Lugano ringrazia Klasen. Per l’Ambrì ora si fa dura

I bianconeri si impongono 4.2. Avanti con FUCHS, gli ospiti vengono raggiunti dal gol di PETTERSSON. FAZZINI replica al nuovo vantaggio di SIDLER, ma la doppietta di KLASEN chiude i conti nel finale.  

Oltre al fascino indiscusso che, come sempre, caratterizza tutti i derby del Ticinesi, dove un  mix di emozioni, tensioni e lo spettacolo dei tifosi la fanno da padrone, questa sera alla Resega, in quello che sarà il penultimo incrocio stagionale tra le due formazioni, va in scena molto altro. Lugano e Ambrì hanno infatti due  diverse, anche se altrettanto importanti, missioni da compiere. Da una parte i bianco blu sono alla disperata ricerca di punti per non abbandonare definitivamente il sogno playoff (la fatidica 2linea” dista tre punti), dall’altra il Lugano, che ha certamente meno pressioni su di sé, deve trovare l’assetto migliore in vista dell’imminente postseason che prenderà il via il 3 marzo. La compagine allenata da SHEDDEN ha il dovere di provarci fino a quando la matematica non la condanna, ma sembra essere ad oggi quasi fuori dall’elite delle Top Four. Dovrà così vedersela nel primo turno con una tra Servette, Davos e Zugo e, non potendo beneficiare del vantaggio casalingo ha bisogno di farsi trovare subito pronta. La lunga pausa per gli impegni delle squadre nazionali è servita ai bianconeri per recuperare due pedine importanti come FURRER e ULMER, mentre rimangono ancora fermi ai box STEINMANN, BRUNNER, CHIESA e BERTAGGIA. Gli ospiti, invece, FORA è l’unico assente, mentre rientrano in difesa Sven BERGER e ZGRAGGEN.

Inizio veemente del Lugano, che sfiora subito il gol con un gran tiro di PETTERSSON di poco fuori. La squadra di casa crea in avvio occasioni in serie. HIRSCHI dalla distanza e FAZZINI, impegnano severamente ZURKIRCHEN. Il clima è infuocato, con HOFMANN e BIANCHI che si accomodano ben presto in panca punti al termine di una scazzottata. Ancora FAZZINI è protagonista al minuto 06:00. L’attaccante bianconero, rientrato da Rapperswil, lasciato solo nello slot, non riesce però a sorprendere di rovescio il portiere ospite. E così, alla prima vera occasione, sono invece i leventinesi a passare in vantaggio con FUCHS, bravo a battere MERZLIKINS, che nulla ha potuto sul secondo tentativo dell’attaccante biancoblu (0.1) al minuto 07:55. I bianconeri potrebbero subito pareggiare, ma MARTENSSON fallisce una favorevole occasione, mancando il bersaglio in backhand. Dopo un inizio promettente, i bianconeri stentano adesso a sviluppare il loro gioco offensivo e la porta di ZURKIRCHEN corre davvero pochi pericoli. E, al minuto 16:36  sono gli ospiti a godere di una situazione di power-play (fuori HOFMANN), ma, nell’unica opportunità creata, MERZLIKINS riesce a deviare la conclusione di GIROUX. A fil sirena, un aggancio di FUCHS costringe l’Ambrì all’inferiorità numerica nei primi due minuti del periodo centrale.

L’unica conclusione verso la porta ospite, è quella di FURRER, che non sorprende però ZURKIRCHEN. Il match si riaccende. KOSTNER (prossimo giocatore biancoblu) si divora il pareggio e, sul ribaltamento di fronte, MERZLIKKINS deve salvare miracolosamente su EMMERTON. Il Lugano cerca a tutti i costi di riequilibrare il match e ci va davvero quando WALKER, nonostante il tentativo disperato di ZGRAGGEN, per poco non batte il portiere avversario. PETTERSSON ferma sul più bello l’inerzia dei bianconeri, commettendo un fallo di ostruzione ai danni di TRUNZ. Anche in questa occasione, la formazione di KOSSMANN,non riesce ad approfittare della superiorità numerica. Dopo una buona occasione con DAL PIAN,  anche il Lugano ha la sua chance con l’uomo in più, quando KLASEN viene infatti fermato fallosamente da GAUTSCHI. Anche stasera il power-play bianconero non ne vuol sapere proprio di funzionare. Ci pensa allora PETTERSSON, con un tocco di rovescio, a realizzare il gol del pareggio (1.1) al minuto 39:13. Un gol convalidato dagli arbitri solo dopo aver rivisto le immagini televisive che hanno evidenziato sì, un fallo di ostruzione di KLASEN ai danni del portiere, ma solo dopo che il disco era entrato n porta. In contropiede e, con l’uomo in meno, i padroni di casa si mangiano qualche secondo dopo la rete del vantaggio. FURRER serve HOFMANN , ma l’attaccante grigionese non riesce a controllare il disco con la porta spalancata.

In avvio del terzo periodo succede di tutto. SIDLER riporta avanti i suoi, con un tiro dalla distanza che sorprende MERZLIKINS (1.2) al minuto 41:35. Dopo soli 12” però FAZZINI trova il pareggio beffando ZURKIRCHEN, con una conclusione in mezzo ai gambali (2.2).  DUCA commette un fallo su HOFMANN, ma l’Ambrì  riesce a resistere con l’uomo in meno, aiutato anche da un po’ di fortuna, come nell’occasione del palo colpito di STAPLETON. Le due squadre tirano per qualche minuto il fiato, ma, al minuto 51:09, gli ospiti hanno una grande occasione. Direttamente dal proprio terzo difensivo, MÄENPÄÄ, lancia a rete LHOTAK, ma è provvidenziale nella circostanza HIRSCHI, che riesce a fermare con mestiere l’attaccante biancoblu. Gli ospiti sembrano crederci di più, ma il palo ferma la conclusione di TRUNZ. Il Lugano, trova invece come spesso accade la rete del vantaggio con KLASEN, grazie anche ala complicità di ZURKIRCHEN, non perfetto nell’occasione (3.2) al minuto 46:21. Gli ospiti sanno che la posta in palio per loro è altissima e tentano il tutto per tutto. PESTONI non è fortunato e centra lo spigolo della traversa, mentre sull’altro fronte è ancora KLASEN a realizzare a porta vuota la rete del (4.2). Tre punti importanti per il Lugano, che lasciano ancora qualche speranza di entrare nelle Top Four, mentre per l’Ambrì ora si fa davvero dura con sole tre partite ancora da disputare.

 

LUGANO – HCAP  4 . 2  ( 0 . 1 – 1 . 0 – 3 . 1 )

07 : 55  0 . 1  21. FUCHS ( 79. BIRBAUM )

39 : 13  1 . 1  71. PETTERSSON ( 86.KLASEN )

41 : 35  1 . 2  28. SIDLER ( 27. BASTL )

41 : 47  2 . 2  17. FAZZINI ( 15. HOFMANN )

56 : 21  3 . 2  86. KLASEN ( 71. PETTERSSON – 38. SANNITZ ) ENG

 

PENALITA      :    LUGANO  4 X 2 MIN.                                       HCAP  4 X 2 MIN.

ARBITRI          :   Marcus VINNERBORG – Marc WIEGAND      LINESMAN  Nicolas FLURI  -Simon WÜST

SPETTATORI  :   7800.

LUGANO : Merzlikins, Vauclair-Ulmer, Klasen(TS)-Martensson-Pettersson, Furrer-Kienzle, Hofmann-Stapleton-Fazzini, Kparghai-Hirschi(C), Reuille-Sannitz(A)-Walker(A), Sartori-Wollgast, Morini-Dal Pian-Kostner. All.Shedden.

HCAP : Zurkirchen, Mäenpää(TS)-Berger, Giroux(A)-Emmerton-Pestoni, Sidler-Trunz, Bianchi-Kamber-Grassi, Birbaum-Gautschi(A), Lauper-Hall-Monnet, Zgraggen-Bastl, Lhotak-Fuchs-Duca(C). All.Kossmann.am

Tags: