LNA: Berna e Lugano per il titolo

Sarà sfida tra outsider in finalissima dei playoff per il titolo rossocrociato di hockey, dove troveremo il nostro Lugano a darsi battaglia con la rivelazione di questa corsa in post-season degli orsi capitolini del Berna.

Davos-Berna 1-4 (4-5ot,1-2,7-1,2-3ot,3-4)
Berna in finalissima
Cinica, spietata ed in stato di grazia; in queste parole si racchiude la semifinale degli orsi capitolini ad avere la meglio sui campioni in carica del Davos. Se la truppa di Arno del Curto ha avuto un bel sussulto d’orgoglio in Gara 3, subissando di reti la porta capitolina ed archiviando la pratica interna per 7-1, con l’ex Nhler Setoguchi (2+1) top scorer della serata, torna lo splendido equilibrio visto nelle prime due uscite in occasione di G4.
Davanti al solito muro casalingo dell’infuocata PostFinance Arena bernese (oltre 17000!) , l’eroe della serata è Tristan Scherwey a superare ad un niente dagli shootouts con un chirurgico snap lo stakanovista Genoni (47sv!) ultimissimo baluardo della colonia grigionese a cedere nella Capitale per 3-2. Gara 5 parte subito in discesa per gli orsi con Krueger e lo stesso Scherwey a portare già sul 2-0 il Berna dopo 4’; il Davos si rimbocca le maniche ma gli ospiti tengon sempre a debita distanza i grigionesi. Se le reti del primo terzo di Lindgren e Walser sono intervallate dalla rete di Blum, arriva a metà partita la rete della ‘sicurezza’ dei capitolini con Conacher a riportare a debita distanza il Berna che, rintuzzato le ultime folate della truppa di Del Curto (Ambuhl 52mo), estromette i gialloblu dalla corsa al titolo arrivando in finalissima nonostante il peggior seeding di partenza per i ragazzi di Lars Leuenberger, artefice del Miracle Bernese.

Ginevra – Lugano 2-4 (0-5,2-1ot,3-4ot,6-1,2-3ot,3-4ot)
Lugano in finalissima
Hc Lugano 2015-2016Se da una parte abbiamo il miracolo bernese, non è da meno la splendida rincorsa alla finalissima del nostro Lugano, capace di estromettere dalla corsa al titolo svizzero il Servette a suon di overtime, con la truppa bianconera di Doug Shedden a strappare il biglietto per le finalissime dopo dieci annetti di assenza.
Le fatidiche Vernets diventano terreno fertile per le vittorie più belle della serie per il Lugano che in Gara 3 (4-3, 1+2 Martensson) , trova dopo solo 1’ la rete decisiva con Damien Brunner a punire un disgraziato disimpegno della retroguardia granata con l’ex Nhler ad infilare di precisione Mayer per il nuovo vantaggio nella serie bianconera dopo un lungo rincorrere per tutta la partita gli uomini di McSorley, a fare mambassa alla Resega, strapazzando con un tennistico 6-1 i ticinesi (2+1 Kast).
Gara 5 e Gara 6 sono nuovamente crocevia per i destini della serie, con un meraviglioso spirito di gruppo a recuperare ad un niente dalla debacle il Servette, raggiunto ad un niente dal 60mo da Hofmann con Merzlikins accomodato in panca per dare spazio al sesto uomo di movimento; eroe questa volta della contesa è Tony Martensson, assolutamente stellare in questa PS, che come nella più belle delle favole regala il successo al Lugano per 3-2.
Gara 6 riserva ancora mille e emozioni, con successo meritatissimo della truppa di Doug Shedden per 4-3 (segue recap) arrivato al minuto 73 dalla rete di Philippe Furrer a far esplodere una Resega piena in ogni ordine di posto a riportare come detto i ragazzi ticinesi in finale dopo dieci annetti assieme all’invito alla prossima Champions Hockey League.

Finalissima (al meglio delle sette)
Lugano-Berna
Il Lugano, quale miglior partente nei playoff nei confronti del Berna, avrà il vantaggio casalingo dalla sua, con face-off iniziale in data 2 Aprile alla Resega; solito copione di PS, con sfide alternate casa/trasferta.

Finale Playout
Biel-Langnau 2-3 (6-1,0-1,3-0,5-6,1-3)
Il Langnau avrà il primo match ball interno alla volta del 31/3 per sbarazzarsi del Biel, piegato in G5 per 3-1, con i tigrotti tenuti a galla con le unghie ed artigli dalla fenomenale prestazione di Damiano Ciaccio in gabbia, autore di 48 parate nell’arco di 60’ con Albrecht, Nussli e Lindemann (EN) a portare avanti nella serie il Langnau.

Tags: