Il Varese si fa rimontare: ai rigori prevale il Renon

Ancora una partita in casa per il Varese dopo la bella prestazione contro gli altoatesini dell’Ora di qualche giorno fa, che purtroppo per le casacche giallonere non ha portato fieno in cascina. Ospiti oggi al Palalbani i ragazzi del Rittner Buam, squadra giovane, dalla pattinata veloce, che ha dimostrato in questo primo mese e mezzo di stagione di saper giocare un buon hockey. Entrambe le formazioni hanno forse raccolto meno di quanto avrebbero meritato e sul ghiaccio hanno la possibilità di provare oggi a raccimolare punti importanti, anche stimolati da una sfida diretta per la posizione in classifica.

Rispetto alla scorsa giornata i Mastini recuperano Tesini e Sorrenti ma “perdono” il loro allenatore Massimo Fedrizzi, impegnato in Europa con il torneo della nazionale femminile U18, che sarà sostituito da Giancarlo Merzario; nella medesima situazione si trova il Rittner che deve fare a meno del coach Roberto Scelfo, sostituito da Erwin Kostner.

2016_11_06-varese-renon-1

Arrivo alla spiciolata del Rittner a causa di problemi incontrati nel tragitto stradale e sfida che inizia in ritardo rispetto all’orario previsto. Subito il Varese prova a dare ritmo al match ma la difesa ospite appare ben messa sul ghiaccio, ma il portiere Treibenreif è costretto a capitolare al minuto 6, quando il powerplay del Varese (oggi in maglia bianca) ha trovato la marcatura vincente con una bella trama orchestrata da F. Borghi e Silva che mette il disco sul bastone di Rivoira che batte Treibenreif da circa 4 metri. Prova subito a cercare il raddoppio la formazione giallonera ma trova i guantoni dell’ottimo portiere Treibenreif, il quale compie un vero e proprio prodigio quando cancella la rete a E. Mazzacane. Varese che continua a spingere pur contenendo i tentativi di attacco del Rittner che appare un po’ timido in questo primo periodo. I Mastini raddoppiano a pochi minuti dalla prima sirena con una bella azione che ha preso il via in inferiorità numerica dal bastone di M. Mazzacane che scambia con F. Borghi il quale serve ottimamente Silva (nella foto) che deposita in rete dopo una bella finta sul portiere. alex-silva

Il secondo periodo inizia con i Mastini che si proiettano ancora in avanti e colpiscono una traversa clamorosa, ma da qui in avanti è il Renon che macinerà un gioco migliore. Trova infatti la rete con Gamper al 27° circa (bravo a riprendere una respinta del goalie giallonero)  e dopo 90″ il raddoppio con un tiro di Wenter che sorprende Tesini tra i gambali. L’inerzia della partita è ora del Rittner che ha cambiato passo e pare aver acquisito fiducia. Un paio di penalità condizionano il ritmo dei Mastini, ma qui esce l’imprecisione al tiro degli altoatesini che arrivano bene in zona di attacco ma poi non hanno la precisione per centrare i pali della porta. Diversi sono i tiri che terminano alti o larghi. Occasioni da una parte e dall’altra, anche perchè le squadre appena possono cercano la porta da ogni angolo.

Il terzo tempo è piacevole e si nota un po’ di imprecisione dei padroni di casa in fase di costruzione di gioco, mentre persiste la scarsa mira degli avanti del Rittner Buam. Sugli scudi sale il portiere Treibenreif che compie un paio di parate importanti prima su E. Mazzacane e poi su Rivoira. (nella foto) rivoira-luca

Sul finire del terzo periodo i Mastini hanno l’occasione “della vita” con un powerplay che offre l’opportunità di terminare i 60′ con l’uomo in più ma Treibenreif più volte respige gli attacchi gialloneri.

Anche l’inizio dell’overtime è caratterizzato da una trentina di secondi di superiorità numerica, senza però che venga sfruttata adeguatamente. Nel supplementare il Varese ha provato maggiormente a vincere la partita ma gli ultimi 100 secondi ha dovuto giocarli sotto la pressione del Renon, forte dell’uomo in più sul ghiaccio. Anche qui, però, gli altoatesini sono apparsi imprecisi al tiro. 2016_11_06-varese-renon-3

Ai rigori Pechlener è stato determinante, siglando ben due reti (si è andati ad oltranza), mentre per il Varese in rete ci è andato soltanto il capitano Silva.

FORMAZIONI:

HC VARESE: 40 Tesini (29 Bertin), 11 Papalillo, 34 F. Borghi, 42 Termanini, 58 Rivoira, 59 Salomon, 87 Gaggini, 8 Principi, 14 R. Mandelli, 18 Merzario, 19 Ziliani, 21 M. Mazzacane, 22 E. Mazzacane, 27 Sorrenti, 32 P. Borghi, 67 Silva, 71 L. Mandelli, 75 Di Vincenzo, 88 Privitera, 97 Odoni. Coach: Giancarlo Merzario

HC RITTNER BUAM: 25 H. Treibenreif (22 R. Treibenreif), 6 Vigl, 9 P. Quinz, 15 Pioner, 58 Micali, 76 Mair, 98 Prast, 8 Fauster, 21 Wenter, 23 Obkircher, 24 Gamper, 36 Tauferer, 39 Tava, 59 Pechlaner, 74 M. Quinz, 89 Hopfgartner, 95 Riegler. Coach: Erwin Kostner

VARESE – RITTNER BUAM 2-3 dtr (2:0, 0:2 0:0 OT 0:0 SO 0-1)

MARCATORI

(1-0) 5’51” Rivoira (Silva, F. Borghi) PP1

(2-0) 17’37” Silva (F. Borghi, M. Mazzacane)

(2-1) 26’52” Gamper (Fauster, Mair)

(2-2) 28’22” Wenter (Riegler, Gamper)

Rigori realizzati: RB Pechlaner (2), VA Silva