Lugano: finale travolgente . Continua la rincorsa al vertice

Losanna sconfitto 7.4. Avvio shock dei bianconeri con l’uno-due firmato DERUNS e PESONEN. KLASEN e BRUNNER ristabiliscono l’equilibrio. Nel periodo centrale HOFMANN completa la rimonta, ma arriva subito il pareggio di PESONEN. PETTERSSON e BERTAGGIA protagonisti dell’allungo decisivo. FROIDEVAUX riapre nuovamente il match, ma BRUNNER e BERTAGGIA mettono il sigillo al successo finale.           

Reduce dalla sconfitta all’overtime contro lo Zugo, dopo aver rimontato due reti di svantaggio, Il Lugano ha l’occasione propizia per tornare al successo, affrontando alla Resega il Losanna. Si tratta del quarto confronto stagionale contro i vodesi e i precedenti parlano chiaramente a favore dei bianconeri, usciti sempre vittoriosi. Se, da un lato, la formazione di SHEDDEN ha l’obiettivo di scalare la classifica, avvicinandosi il più possibile al vertice, sul fronte opposto il Losanna cerca di consolidare il suo settimo posto, per garantirsi l’accesso quanto prima l’accesso ai playoff.  I bianconeri, oltre ai soliti assenti STEINMANN, FURRER e MORINI, devono rinunciare all’apporto di STAPLETON, ammalato. Gli ospiti presentano una formazione rimaneggiata, non disponendo di AUGSBURGER, CONZ, HERREN, RYTZ, ANTONIETTI, SAVARY, BANG e LOUHIVAARA.

Vista la fattiva collaborazione in atto tra le due maggiori società sportive cittadine (HC Lugano e FC Lugano), scende in pista addirittura mister Zdenek ZEMAN per dare il via al match con il simbolico ingaggio. L’inizio per i bianconeri è però terribile. Passano soli 58”, e il Losanna trova subito la rete del vantaggio grazie a DERUNS, che sorprende la disattenta retroguardia bianconera (0.1). Ma non è finita qui. Poco dopo infatti, il Top Scorer finlandese PESONEN, scambia il disco con RYSER, battendo nuovamente MERZLIKINS (0.2) al minuto 01:26. Il Lugano fatica a reagire e nemmeno quando si trova con l’uomo in più (fuori STADLER per un fallo ai danni di BRUNNER) riesce a trovare quella rete che può permettergli di riaprire la partita. Anche FILPPULA ci mette del suo. Il finlandese spreca infatti un favorevole contropiede ,non riuscendo a mettere il disco sulla stecca di VAUCLAIR, incredibilmente solo davanti a HUET. Al minuto 14:00, MERZLIKINS è bravo a respingere la conclusione ravvicinata di HYTÖNEN, evitando guai peggiori. Ma i padroni di casa, fin qui irriconoscibili, proprio in occasione del secondo power-play della serata (fuori DERUNS), riescono a trovare il gol con KLASEN, il cui diagonale, per la verità non irresistibile, beffa HUET (1.2) al minuto 16:45. Quasi allo scadere, dopo un’uscita da brivido di MERZLIKINS che, per poco non favorisce LEBLANC, BRUNNER rimette le cose a posto realizzando le rete del pareggio, ben assistito da KLASEN (2.2).

Appena rientrato in pista dopo la pausa, il Lugano completa la rimonta grazie a HOFMANN, liberissimo di colpire nello slot anche grazie al passaggio illuminante di FILPPULA (3.2) al minuto 20:59. La partita sembra  mettersi in discesa, quando i bianconeri hanno la possibilità sfruttare un nuovo power-play (fuori GOBBI). HOFMANN, questa volta, sbaglia la mira da buona posizione. Sul fronte opposto PESONEN invece non perdona e, così come in occasione del secondo gol, grazie al perfetto assist di RYSER (3.3) al minuto 24:58.  A parte un paio di tentativi isolati di PETTERSSON, sventati da HUET, le emozioni latitano. La conclusione dalla linea blu di KIENZLE, con il tentativo di deviazione sottoporta di SANNITZ, mettono così fine a un periodo centrale tutt’altro che esaltante.

Nel periodo conclusivo, i bianconeri devono subito fronteggiare la loro prima situazione di inferiorità numerica della serata (penalizzato MARTENSSON). MERZLIKINS si fa trovare pronto sul diagonale di RYSER e per il Losanna l’occasione sfuma. I vodesi però insistono. WALSKY, dopo aver sfruttato intelligentemente un’indecisione di ULMER, non riesce a servire il compagno di linea in ottima posizione. Non riuscendo a ottenere risultati tramite il gioco d’assieme, i bianconeri sanno però di poter attingere dall’immensa qualità dei propri singoli. E infatti proprio al termine di un’insistita azione di PETTERSSON, arriva il nuovo vantaggio bianconero. Dopo uno slalom, il Top Scorer svedese trova infatti l’angolo giusto per infilare HUET (4.3)  al minuto 46:35. Il Lugano preme sull’acceleratore e solo un miracolo dello stesso HUET, nega la gioia del gol a WALKER, presentatosi solo davanti all’estremo difensore ospite. Tutto rimandato però di lì a poco, quando BERTAGGIA, sfruttando la posizione di SANNITZ davanti allo slot, batte per la quinta volta HUET (5.3) al minuto 51:25. La squadra di EHLERS si innervosisce e, a farne le spese, è il suo capitano GOBBI che si fa mandar fuori per due minuti. I bianconeri cercano di controllare la partita negli ultimi minuti di gioco, ma, quando sono costretti all’inferiorità per il fallo di CHIESA ai danni di WALSKY, subiscono la rete di FROIDEVAUX, che sembra rimettere tutto in discussione (5.4) al minuto 58:00. Gli uomini di SHEDDEN vogliono però fortemente i tre punti e, dopo 8” BRUNNER, ristabilisce le distanze realizzando la rete del (6.4). Negli ultimi secondi arriva anche il gol a porta vuota di BERTAGGIA (doppietta), che fissa il risultato sul (7.4).  La vittoria permette così ai bianconeri di avvicinarsi sempre più a quel secondo posto che diventa il vero obiettivo della regular season. Un ulteriore successo in trasferta contro l’ultima della classe, il Bienne, nel prossimo impegno dei bianconeri, potrebbe dare ancor di più una mano in tal senso. Per il Losanna un passo falso, che non preclude però la possibilità di continuare a lottare per un posto nei playoff, a partire dalla prossima sfida contro il Davos.

 

LUGANO – LOSANNA  7 . 4 ( 2 . 2 – 1 . 1 – 4 . 1 )

00 : 58  0 . 1  27. DERUNS

01 : 26  0 . 2  82. PESONOEN ( 55. RYSER )

16 : 45  1 . 2  86. KLASEN ( 98. BRUNNER ) PP1

19 : 24  2 . 2  98. BRUNNER ( 86. KLASEN -22. ULMER )

20 : 59  3 . 2  15. HOFMANN ( 81. FILPPULA – 98. BRUNNER )

24 : 58  3 . 3  82. PESONEN ( 55. RYSER )

46 : 35  4 . 3  71. PETTERSSON

51 : 25  5 . 3  13. BERTAGGIA

58 : 00  5 . 4  40. FROIDEVAUX ( 27. DERUNS ) PP1

58 : 08  6 . 4  98. BRUNNER ( 81. FILPPULA – 15. HOFMANN )

59 : 59  7 . 4  13. BERTAGGIA ( 91. WALKER – 16. KIENZLE )

 

PENALITA’    :  LUGANO  2 X 2 MIN.                           LOSANNA  4 X 2 MIN.

ARBITRI        :  Michael KÜNG – Marc WIEGAND     LINESMAN   Cedric BORGA – Marc HUGGENBERGER

SPETTATORI : 6415

LUGANO : Merzlikins, Vauclair-Ulmer, Klasen-Martensson-Pettersson(TS), Hirschi(C)-Kienzle, Hofmann-Filppula-Brunner, Kparghai-Chiesa(A), Bertaggia-Sannitz(A)-Walker, Sartori-Fazzini, Reuille-Dal Pian-Kostner. All.Shedden .

Tags: ,