I Lupi divorano i Mastini troppo distratti

Domina il colore giallonero in questa sfida, anche se appare un po’ sbiadito viste le posizioni di classifica ricoperte da entrambe le squadre. Il giallonero dei lupi di Brunico è sicuramente più splendente vista la presenza di una formazione anche in serie A, mentre i colori bosini hanno voglia di riprendersi quello smalto che è mancato nelle ultime stagioni. Ciò che certamente non manca ad entrambe le compagini è l’orgoglio e la voglia di giocare a hockey. Ormai non si contano più le assenze tra le fila bosine, mentre i padroni di casa presentano un roster numericamente piuttosto completo.

2016_02_14 valpusteria varese

Partono bene i Mastini, con ritmo veloce e fluido. Un paio di tiri dalla distanza di Andreoni e di Sorrenti con cui il goalie dei lupi ha scaldato i guantoni, poi un’azione ancora di Andreoni costringe lo stesso portiere ad una deviazione del puck che attraversa l’intera linea di porta prima di toccare il palo e uscire. Al 8′ arriva la rete del Valpusteria con Glira che batte Bertin dopo un dialogo con Egarter, mentre un minuto circa più tardi è Pietro  Borghi con un tiro sottomisura che infila i gambali di Kosta.

2016_02_14 valpusteria varese (6)

Passa poco tempo e da lì a tre minuti i lupi segnano tre volte: prima con E. Thum, poi con Beikircher e con Laner. Pasticci in difesa da parte dei varesini che giocano maluccio e appaiono con una certa superficialità che porta a subire reti in rapida successione. Bello soprattutto il gol realizzato da Baikircher che scarica all’incrocio dei pali da pochi passi da Bertin, dopo un ingaggio vinto da un compagno. Varese non ha la forza di ripartire, colpita nel morale, tranne che poco prima della sirena quando a Privitera riesce la deviazione vincente. Con il Varese a segno, la logica lascerebbe pensare che il secondo periodo possa vedere sul ghiaccio i Mastini un po’ più determinati e concentrati, ma dopo un sussulto iniziale con un paio di sortite alle quali Kosta ha ben risposto, il Val Pusteria si riversa nel terzo varesino, costringendo gli ospiti ad un secondo drittel di sofferenza.  Un tiro dalla distanza da parte di Wagger sorprende Bertin al 5′ del secondo tempo e dopo 30″ B. Obermair finalizza un bell’assist di E. Thum dopo un grande pasticcio tra il portiere Bertin e un difensore.  I lupi giocano bene, la partita è piacevole. Ripartenze veloci, puck che disegna sul ghiaccio interessanti trame di gioco che non fanno pensare ad una squadra che veleggia nella seconda parte di classifica, ma oggi ciò è amplificato dal fatto che nei Mastini qualcosa non giri per il verso giusto a livello mentale. Lo si è visto anche quando prima Mandelli e poi Papalillo, presentatisi in compagnia di altri due compagni davanti al portiere avversario gli hanno “sparato” addosso con poca convinzione.

2016_02_14 valpusteria varese (5)

Lo stesso Bertin più volte ha evitato il peggio anche nel secondo tempo: prima chiude benissimo su un’iniziativa di Zandegiacomo, poi ancora respinge una percussione di Tomasini. Ma sono anche altre le occasioni che i pusteresi hanno avuto per arrotondare il punteggio.

Terzo tempo che si apre coi Mastini che non sfruttano un power play, più che altro per la bravura di Kosta che nega la rete in almeno tre occasioni ai varesini. Ottima la difesa dei lupi, sempre ben piazzata, tranne che in un paio di occasioni. Bertin è incredibile a respingere un duplice tentativo di Beikircher e Obermair, mentre dalla parte opposta è ancora Kosta a superarsi in almeno tre occasioni. La rete di Mazzacane, involatosi verso la porta ben assistito da Gaggini, a 13′ dal termine serve a poco. La porta pusterese pare stregata attorno al 50′ quando Privitera, Andreoni, Mazzacane e Sorrenti chiamano quattro interventi ravvicinati del portiere. Bertin chiamato in causa ancora un paio di volte e poi è ancora la difesa pusterese a rintuzzare qualche tentativo varesini.

2016_02_14 valpusteria varese (4)

Val Pusteria bene sul ghiaccio, con Egarter, Obermair e Beikircher tra i migliori, oltre a Kosta, mentre nel Varese, apparso piuttosto svagato, Gaggini e Andreoni sono stati autori di un’ottima prova.

VAL PUSTERIA – VARESE 7-3 (5:2 2:0 0:1)

FORMAZIONI

H.C PUSTERTAL:  30 Kosta (Zecchetto), 7 Glira, 8 Baumgartner, 9 Wieser, 13 Profunser, 15 Wagger, 16 Beikircher 10 Tomasini, 11 Zandegiacomo, 12 Laner, 18 J. Thum, 4 Oberpertinger, 5 Gotsch, 6 Egarter, 17 E. Thum, 20 A. Obermair, 22 B. Obermaier. All. E. Kostner

HC VARESE: 29 Bertin (28 Crippa), 11 Papalillo, 27 Sorrenti, 34 F. Borghi, 21 Termanini, 87 Gaggini, 10 M. Mazzacane, 17 Andreoni, 22 E. Mazzacane, 31 Merzario, 71 Mandelli, 69 P. Borghi, 88 Privitera. All. G. Merzario

2016_02_14 valpusteria varese (2)

Riassunto delle reti

Periodo 1

HC Pustertal Junior – Daniel Glira (Raphael Egarter) 8:15
HC Varese – Pietro Borghi (Giancarlo Merzario, Francesco Borghi) 9:53
HC Pustertal Junior – Elias Thum (Daniel Glira, Raphael Egarter) 10:54
HC Pustertal Junior – Philipp Beikircher (Dietmar Götsch, Ruben Tomasini) 11:55
HC Pustertal Junior – David Laner (Nicola Zandegiacomo Mazzon, Peter Wieser) 13:20
HC Pustertal Junior – Raphael Egarter (Elias Thum) 17:46
HC Varese – Riccardo Privitera (Marco Andreoni, Michael Corrado Mazzacane) 19:49

Periodo 2

HC Pustertal Junior – Stefan Wagger (Dietmar Götsch) 5:00
HC Pustertal Junior – Benno Obermair (Elias Thum, Raphael Egarter) 5:31

Periodo 3

HC Varese – Michael Corrado Mazzacane (Alessandro Gaggini, Salvatore Sorrenti) 7:37

PENALITA‘: Val Pusteria 4′ – Varese 2’