I Mastini salutano con un successo: 9-4 al Val Venosta

Per l’ultima partita stagionale casalinga dei Mastini Varese, arriva ospite il Val Venosta, vittorioso nella sfida di andata. Gli stimoli per i Mastini ci sono, se non altro perchè il pubblico di casa si attende un successo da parte dei loro beniamini, al termine di una stagione sfortunata e deludente dal punto di vista dei risultati. Dall’altra parte il Val Venosta, che non ha affrontato la trasferta tanto per marcare presenza, ma, nonostante la sua classifica affermata e senza più ambizioni (così come quella del Varese), darà filo da torcere ai varesini, confermando alcune prestazioni decisamente positive che la compagine altoatesina ha mostrato durante la stagione. Nella Varese dei giocatori sempre contati (anche oggi alle prese con alcune assenze), rientrano il difensore Frizzera (assente nelle ultime giornate a causa di impegni con la nazionale di hockey inline), 2016_02_21 varese valvenosta ILIC STEFANil difensore Ilic (nella foto – impegnato nelle scorse settimane con la nazionale serba) e il giocatore Daniele Odoni, il quale anticipa i tempi di recupero dal grave infortunio al ginocchio che lo ha tenuto lontano dal ghiaccio per diverse settimane.

La formazione ospite parte bene e prova fin dalle primissime battute a tenere i Mastini nella propria zona di difesa. Il primo pericolo per la porta difesa da Bertin arriva quando un attaccante altoatesino liscia il disco sottomisura, non trovando il tempo della battuta. Poco dopo è lo stesso Bertin a bloccare in bello stile una deviazione sottoporta da parte di Clemente, che corregge verso la porta una battuta dalla distanza di un compagno. Nel primo power play della partita il Varese passa proprio allo scadere dei 2′ e più precisamente al 3’42”, con un tiro di Sorrenti dalla distanza respinto in modo incerto da Tappeiner su cui si avventa M. Mazzacane che appoggia in rete. Passano 40″ e i Mastini raddoppiano con E. Mazzacane che beneficia ancora di una incertezza del goalie ospite, il quale non riesce a respingere con decisione una conclusione dalla distanza.

Una bella azione orchestrata dalla linea varesina porta alla terza marcatura al minuto 11’52,” ancora siglata da M. Mazzacane (nella foto) su assist di Merzario dopo che il disco è stato ben giocato da Privitera: puck che taglia il ghiaccio da un aparte all’altra e il numero 10 giallonero, da sinistra, trova l’angolo opposto.

I Mastini allentano la tensione e nonostante abbiano l’uomo in più, un’incertezza di Ilic da il via al contropiede altoatesino che si concretizza con un bel tocco di fino da parte di Laimer, servito con precisione chirurgica da Guarise, a superare Bertin, infilandolo nell’angolino basso alla propria sinistra. Siamo al minuto 15 e a parte un’altra paratissima del portiere giallonero che neutralizza un assolo di Clemente e un tentativo di E. Mazzacane ben sventato da Tappeiner, non accade più nulla di rilevante fino alla prima sirena.

In apertura di ripresa gli ospiti provano subito a riportarsi sotto e serve un doppio intervento del portiere di casa per impedire la rete: prima respinge prima un tiro ravvicinato e poi ancora a ribadire sul tap-in di Pohl. La rete del Valvenosta è soltanto rimandata di qualche secondo e infatti viene registrata in power play al minuto 2, da Stocher, il quale chiude a rete un bel dialogo con Von Pfostl. Il Val Venosta è rientrato dagi spogliatoi con un piglio diverso e prova a impensierire i Mastini, ma il portiere giallonero è sempre attento e presente, prima su Clemente, poi su un insidioso tocco di Guarise che arriva dopo uno slalom elegante tra i difensori di casa. 2016_02_21 varese valvenosta ERIK MAZZACANE

In prossimità della mezz’ora la rete di E. Mazzacane (nella foto) è splendida e arriva dopo una bella azione di Privitera che intercetta un disco all’altezza della linea di centroghiaccio, all’altezza della balaustra, supera in bello stile un avversario e serve centralmente l’accorrente compagno, che al volo insacca. Trascorre un minuto ed è il serbo Ilic a ricevere il disco da Merzario e infilare il portiere Tappeiner, questa volta in power play. Gli ospiti rispondono subito con una bella trama di gioco che manda in rete Pohl servito da Clemente, al minuto 33′. E’ proprio in questi minuti che si ha la chiave della partita perchè un’ingenuità del Val Venosta in power play (un cambio linea effettuato male) ha offerto al Varese, per un discorso di minutaggio di penalità, la possibilità della superiorità numerica, fino a quel momento favorevole proprio agli ospiti. Bertin ottimo in un paio di occasioni, di cui una di Pohl, ma dall’altra parte bravo anche Tappeiner su Privitera. Poco prima della seconda sirena l’azione in doppio power play dei gialloneri è da manuale e si concretizza proprio allo scadere della doppia superiorità: gira bene il disco giallonero con F. Borghi che allarga per M. Mazzacane il quale apre il gioco di prima intenzione dalla parte opposta per Sorrenti che, sempre di prima intenzione, scaglia sotto la traversa dell’incolpevole goalie. Sul 6 a 3 per i Mastini si chiude la seconda frazione.

In apertura di terzo drittel è nuovamente E. Mazzacane che tramuta in rete, “nel traffico”, un assist ancora di Merzario. Una rete in mischia che consente ai Mastini di poter affrontare la parte finale con un po’ più di tranquillità. Altre due sono le marcature per i varesini prima della sirena finale: la prima di Andreoni (nella foto) 2016_02_21 varese valvenosta ANDREONIche corregge in rete dal centro un assist di M. Mazzacane in superiorità numerica, mentre poi è ancora Ilic che sempre con l’uomo in più, riceve il puck ancora da M. Mazzacane, si allarga, prende la mira e trova l’incrocio dei pali alla sinistra del portiere, per la nona marcatura.

Prima del 60° arriva, in doppia superiorità, la rete del Val Venosta, merito di Clemente che da due passi trafigge Bertin. Le due penalità varesine sono state fischiate per aver fermato irregolarmente due giocatori avversari in procinto di concludere un paio di belle e pericolose azioni.

Il Val Venosta ha avuto il merito di provar sempre a giocare anche quando sul ghiaccio si è trovato in inferiorità numerica, nonostante qualche assenza anche nelle file altoatesine. Un paio di elementi si sono distinti per aver disputato una buona prestazione, più di altri, degna di menzione: sicuramente Guarise, giocatore alto, ma non particolarmente robusto, che ha mostrato buone giocate fatte di tecnica e di lucidità; poi Pohl, sempre nel vivo del gioco.

2016_02_21 varese valvenosta MASTINI

Varese si è congedato dal proprio pubblico con una vittoria sonante, disputando una buona partita. I ritorni di Ilic e di Frizzera hanno contribuito a dare spessore alla difesa, permettendo agli avanti gialloneri di dedicarsi maggiormente al loro ruolo naturale e i risultati si sono visti. Da segnalare le prestazioni dei fratelli Mazzacane, preziosi entrambi in ogni parte della pista, oltre che in zona gol. Quello che tutti i tifosi di Varese si augurano è che questo congedo possa essere solo relativo a questa stagione, che sia cioè un arrivederci e non un addio, perchè l’hockey, nella città giardino, deve avere continuità, se non altro per non sprecare il “patrimonio” di questi giocatori che hanno dato impegno e sacrificio. Bello l’applauso finale che il pubblico ha tributato alla squadra, a testimonianza di quanto appena scritto e dell’affetto di cui questa squadra gode in terra varesotta.

VARESE – VAL VENOSTA 9-4 (3:1 3:2 3:1)

FORMAZIONI:

HC VARESE: 29 Bertin (28 Crippa), 6 Ilic, 11 Papalillo, 16 Frizzera, 21 Termanini, 34 F. Borghi, 87 Gaggini, 96 Odoni, 10 M. Mazzacane, 17 Andreoni, 22 E. Mazzacane, 27 Sorrenti, 31 G. Merzario, 69 P. Borghi, 71 Mandelli, 88 Privitera. All. G. Merzario.

AHC VALVENOSTA: 1 Tappeiner (12 Rizzon), 5 Micali, 82 Nagl, 22 Oberdorfer, 4 Pircher, 15 Von Pfostl, 92 Clemente, 19, Guarise, 13 Laimer, 7 Phol, 20 Santer, 79 Stocker, 57 Strobl, 62 Virzi. All. Job

Riassunto delle reti

Periodo 1

1-0 HC Varese – Michael Corrado Mazzacane (Salvatore Sorrenti, Marco Andreoni) 3:42
2-0 HC Varese – Erik Steve Mazzacane (Francesco Borghi, Giancarlo Merzario) 4:19
3-0 HC Varese – Michael Corrado Mazzacane (Giancarlo Merzario, Riccardo Privitera) 11:52
3-1 AHC Vinschgau – Michael Laimer Gerstl (inferiorità numerica) (Michael Guarise) 15:06

Periodo 2

3-2 AHC Vinschgau – Michael Stocker (superiorità numerica) (Lorenz Von Pfostl, Michael Guarise) 1:57
4-2 HC Varese – Erik Steve Mazzacane (Riccardo Privitera, Patrick Frizzera) 9:49
5-2 HC Varese – Stefan Ilic (superiorità numerica) (Giancarlo Merzario, Marco Andreoni) 11:09
5-3 AHC Vinschgau – Andreas Pohl (Mirko Clemente, Michael Stocker) 13:01
6-3 HC Varese – Salvatore Sorrenti (superiorità numerica) (Michael Corrado Mazzacane, Francesco Borghi) 18:29

Periodo 3

7-3 HC Varese – Erik Steve Mazzacane (Giancarlo Merzario, Stefan Ilic) 1:33
8-3 HC Varese – Marco Andreoni (superiorità numerica) (Michael Corrado Mazzacane, Salvatore Sorrenti) 5:34
9-3 HC Varese – Stefan Ilic (superiorità numerica) (Michael Corrado Mazzacane, Riccardo Privitera) 13:32
9-4 AHC Vinschgau – Mirko Clemente (superiorità numerica 2) (Andreas Pohl, Michael Stocker) 18:05

PENALITA’: Varese 12′, Valvenosta 24′