CHL: sorrisi per Espoo, Turku, Lukko e Sparta Praga

Vincono e convincono le finlandesi nel secondo resoconto della Champions Hockey League con gli Espoo Blues ed il TPS Turku profete in casa, mentre trova gloria on the road il Lukko Rauma sul difficilissimo ghiaccio del Djurgarden con gli ermellini del Karpat Oulu ad andare controtendenza, superati dallo Sparta Praga in Repubblica Ceca.

Espoo Blues – HV71 Jonkoping 3-1 (2-0;1-1;0-0) di Miki Faella

Sorriso interno per i ragazzi di Jyrki Aho che nel difficilissimo (ennesimo) derby scandinavo della CHL tra le mura amiche della Espoo Metro Arena, supera nell’andata degli ottavi il più quotato HV71 grazie al portiere Engstrand, Mvp della contesa ed agli eterni Kim Hirschovits ed Eero Somervuori.

Nel primo terzo sono gli ospiti a creare i primi pensieri ai Blues che, nonostante siano ben disposti sul ghiaccio, subiscono la pressione degli avanti svedesi; l’eccesiva veemenza di Hirschovits viene sanzionata ma ad infilare le strettissime maglie dell’HV71 è Sailio dopo aver recuperato il puck nel proprio terzo.

Lo Jonkoping accusa decisamente il colpo e va sotto di due al 12mo con l’ex Ambrì Somervuori che, grazie all’uomo in più sul ghiaccio, deposita indisturbato in rete la più facile delle occasioni; i ritmi scendono radicalmente con gli svedesi a creare (Sandberg,Brithen) mentre sulla stecca di Hirschovits capita la migliore delle occasioni ad un niente dal mandare in archivio la partita.
Nel terzo centrale il top-scorer Onerud accorcia le distanze per l’HV71 in avvio superando nel classico 5-hole il fin qui buonissimo Engstrand; buone occasioni da ambo i lati (Wentzel solo 16 parate) ma più che una partita di hockey sembra di assistere ad una partita di scacchi con pochissimi spazi concessi da ambo i lati (bene per i Blues Sailio e Makkonen) limitate dalle rispettive retroguardie. Sul finire del terzo arriva il back-hand di Hirschovits a riportare a distanza di sicurezza l’Espoo con assistenza di Somervuori.
Ultimi 20′ con l’HV 71 ad improntarsi maggiormente in attacco (Tedenby/Hansson) ma sbattono a ripetizione contro i riflessi felini dell’estremo dei Blues (24sv) a traghettare la contesa sino al 3-1 finale per la gioia deglio oltre 3000 dell’Arena di casa; ritorno in quel di Jonkoping tra una settimana, con l’HC Lindbom degli svedesi a cercare la remuntada per evitare una clamorosa uscita e salvare un primo scorcio di stagione decisamente avaro di soddisfazioni (11mi in SHL).

Reti: 8:57 J.Sailio (n/a) SH 1-0; 12:45 E.Somervuori (Makkonen,Korhonen) PP 2-0; 20:57 S.Onerud (Laine,Amlmquist) 2-1; 39:00 K.Hirschovits (Somervuori,Rantakari) 3-1.

Djurgarden Stockholm – Lukko Rauma 1-2 (0-1; 1-0; 0-1) di Thomas Valeruz

Primo match della sfida tutta scandinava tra i finlandesi del Lukko Rauma e gli svedesi del Djurgarden valida per gli ottavi di finale della CHL: in Svezia a farla da padroni sono i finnici che al termine di un match equilibrato dal primo fino a quasi l’ultimo secondo ha visto lo spunto di Mikkola regalare agli ospiti la vittoria.

In avvio di match le squadre sono chiuse in difesa e faticano a farsi vedere dai rispettivi goalie avversari, e serve arrivare al quinto minuto per vedere un po’di emozioni da parte del Djurgarden che si fa vedere in zona offensiva in powerplay, che però non sfrutta. Sfrutta l’occasione invece il Lukko, con Lahteenmaki che si fa trovare tutto solo davanti a Tellqvist e non sbaglia la battuta a rete. Sul finale di periodo ancora un powerplay per i padroni di casa, Zapolski però non si fa sorprendere. Nel secondo periodo scende sul ghiaccio un altro Djurgarden, spinto dai circa 1000 spettatori prova a ribaltare il match. C’è però Zapolski sulla via della coppia Anderson-Hultstrom che in due occasioni a causa del portiere non riescono a centrare il bottino grosso. E quando il goalie si fa sorprendere ci pensa il palo a salvare i finlandesi, il gran tiro di Gagnon si stampa sul montante. Sul finale la gran pressione dei padroni di casa si concretizza e arriva la rete di Hultstrom, ben smarcato da Mattsson sul settore di sinistra che fredda Zapolski. Nel terzo periodo fioccano le penalità e il gioco si fa decisamente poco fluido, vengono comminati nel match ben 36 minuti di penalità di cui 18 solo nel terzo periodo e solo due occasioni degne di nota, due tentativi di Nurmi e Sorensen impegnano gli estremi avversari. Solo sul finale si rompe l’equilibrio, con Mikkola che ben appostato da pochi metri dentro la blu fredda Tellqvist. Il match si chiude sul tiro disperato di Hogstrom per i padroni di casa che però trova un attento Zapolski. 7 giorni e ci sarà il match di ritorno con i finlandesi che potranno sfruttare la rete di vantaggio nella differenza reti.

Reti: (0-1) 08:55  Lahteenmaki (Nurmi), (1-1) 38:53  Hultstrom (Mattsson), (1-2) 56:43  Mikkola (Gagnon)

TPS Turku – Storhamar Hamar 4-3 (0-3; 3-0; 1-0) di Lorenzo De Vidovich

Il sogno di Storhamar può continuare, dopo il match di stasera che pur essendo stato a due facce ha mostrato che i norvegesi fanno sul serio e dopo aver eliminato il Red Bull Salisburgo vogliono tentare di far fuori dai giochi una finlandese, sbancando i pronostici iniziali. La sconfitta di misura in casa del Turku deve essere un punto di partenza per gli uomini di Smirnov, che nonostante abbiano subito una rimonta e il risveglio dei finlandesi, hanno dominato il primo drittel chiuso avanti di tre gol.

La prima occasione di Kallio è ben arginata dal goalie dell’Hamar Oskar Ostlund. Il vantaggio è di Skadsammen bravo a ricevere da Jensen e fulminare Lassila con un diagonale terra-aria. Poco più di un minuto dopo Zettegren colpisce dalla lunga distanza per il 2-0 in doppia superiorità, grazie anche a Skadsammen che offusca bene la vista a Lassila. A 45” dalla prima sirena Ronnild si fa trovare pronto nello slot per la terza rete. Il Turku non ci sta e rientra sul ghiaccio con un altro spirito. Al 27:19 Ahtola avvia la rimonta deviando la conclusione di Nummelin, autore della seconda rete con un’altra siluratain situazione di doppia superiorità (puniti de la Rose e Zettegren) al 30:34. Quattro minuti dopo Siiki in break-away si fa trovare davanti ad Ostlund superandolo per il 3-3. Il terzo drittel è combattuto, la rete decisiva arriva da un’intesa tra Vainiola e Pikkarainen, bravo a farsi trovare libero alla destra del portiere. Finisce 4-3 per il Turku, ma la qualificazione andrà sudata ad Hamar.

Reti: (0-1) 12:56 Skadsammen (Jensen), (0-2) 16:21 Zettegren (Bull) (PP2), (0-3) 19:15 Ronnild (Huse, Hesbraten), (1-3) 27:19 Ahola (Nummelin, Virta), (2-3) 30:34 Nummelin (Virta, Perrin) (PP2), (3-3) 34:06 Siiki (Nummelin, Vainiola), (4-3) 55:21 Pikkarainen (Vainiola, Tikkanen)

Sparta Praga – Kärpät Oulu 4-2 (0-1; 2-0; 2-1) di Lorenzo De Vidovich

Il momento che sta attraversando il Kärpät Oulu non è dei migliori. In campionato la squadra insegue le capoliste ed ha iniziato col freno a mano tirato, ed ora rischia l’eliminazione per mano dello Sparta Praga, bravo e coriaceo nel match d’andata, approfittando di un Kärpät poco lucido dopo la prima metà del match. Per ribaltare lo svantaggio servirà una prova perfetta contro un avversario ostico.

Oulu gioca meglio il primo drittel e riesce a portarsi in vantaggio al 6:48 con Nutivaara bravo ad approfittare di un rebound, poi Kukinen colpisce un palo e Aittokallio testa i suoi riflessi alla prima conclusione pericolosa dello Sparta. Nella frazione centrale il Kärpät va ancora vicino al gol prima di subire il pareggio rocambolesco, col puck forse sfiorato da Kudrna e da un difensore. Il gol viene attribuito a Pribyl, ch aveva servito il disco nello slot. Al 35:36 il velenoso tiro dalla blu di Cajkosvky s’impenna davanti ad Aittokallio ed entra in rete segnando il vantaggio dei padroni di casa. Al 50:36 Cingel trova il terzo gol beffando il goalie finlandese sul suo palo. Meno di un minuto dopo Hakenpaa riapre il match dallo slot su assist di Pyorala, ma al 55:56 Hlinka firma il gol-vittoria con una bella finta ed un tiro preciso che si deposita in rete. Per lo Sparta adesso c’è un vantaggio da difendere contro la squadra che detiene la fama di miglior equipe finlandese. Eliminarla sarebbe già un successo europeo per lo Sparta Praga.

Reti: (0-1) 06:48 Nutivaara (Maenalanen, Hakanpaa), (1-1) 32:39 Pribyl (Hrbas), (2-1) 35:36 Cajkosvky (Barinka, Cernoch), (3-1) 50:36 Cingel (Sabolic, Kudrna), (3-2) 51:01 Hakenpaa (Pyorala, Aaltonen), (4-2) 55:56 Hlinka (Pribyl, Buchtele)