Qual. Olimpiche: Italia, amara sconfitta

(Oslo) – L’Italia chiude il Torneo di Qualificazione Olimpica con una sconfitta immeritata: gli Azzurri, in gara fino a 4’ dal termine, devono cedere alla rete fortunosa di Starchenko.

2016_09_04 Italia Kaz 186Mair conferma la stessa formazione scesa sul ghiaccio contro la Norvegia due giorni prima, portiere compreso. Le due formazioni si affrontano a viso aperto giocando a ritmi elevati: i kazaki aprono le danze con Dallmann, gli Azzurri rispondono con lo scambio Morini-Diego Kostner. Nella fase iniziale le due Nazionali pattinano molto, ma latitano in fase conclusiva. Il Kazakistan impegna Cloutier con Lazika e Ivanov al 7’, ma ad andare in rete è l’Italia con Scandella, il quale finalizza, con un diagonale tagliente, la penetrazione per vie centrali di Anton Bernard.  La penalità inflitta, 21” più tardi, a Simon Kostner per bastone alto, costa il pareggio in power play di Khudyakov.  Gli ex sovietici provano ad imporre il proprio gioco, il Blue Team si divincola con le parate di Cloutier o bloccando le loro azioni sul nascere in zona neutra, mentre in avanti sono Stefano e Michele Marchetti ad impegnare Kolesnik.

2016_09_04 Italia Kaz 488 gol itaL’Italia apre il secondo periodo in superiorità senza riuscire mai ad impensierire i kazaki, i quali sono assidui nel frequentare il terzo difensivo italiano. Dalla parte opposta il più attivo gli Azzurri  pungono ancora con Michele Marchetti. Il lavoro degli asiatici è premiato al 28.42, quando Bochenski, da dietro la gabbia, raccoglie il puck ceduto da Shin, e lo depone alle spalle di Cloutier facendolo passare nell’unico varco possibile tra palo e pattino. Il goal rinsavisce gli Azzurri che si gettano in avanti con Larkin, Insam ed Hofer. Al 30.37 coach Mair dà spazio ad Andreas Bernard, il quale è chiamato a deviare sul palo il tiro di Starchenko. Una parata fondamentale che consente all’Italia di rimanere in partita; la penalità comminata a Bochenski a 1’27” dal secondo intervallo consente a Traversa di deviare sotto porta, di astuzia, il diagonale di Stefano Marchetti che vale il momentaneo pareggio.

2016_09_04 Italia Kaz 318Nel terzo tempo l’incontro vive sul filo dell’equilibrio, la prima conclusione degna di nota è la sassata dalla blu di Stefano Marchetti all’11’, deviata dal gambale di Kolesnik. Nella seconda parte del periodo l’Italia cerca con maggiore insistenza il goal del vantaggio, tuttavia sono i kazaki a trovare il nuovo vantaggio con Starchenko, il quale sfrutta il rimbalzo del disco contro la balaustra scagliato da Tryasunov per deporlo in porta. Coach Mair gioca la carta dell’uomo di movimento in più al posto del portiere, il tempo, inesorabile, sancisce la vittoria del Kazakistan che, con i tre punti guadagnati, sale al secondo posto in classifica.

Italia – Kazakistan 2-3 (1-1; 1-1; 0-1)
Italia: Frédéric Cloutier (dal 30.37 Andreas Bernard); Alex Trivellato – Thomas Larkin – Stefano Marchetti – Alexander Gellert – Luca Zanatta – Armin Hofer – Enrico Miglioranzi – Hannes Oberdörfer; Marco Insam – Giulio Scandella – Anton Bernard – Giovanni Morini – Diego Kostner – Simon Kostner – Markus Gander – Nathan DiCasmirro – Raphael Andergassen – Markus Spinell – Tommaso Traversa – Michele Marchetti. Coach: Stefan Mair
Kazakistan: Vitali Kolesnik (Dmitri Malgin); Maxim Semyonov – Kevin Dallmann – Roman Savchenko – Vyacheslav Tryasunov – Alexander Lipin – Artemi Lazika – Madiar Ibraibekov; Brandon Bochenski – Roman Starchenko – Ivan Kuchin – Nursultan Belgibayev – Konstantin Pushkaryov – Nikita Ivanov – Dmitri Grents – Nikita Mikhailis- Coach: Andrei Nazarov
Arbitri: Jozef Kubuš (Slovacchia) e Gordon Schukies (Germania) Linesmen: Balázs Kovács (Ungheria) e Alexander Waldejer (Gran Bretagna)
Penalità: Italia 2 (2/0/0) – Kazakistan 4 (0/4/0)
Tiri: Italia 15 (4/6/5) – Kazakistan 21 (10/8/3)
Marcatori: (1-0) 06.47 Giulio Scandella (Anton Bernard – Marco Insam); (1-1) 08.51 Maxim Khudyakov (Yevgeni Rymarev – Alexander Shin) PP; (2-1) 28.42 Brandon Bochenski (Alexander Shin); (2-2) 38.54 Tommaso Traversa (Stefano Marchetti – Luca Zanatta) PP; (2-3) 56.12 Roman Starchenko (Vyacheslav Tryasunov – Roman Savchenko)
Spettatori: 386
MVP: Alex Trivellato (Italia) e Brandon Bochenski (Kazakistan)