Varese, serata amara per i Mastini ancora sconfitti

di Massimo Airoldi

Non era una sfida facile quella che attendeva i Mastini Varese sul ghiaccio di casa contro la formazione trentina del Pergine, ma era una sfida che i gialloneri dovevano a tutti i costi provare a vincere. Reduci infatti da quattro sconfitte consecutive, maturate comunque contro squadre di caratura ben più elevata, coach Merzario si aspettava una reazione, in vista anche del doppio turno casalingo ravvicinato che il calendario offre, con questa sfida e quella prossima contro il Como, dal sapore particolare.
Il Pergine si presenta a Varese in un discreto momento di forma grazie a due vittorie consecutive maturate sul ghiaccio amico ed è disposto a giocarsela con determinazione, sostenuto anche dai suoi soliti pittoreschi e chiassosi tifosi che con cori e colori seguono la propria squadra un po’ ovunque (da segnalare uno striscione esposto in onore del giocatore varesino Marco Fiori, mancato lo scorso mese di agosto).
Varese può contare finalmente su quattro innesti temporanei del Valpellice (team con cui i Mastini hanno da un annetto una collaborazione, fino ad ora poco…”collaborativa”) e si presenta sul ghiaccio con tre linee di difesa e ben quattro abbondanti di attacco.

La partita inizia in maniera equilibrata, ma vibrante fin dai primi minuti: ad un paio di ghiotte occasioni varesine, risponde il Pergine con un palo, colpito in seguito ad una deviazione del portiere giallonero Bertin. La prima svolta al minuto 5’25”: power play Mastini, ma è il Pergine a colpire con l’uomo in meno, grazie ad un disco reperato da De Toni in seguito ad un pasticcio difensivo del Varese e servito a Rigoni, il quale aggira il portiere e insacca la prima rete. Proprio lo stesso Rigoni era stato graziato dagli arbitri, i quali non si sono accorti di una bastonata rifilata a disco lontano ad un giocatore giallonero qualche secondo prima della rete.
Sono almeno quattro le occasioni che hanno i Mastini per riequilibrare le sorti: Michael Mazzacane, Andreoni e Di Vincenzo si presentano a turno a tu per tu con il portiere avversario, senza mai riuscire a marcare.

2015_10_25 Varese Pergine (1)

Il secondo drittel si apre con il Pergine che preme sull’acceleratore e cambia passo, costringendo il Varese alle corde e nei primi secondi c’è il raddoppio valsugano, per altro molto discusso: un tiro dalla blu di Strazzabosco viene due volte deviato in mischia e il puck si infila alle spalle di un incolpevole Bertin. Proteste vivaci dei varesini in quanto una deviazione è stata effettuata con un bastone ben al di sopra della linea di cintura e quindi in “posizione” irregolare. La rete sarebbe stata da annullare. Dopo un breve conciliabolo, l’arbitro rimane fermo sulla sua posizione e rete assegnata ad Andrea Meneghini.
Sorrenti per il Varese conclude una splendida azione sparando sul portiere avversario, il quale è bravissimo a parare nonostante la propria difesa si sia fatta ancora una volta sorprendere dall’azione giallonera, la qual°e perà pecca proprio in fase conclusiva.
Pochi istanti prima della mezz’ora arriva la terza rete del Pergine per opera di Decarli, ma anche in questo caso le proteste dei giocatori di Varese sono piuttosto accese: tiro dello stesso Decarli e disco che sbuca improvvisamente davanti al goalie giallonero che devia. Il puck prosegue la sua corsa verso la linea di porta e Francesco Borghi allontana, ma l’arbitro assegna la rete.
Pochi minuti dopo, al 32′ 06″ è il difensore Alberto Meneghini a ricevere un disco proveniente da un contrasto in balaustra, che deve essere soltanto scagliato in rete, trovandosi a pochi metri dall’estremo difensore giallonero, il quale è “monumentale” qualche istante dopo a sbarrare la strada ad un altro tentativo ospite.
Nonostante i Mastini provino in tutti i modi ad accorciare le distanze, quello che accade al 37° è incredibile: puck in pieno controllo sul bastone del mastino Francesco Borghi dietro la porta varesina, il quale vistosi attaccato da tre avversari anzichè librare la zona ha pensato bene di provare a giocare il disco, offrendolo di fatto ai tre giocatori del Pergine (De Toni, Piva, Sinosi) che hanno confezionato la quinta rete, indisturbati, davanti alla gabbia di Bertin.

La terza frazione vede le squadre che si danno battaglia e il Pergine vorrebbe sigillare ancor più il risultato. Bertin è chiamato ad un duro lavoro tra i pali, ma anche l’altro portiere Facchinetti riesce in un paio di occasioni a salvare la propria porta con altrettante super-parate. Dopo un altro palo colto dal Pergine con un tiro dalla distanza, è il Varese a siglare la marcatura, grazie ad una combinazione di marca Valpellice: Migliotti, Penna, Rocca. Finta di quest’ultimo a eludere un intervendo difensivo e portiere infilato a mezza altezza. I Mastini premono, vogliono onorare l’impegno e, per l’onore, uscire con un punteggio diverso. Infinito il portiere biancorosso Facchinetti nei minuti finali, quando nello spazio di una quarantina di secondi risece a ribattere 4 conclusioni di Odoni e una di Mazzacane, arrivate grazie ad una azione caparbia e molto tecnica del giocatore numero 97 giallonero. Conci, sigla poi al 58′ 45″ la sesta rete per il Pergine.

Partita amara quindi quella disputata dai gialloneri, i quali sono apparsi comunque piuttosto disciplinati, ma peccano ancora molto in fase realizzativa e nel fraseggio di squadra. Buona prova da parte di entrambi i portieri e in generale buona prova quella del Pergine, che ha sempre cercato di fare gioco veloce e con pochi tocchi.
Per i Mastini giovedì sarà la partita della “verità”: al Palalbani arriverà il Como, un derby che potrebbe essere l’occasione giusta per far prendere una boccata di ossigeno alla classifica giallonera.

Hc Varese 1- Hockey Pergine 6 (0:1, 0:4, 1:1)

Hc Varese: Bertin (Crippa), Bertin A., Borghi F, Cortenova, Gaggini, Frizzera, Odoni,  Andreoni, Borghi P.,  Di Vincenzo,  Lorini, Mandelli, Migliotti, Mazzacane E., Mazzacane M.,  Privitera,  Penna, Rocca, Senigagliesi, Sorrenti. All. Merzario

Hockey Pergine: Tononi (Facchinetti), Ambrosi, Chizzola, Marchesini, Meneghini A, Munari, Strazzabosco, Conci, De Carli, De Toni, Meneghini A, Piva, Rodeghiero, Sinosi, Xamin. All. Korotvicka

Marcatori:

0-1 05’25” Rigoni (De Toni)
0-2 20’25” Meneghini Andrea (Strazzabosco, Rigoni)
0-3 29’38” Decarli
0-4 32’06 Meneghini Alberto (Rigoni, Piva)
0-5 37’01” Sinosi (Piva, De Toni)
1-5 55’14” Rocca (Migliotti, Penna)
1-6 58’45” Conci (Rigoni, Chizzola)

Penalità: Varese 10’, Pergine 10’
Arbitri: Volcan (Lisignoli, Micheletti)

Spettatori: 150