Serie C: il match visto da Aosta e Pinerolo

(Dal sito hockeyaosta.it) – HC Gladiators – HC Pinerolo 6-7 (0-2, 5-0, 1-4, 0-1).

Marcatori: Paolo De Luca (3), Lattanzi, Fabio Lombardo, Sozzi.

Roster: André Guichardaz, Emanuele Napoli, Davide Baraldi, Federico Bottani, Lorenzo Cantore, Marco Scarponi, Simone De Luca, Diego Giacché, Michael Lattanzi, Daniele Iacovelli, Alessandro Iacovelli, Loris Lombardo, Fabio Lombardo, Lorenzo Olivo, Stefano Sozzi, Mattia Joly, Umberto Rosaire, Davide Raia, Paolo De Luca, Davide Picco.

E’ l’hockey, bellezza, e a volte purtroppo può assumere i contorni di una gigantesca beffa. La differenza tra tecnica e tattica, ad esempio, sulla carta è questione di una manciata di lettere, e sul ghiaccio è quantomai sottile, ma può spostare l’ago della bilancia da vittoria a sconfitta in una manciata di minuti.
I Gladiators lo hanno toccato con mano stasera, in una sfida casalinga ad alto contenuto di bel gioco ed azioni fulminee, che non sono bastate però a strappare la vittoria, perché si sono infrante contro la tattica avversaria. Nel primo drittel, il goalie pinerolese ha fatto sia gli straordinari, sia i miracoli, salvando la sua porta in otto occasioni, almeno tre delle quali (un tiro ravvicinato di Paolo De Luca, un “faccia a faccia” con Stefano Sozzi e uno slap di Lorenzo Olivo da autovelox) avrebbero fatto tremare i polsi anche a portieri più navigati. Purtroppo, da questi assedi costanti sono nati, a 3:56 e a 19:22, i contropiedi che hanno consentito al Pinerolo di chiudere in vantaggio di due reti.
La rolba, oltre al ghiaccio tirato a nuovo, porta in campo il “black-out” avversario. E’ una goleada dei Gladiators, che tra i 22 e i 37 minuti non solo rimontano lo svantaggio, ma – complice anche un certo traffico sulla panca puniti dei piemontesi (il Pinerolo ha avuto fuori anche tre giocatori contemporaneamente) – allungano di tre distanze. Nel conto finisce anche un goal non validato dall’arbitro Costa, fatto lì per lì trascurabile, ma che, con il senno di poi, non lo sarà poi tanto. Si torna comunque nello spogliatoio sul 5-2 per i padroni di casa, con uno score che sembra destinato ad allungare la lista delle partite vinte.
Il terzo drittel si apre con un altro episodio altamente rilevante ai fini del risultato finale, ma che mette in luce la piena consapevolezza del Pinerolo sulla differenza tra tecnica e tattica. L’ultimo difensore pinerolese, vedendo un attaccante nostrano pericolosamente lanciato da solo verso il goalie, sceglie di evitare un goal quasi scritto e lo ferma in modo non propriamente ortodosso. E’ rigore, ma la trasformazione viene mancata. Un fatto che mette benzina nel motore avversario e vede il Pinerolo, proponendo un hockey a base di schematismi e passaggi continui, andare in rete tre volte in altrettanti minuti. I Gladiatori fuggono di nuovo in avanti a 54:32, facendo tirare un sospiro di sollievo al pubblico aostano, ma quando mancano meno di due minuti (58:18), la beffa prende corpo, portata dal goal del pareggio.

Serve quindi l’overtime che nessuno si sarebbe aspettato fino a una manciata di minuti prima, che inizia con il Pinerolo in power play, per una punizione arrivata sulla fine del tempo regolamentare. Il “face off” iniziale porta gli avversari nell’area dei Gladiatori e la triangolazione eseguita ad arte da tre giocatori inchioda la beffa: golden goal in trentun secondi di gioco e partita ai piemontesi. Come dicevamo inizialmente, è l’hockey bellezza, ma quanto brucia in serate del genere.

(Dal sito hcpinerolo.it) – Hc Gladiators Aosta vs Hc Pinerolo: 6-7 dts (0-2, 5-0, 1-4, 0-1)

Marcatori: Mondon 4 Viglianco Pedani e Salati

Formazione: Arman Pilon, Buson, Chauvie, Mercurio, Pedani, Rostan, Agli’, Bruno, Neri, Gatti, Viglianco, Mondon Marin; Obialero, Tortone, Salati. coah Grossi

Partita equilibrata, con i bianco stellati che mettono sul piatto una maggiore freschezza atletica, saliti in Vallè senza i forti difensori Rosso e Bianco, oltreall’ala Rota (prestati al Chiavenna), troviamo la rete del vantaggio in PP con Mondon Marin, bravo a infilare la porta avversaria con un bel tiro dalla blu. A cinque minuti dalla fine arriva il raddoppio di Salati. Un buon primo tempo della giovane difesa.

Secondo drittel da suicidio per i bianco stellati , l’Aosta in 15′ realizza la bellezza di 5 reti, tre di Paolo De Luca, una di Lombardo e una Lattanzi, per quanto riguarda il Pinerolo praticamente non pervenuto.

Terzo periodo dopo appena un minuto ingenuita di Mercurio, Lombardo scappa, Mondon in recupero non va troppo per il sottile e commette fallo, Costa fischia il rigore che Pilon neutrlizza la conclusione di De Luca, al 48′ è Mondon a ridurre le distanze con un bel tiro che buca Guichardaz. Passano appena due minuti ed è ancora Mondon a ridurre ulteriormente le distanze 5-4 per i padroni di casa. al 52′ pareggio del Pinerolo ancora con Mondon. Al 55′ in superiorità numerica prendiamo un gol ancora De Luca, a un minuto dalla fine è Agli a riaccuffare il pareggio. Ai supplementari dopo 24″ Viglianco porta a casa la vittoria.

Vittoria sofferta per un disastroso secondo tempo, ma nell’insieme buona prova di maturità e freschezza atletica dimostrata nel terzo drittel, ora domenica prossima al via la coppa Comitati dove il Pinerolo punta alla vittoria.

Tags: