EIHC: l’Italia inciampa nelle penalità

(Budapest) – Inizia con una sconfitta l’avventura della Nazionale italiana all’Euro Ice Hockey Challenge in corso di svolgimento a Budapest. Sul banco degli imputati salgono le penalità subite dagli Azzurri e un attacco dalle polveri bagnate, nonostante il gran numero di conclusioni costruite, soprattutto nel secondo tempo. Debutto tra i pali del cortinese De Filippo e starting line formata da Trivellato e Gellert in difesa e Anton Bernard, Traversa e Gander in attacco

2016-11-03-austria-italia-2L’Italia scende sul ghiaccio con il piglio giusto prendendo il controllo della gara, merito di un gioco vivace e veloce che consente a Koster di confrontarsi a tu per tu con Starkbaum, mentre Marchetti e Gellert provano, con due diagonali, dalla media e dalla lunga distanza. Gli austriaci, dal canto loro,  quando riescono ad entrare nel terzo d’attacco non sono in grado di creare veri pericoli, grazie ad una difesa ermetica, pronta a neutralizzare gli avversari in balaustra o smorzando i potenziali pericoli sul nascere. Nel miglior momento del Blue Team, i 2’ di penalità inflitti a Frigo cambiano le carte in tavola: in penalty killing gli Azzurri fanno sapientemente quadrato attorno a De Filippo per 1’40” sfiorando anche la beffa con Morini, tuttavia devono arrendersi alla saetta dalla blu di Ulmer. Gli uomini di Mair subiscono il contraccolpo lasciando l’iniziativa agli avversari , spezzata al 13.40 da Gander, ma è un fuoco di paglia; per di più la penalità fischiata a Goi e quella per troppi uomini sul ghiaccio per un cambio errato, costringe l’Italia ad un’apnea non necessaria.
2016-11-03-austria-italia-3Tornati con lo stesso numero di giocatori sul ghiaccio, nel secondo tempo, gli uomini capitanati da Anton Bernard ritrovano il feeling  di inizio gara e Starkbaum vede svanire quella certa tranquillità goduta a cavallo dei primi due periodi: Marchetti e Gander, quest’ultimo davanti allo slot, sono i più temibili nei primi 4’ di gioco, Deanesi insiste ed ottiene il secondo power play della partita che punge solo con Conci e Morini. Dall’asse Andergassen-Gellert-Frigo scaturisce un tiro che dà il là ad un maggiore forechecking del Blue Team, eppure il notevole numero di occasioni non si tramutano in goal e all’appello manca la fase realizzativa.

2016-11-03-austria-italia-4In apertura di terzo tempo l’ennesima penalità costa il raddoppio degli ex asburgici realizzato da Unterweger. L’Austria va vicino all’allungo in fase di inferiorità nel giro di breve tempo con Baltram neutralizzato da De Filippo. Nei minuti successivi i tentativi della Nazionale italiana di tornare in partita risultano vani, gli avversari gestiscono il vantaggio lasciando poco spazio ad un ritorno non gradito.
Il Blue Team tornerà sul ghiaccio venerdì, alle ore 15.30; l’avversario di turno sarà la Corea del Sud.

In serata, per il Gruppo A, l’Ungheria ha battuto la Polonia 2-1: vantaggio di Orban, pareggio di Dziubinski e definitivo vantaggio magiaro firmato da Sofron.

Austria – Italia 2-0 (1-0; 0-0; 1-0)
Austria: Bernhard Strakbaum (David Madlener); Martin Schumnig – Clemens Unterweger – Alexander Pallestrang – Stefan Ulmer – Philipp Lindner – Layne Viverois – Daniel Jakubitzka – Erik Kirchschläger; Fabio Hofer – Thomas Hundertpfund – Andreas Kristler – Manuel Ganahl – Raphael Herburger – Daniel Woger – Mario Huber – Patrick Obrist – Alexander Cijan – Florian Baltram – Lukas Haudum – Christof Kromp. Coach Roger Bader
Italia: Marco De Filippo Roia (Gianluca Vallini); Alex Gellert – Alex Trivellato – Stefano Marchetti – Enrico Miglioranzi – Hannes Oberdörfer – Luca Zanatta – Daniel Glira – Michael Zanatta; Anton Bernard – Markus Gander – Tommaso Traversa – Raphael Andergassen – Luca Frigo – Giovvanni Morini – Simon Kostner – Matthias Mantinger – Martin Castlunger – Davide Conci – Tommaso Goi – Danny Deanesi. Coach: Stefan Mair
Arbitri: László Gangel (Ungheria) e Vladimír Babic (Ungheria) Linesmen: Botond Pálkövi (Ungheria) e Áron Soltész (Ungheria)
Penalità: Austria 8 (2/4/2) – Italia 8 (6/0/2)
Tiri: Austria 30 (15/2/13) – Italia 33 (8/16/9)
Marcatori: 08.14 Stefan Ulmer (Alexander Pallestrang – Manuel Ganahl) PP; (2-0) 43.33 Clemens Unterweger (Thomas Hundertpfund – Martin Schumnig) PP
Spettatori: 225
MVP: Bernhard Starkbaum (Austria) e Giovanni Morini (Italia)

Gruppo A
Ungheria – Polonia 2-1 (0-0; 1-1; 1-0)

Classifica Gruppo A: Ungheria p.ti 3; Danimarca p.ti 0*; Polonia p.ti 0
* una partita in meno

Classifica Gruppo B: Austria p.ti 3; Corea del Sud p.ti 0*; Italia p.ti 0
* una partita in meno