CCM CUP: un buon Pinè stende i Wikinger

(Com. stampa HC Pinè) – Un buon Pinè stende i Wikinger. Recuperto in extremis Deflorian ed esordio per Prati, finalmente l’Hockey Pinè può contare su tre linee d’attacco. Partono subito bene i trentini, con un buon ritmo di gara tentando la via del goal. Non si fanno attendere neppure i ragazzi di Vilpiano che impegnano alcune volte l’attento Valbusa. Dopo 10 minuti e 35 secondi un guizzo di Deflorian, ben imbeccato da Valer, dalla linea blu aggira e fa sedere Steinegger, infilando in gabbia per il vantaggio giallo nero. Non passano neppure due minuti che gli ex Falchi di Bosco Chiesanuova, Prati e Krasnaj premono sull’accelleratore e lo slovacco porta il Pinè sul 2 a 0 prima del riposo.
Nei primi minuti del secondo tempo sono i Wikinger a farsi notare e ad accorciare le distanze con l’ex Ev Bozen 84, Gasser. I trentini non si perdono d’animo e replicano con una bordata di Parisi dalla linea blu: 3-1. Sono ancora i ragazzi di coach Gasperini che ripartono in contropiede, Deflorian restituisce il favore nell’occasione del primo goal, passando a Valer, finta al goalie e puck in fondo alla gabbia.
Terzo drittel che si apre con il Pinè in avanti, Sitton, in meno di un minuto, sempre ottimamente piazzato, con la complicità di Andreatta e Bertoldi, buca per ben due volte la saracinesca dell’esperto Steinegger portando le tigri sul 6 a 1. Girandola di goal che non si ferma, questa volta sono i biancorossi, che sfruttano alla meglio il power play con Pechlaner a depositare il disco nella rete di Valbusa. Di li a poco il goalie giallo nero lascia il ghiaccio per il giovane Colombini. I Wikinger, in inferiorità numerica, calano di condizione atletica, Pezzo recupera il puck appena oltre la linea rossa centrale, sfrutta un canale nel mezzo arrivando davanti a Steinnegger che è bravo a deviare, ma nel rebound vincente di Valer, nulla può fare. Lo spettacolo continua, al 44.05, una sassata da posizione defilata di Barbieri guasta il buon esordio di Colombini. Non è ancora finita: c’è ancora il tempo di veder esultare Andreatta, a trenta secondi dalla sirena, dopo l’assalto di Bertoldi e Sitton, il puck regredisce e il # 88 trentino fa partire un disco che si stampa sul palo interno e non da scampo all’estremo ospite. Finisce 8 – 3, il pubblico applaude e chiede conferma nuovamente sul ghiaccio di Miola, contro i campioni in carica del SSV Naturns, venerdi 30 ottobre alle ore 21:00. Avanti Pinè!

Tags: