prendere il largo, ma le reti di Robin Grossmann e Samuel Erni riportano in partita i Tori, abbattuti a 8” dalla fine dalla rete a porta vuota di Robert Nilsson. La sconfitta costa allo Zugo il secondo posto in classifica.
Lo Zurigo, tornato all’Hallenstadion, cede il passo al Losanna in una partita con marcature senza soluzione di continuità: i tentativi di fuga dei vodesi con Dustin Jeffrey, Philippe Schelling e John Gobbi vengono annullati da Severin Blindenbacher, Patrick Thoresen e Matthias Seger, tuttavia, all’overtime Joël Genazzi, regala la vittoria ai Leoni romandi.
Il Losanna aveva conquistato due punti anche nel match precedente contro il Kloten: dilapidato il doppio vantaggio costruito con Johnny Kneubuehler e Genazzi, i biancorossi subiscono la rimonta degli ex aviatori concretizzatasi con la doppietta di Drew Shore. La sfida giunta ai rigori, è risolta da Jonas Junland al tredicesimo tentativo.
Al Kloten non va meglio nel confronto con il Langnau: vinto l’ingaggio di inizio gara, Nils Berger impiega 9” per battere Luca Boltshauser, mentre ai zurighesi servono 50’ per trovare faticosamente il pareggio di Shore, punteggio effimero dopo le reti di Flurin Randegger e Ville Koistenen (a porta vuota), maturate negli ultimi 5’ di gara.
Risultati contrastanti per il Friborgo che rimane relegato al penultimo posto in classifica: i burgundi si aggiudicano il derby romando con il Ginevra operando il sorpasso all’overtime con Larri Leeger, nei tempi regolamentari i ginevrini, avanti con Jim Slater e Yoah Massimino, incassano le reti di Julien Sprunger e Yannick Rathgeb.
Gli uomini guidati da Larry Huras non sono in grado di ripetersi a Davos, sebbene la doppietta di Andrey Bykov e il goal di Greg Mauldin abbia messo una pezza al doppio svantaggio di Mario Simion  e Wieser maturato nei primi 6’ di gioco. La chiave di volta della partita al 33’, quando gli ospiti, subiscono il pareggio in shorthanded di Perttu Lindgren; nell’ultima frazione di gioco il finlandese, in power play, consente ai grigionesi di tornare in vantaggio, mentre Wieser, a porta vuota, mette a referto il definitivo 5-3.

pillole-lna-svizzera-640x320Timothy Kast, attaccante del Ginevra, a fine stagione si trasferirà a Zugo per due stagioni. Il Berna rimpolpa il roster con l’ingaggio, valevole fino al 2018, del difensore svedese, con licenza svizzera, Calle Andersson.
Daniele Grassi, attaccante del Kloten, dovrà rimanere fermo ai box per 6/8 settimane a causa di una lussazione della spalla destra rimediata nell’incontro con il Berna. Due mesi di stop anche per Kevin Romy fratturatosi una clavicola in Coppa contro il Davos.


Risultati LNA:

venerdì 25 novembre
Zugo     – Zurigo   4-6
Friborgo – Ginevra  3-2 ot
Berna    – Davos    2-1 ot
Losanna  – Kloten   3-2 so
Langnau  – Lugano   4-1
Ambrì    – Biel     3-2 ot

sabato 26 novembre
Davos    – Friborgo 5-3
Lugano   – Zugo     4-5 so
Ginevra  – Ambrì    2-3 so
Zurigo   – Losanna  3-4 ot
Biel     – Berna    1-3
Kloten   – Langnau  1-3

Classifica LNA (dopo 26 giornate)
1.Zurigo    54 punti*
2.Berna     53°
3.Zugo      51
4.Losanna   42°
5.Kloten    38°
6.Davos     38
7.Lugano    34
8.Ginevra   33°
9.Biel      33
10.Langnau  33
11.Friborgo 30°
12.Ambrì    26**
*=una partita in più
**=due partite in più
°=una partita in meno


Top Scorer LNA
#                Club   Punti (reti+assist)
1.D.Hollenstein (Kloten)  30     (17+13)
2.M.Arcobello   (Berna)   27     (15+12)
3.T.Santala     (Kloten)  27     (11+16)
4.D.Shore       (Kloten)  26     (17+9)
5.J.Sprunger    (Friborgo)26     (13+13)
6.L.Martschini  (Zugo)    26     (11+15)
7.L.Klasen      (Lugano)  26     (8+18)

Top Goalies
#                  Club       Svs%  GAA
1.T.Stephan       (Zugo)     92,9   2.06
2.L.Flueler       (Zurigo)   92,2   2.10
3.L.Genoni        (Berna)    93,5   2.14
4.C.Huet          (Losanna)  91,5   2.33
5.I.Punnenovs     (Langnau)  91,8   2.48

Tags: ,