Langnau inarrestabile. Losanna in caduta libera

Chi fermerà il Langnau? I bernesi aveva dato segni di ripresa con il successo contro il Kloten (ancora guidati da Scott Beattie), steccata la prima di Heinz Ehlers contro l’Ambrì martedì scorso, la cura del “veterinario” ha dato i primi benefici alle Tigri dell’Emmental nel corso del weekend, in cui i giallorossi hanno incamerato due successi pieni che hanno consentito loro di lasciarsi alle spalle l’ultimo posto in classifica. Seguendo le direttive del neo coach, profeta del gioco difensivo, a Davos gli uomini capitanati da Martin Stettler si arroccano in difesa, tuttavia Raphael Kuonen tradisce gli ordini di scuderia dando via libera ai grigionesi che passano in vantaggio con Mauro Jörg. Damiano Ciaccio tiene in partita i Tigers che graffiano nel terzo tempo con Thomas Nüssli e Eero Elo. Il Davos reagisce trovando il pareggio, che manda le due formazioni all’overtime, con Enzo Corvi, tuttavia gli uomini guidati da Arno Del Curto devono arrendersi, nel supplementare, all’’ex Asiago Chris DiDomenico.
Quarantott’ore più tardi tocca al Friborgo assaggiare gli artigli delle Tigri bernesi, capaci di sfruttare le situazioni speciali: Elo apre le marcature in superiorità, Ville Koistenen mette in imbarazzo il power play dei burgundi raddoppiando in inferiorità. Nel finale coach Larry Huras vuole sfruttare al massimo la situazione di uomo in più del Friborgo richiamando in panchina Benjamin Conz, ma in sei uomini di movimento contro quattro è il Langnau ad andare in rete con DiDomenico a porta vuota e Ciaccio può festeggiare il primo shutout della stagione. Una prestazione, quella del Friborgo, che deve far riflettere quei giocatori capaci di superare lo Zurigo il giorno prima, dopo una rincorsa conclusa con il sorpasso in overtime ad opera di Julien Sprünger, autore di un hattrick. Un successo che non ha cancellato i problemi della squadra, ma che aveva interrotto la striscia negativa di sei sconfitte consecutive.
I Lions, alle prese con il caso Pestoni, non convocato a causa di una forma fisica giudicata non ideale, si riscattano contro il Davos con un secondo tempo superlativo, con il quale annullano il vantaggio grigionese di Timo Keller, siglando tre reti in 10’ con Patrick Thoresen, Pius Suter e Chris Baltisberger. Punteggio arrotondato, nel terzo tempo, da Nando Eggenberger e Thoresen .
Il Davos non è l’unica formazione a presentare lo zero nella casella dei guadagnati nel fine settimana, con i gialloblù ci sono anche Losanna e Ginevra: i vodesi perdono la spinta propulsiva, con la quale a settembre hanno incamerato 20 punti nelle prime otto giornate, incappando nella terza sconfitta consecutiva ad opera del Biel; i seelander incanalano la partita sui binari della vittoria nel primo periodo con le reti di Robbie Earl, Marco Maurer e Kevin Fey, nel finale di tempo Dustin Jeffrey tiene in gara i suoi. Negli ultimi 8’ la gara s’infiamma: Toni Rajala cala il poker, mentre Jonas Junland ed Etienne Froidevaux accendono le speranze degli uomini di Dan Ratushny, subito spente da Rajala.
Al Ginevra non bastano 41 tiri per bucare la gabbia del Berna, al contrario agli Orsi ne bastano “solo” 27 per superare in cinque occasioni Robert Mayer con cinque marcatori differenti (Ryan Lasch, Simon Moser, Ramon Untersander, Mark Arcobello e Alain Berger). La formazione guidata da Chris McSorley stenta anche contro lo Zugo, dei 28 tentativi va a segno solo quello di Arnaud Jacquemet, mentre gli svizzero centrali ne approfittano con Sandro Zangger e David McIntyre. Con i tre punti ottenuti contro i romandi, i Tori concludono un fine settimana perfetto iniziato battendo 4-1 il Kloten alla Bossard Arena con i goal di Raphael Diaz, Carl Klingberg, Nolan Diem e Sven Senteler, intervallate da quello di Daniele Grassi. I sei punti conquistati li proiettano in testa alla classifica insieme allo Zurigo.

derby-ambri-lugano-svizzera-640x320Ambrì e Lugano si sono date appuntamento alla Valascia per il secondo derby stagionale. Entrambe le formazioni, in ripresa dopo i rispettivi momenti bui delle scorse settimane, scendono sul ghiaccio con l’obiettivo di dare continuità agli ultimi successi. I sottocenerini mantengono le redini del gioco fino al vantaggio di Julian Walker, il quale finalizza il passaggio da fondo pista di Gardner, mentre l’Ambrì esce alla distanza colpendo prima una traversa con il  confermato Jesse Pesonen e, successivamente, raggiungendo il pareggio con la sassata dalla blu di Jesse Zgraggen. Nel secondo tempo Sandro Zurchichen vince il duello a viso aperto con Damien Brunner, ma deve arrendersi alla discesa di Raffaele Sannitz . La gioia del Lugano dura poco, 4’ più tardi il diagonale di Matt D’Agostini, coadiuvato da Adrien Lauper, risulta imprendibile per Merzlikins, la cui visuale è coperta per l’occasione dallo stesso Lauper. Al termine di un terzo tempo noioso, il derby è risolto in overtime da Thibaut Monnet, rapido a riprendere il rebound dell’estremo difensore bianconero sulla conclusione di Lukas Lhotak.

lugano2016_bannerIl Lugano torna alla vittoria, nel posticipo dell’undicesima giornata, contro il Biel (leggi la cronaca), grazie alle reti di Philippe Furrer, Sébastien Reuille e Tony Martensson. Con i tre punti guadagnati, i bianconeri raggiungono il quarto posto in classifica ed agganciano il Berna.

pillole_NLAIl Friborgo risolve il rapporto di lavoro con l’attaccante Marc-Antoine Pouliot; il giocatore aveva dimenticato i pattini ed è stato impossibilitato a scendere sul ghiaccio nel confronto con lo Zugo. In un primo momento sospeso, il club ha optato per la risoluzione del contratto. A darne conferma, con un tweet, è stato lo stesso Pouliot.
Il Ginevra deve rinunciare a Mike Santorelli, l’italocanadese è stato costretto al ritiro a causa di problemi agli adduttori. Con i granata, il trentunenne ha disputato 6 gare realizzando 4 punti (1 goal e 3 assist). I ginevrini si consolano rinnovando il contratto del ventenne Noah Rod fino al 2022.
Il Kloten non potrà utilizzare Patrick von Gunten fino a gennaio. Il difensore dovrà operarsi per risolvere i continui dolori alla colonna vertebrale.

 

Risultati LNA:
venerdì 7 ottobre
Friborgo – Zurigo   5-4 ot
Davos    – Langnau  2-3 ot
Berna    – Ginevra  5-0
Zugo     – Kloten   4-1

sabato 8 ottobre
Ginevra  – Zugo     1-2
Biel     – Losanna  5-3
Zurigo   – Davos    4-2
Langnau  – Friborgo 3-0
Ambrì    – Lugano   3-2 ot

domenica 9 ottobre
Lugano   – Biel     3-1

Classifica LNA (dopo 12 giornate)
1.Zugo      25 punti
2.Zurigo    25*
3.Biel      22
4.Losanna   20°
5.Berna     19°
6.Lugano    19
7.Kloten    18°
8.Ginevra   18
9.Davos     16
10.Ambrì    15*
11.Langnau  10*
12.Friborgo  9
*=una partita in più
°=una partita in meno


Top Scorer LNA
#                Club   Punti (reti+assist)
1.M.Arcobello   (Berna)   16     (9+7)
2.L.Klasen      (Lugano)  16     (4+12)
3.R.Earl        (Biel)    15     (6+9)
4.D.Hollenstein (Kloten)  14     (7+7)
5.T.Santala     (Kloten)  13     (5+8)

Top Goalies
#                  Club       Svs%  GAA
1.L.Flueler       (Zurigo)   92,2   1.97
2.E.Merzlikins    (Lugano)   93,1   2.16
3.J.Hiller        (Biel)     93,0   2.25
4.C.Huet          (Losanna)  91,4   2.37
5.T.Stephan       (Zugo)     90,9   2.50

Tags: ,