Serie B: giornata di vittorie in trasferta, Milano cede a sorpresa in casa

di Massimo Airoldi

La quinta giornata di serie B propone scontri per lo più “scontati”, da pronostico fisso,  ma invece qualche risultato a sorpresa ha caratterizzato i tabellini delle partite disputatesi. Andiamo con ordine: il venerdì sera offre forse la sfida più equilibrata del week end, tra Pergine e Alleghe. La spuntano i valsugani al tempo supplementare, dopo il 2 a 2 maturato nei tempi regolamentari. A meno di tre minuti dal termine del terzo drittel, il Pergine pareggia il vantaggio agordino e a inizio over time è Sinosi a siglare la rete del 3-2 per il Pergine. Menzione speciale per Lino De Toni, autore di un gol e un co-assist.

La giornata di sabato propone tre partite. Nella prima l’Ora vince in casa contro il Feltre per 6-1, con una prova convincente, paziente e di carattere, dimostrato soprattutto al minuto 49, dove nell’arco di pochi secondi la squadra di casa segna due volte nonstante l’inferiorità numerica. Partita in equilibrio sul piano del risultato per i primi due tempi, poi nel terzo drittel l’Ora chiude i conti dilagando.

Dal secondo match di giornata scaturisce la vera sorpresa: Milano – Val Venosta 3-5. Milano domina il primo periodo riuscendo ad andare al tiro ben venticinque volte, ma producendo soltanto una rete, con Piroso dopo 1′ di gioco. Val Venosta chiuso e arroccato in difesa non riesce a produrre molto. Poi la partita cambia e gli ospiti osano di più. Scontri duri nel secondo periodo che costringono gli arbitri a frequenti interventi e sono proprio i power play che agevolano il successo degli altoatesini, trascinati da Tombolato, autore di due reti (l’ultima in inferiorità numerica) e due assist. Fatale un secondo periodo da incubo per i rossoblù.

Nella terza gara passeggia il Caldaro sui gialloneri del Varese. I caldaresi chiudono la pratica già nel primo periodo grazie a reti in rapida successione: due reti in un minuto circa, poco prima del 7° e soprattutto una tripletta micidiale in cinquanta secondi, tra il 15° e il 16°, sfruttando una doppia superiorità. Mastini tramortiti e partita compromessa; rimane solo l’orgoglio al Varese, che affronta gli altri due periodi in maniera diversa, con maggior grinta, con maggior propositività, confezionando anche due reti di bella fattura, ma il punteggio finale è di 9 a 2 per il Caldaro, apparso decisamente più forte e più squadra.

Bella gara tra Rittner Buam e Appiano, terminata con la vittoria ospite per 5 a 3. Sono proprio questi inizialmente a prendere il largo, ma successivamente, con pazienza, i padroni di casa rimontano e si portanto sotto, grazie anche ad un secondo e terzo periodo in cui i ragazzi dell’altopiano giocano con maggiore intensità. A mettere il punto esclamativo sulla vittoria finale è Unterkofler, che a una manciata di secondi dalla fine segna a porta vuota (senza portiere).

Chiavenna-Egna è una sfida senza storia: i lombardi non approfittano di una duplice e consecutiva situazione di superiorità numerica maturata dai primissimi secondi di gioco, cosa che invece sa fare bene l’Egna, che vive gli ultimi sei minuti del primo periodo in gloria, infilando ben quattro volte il disco nella gabbia avversaria. Allungano poi ancora gli ospiti nel secondo parziale e controllano la gara nel periodo finale. Vince l’Egna 7-1.

Altro  match domenicale è stato quello tra Como e Merano, sulla carta dall’esito scontato a favore dei meranesi, i quali però hanno faticato non poco a scrollarsi di dosso la formazione comasca (addirittura passata avanti dopo pochi minuti), la quale ha avuto il merito di credere fino in fondo al “miracolo”. Nonostante un dominio territoriale piuttosto marcato da parte della squadra meranese, bisogna arrivare al terzo periodo per capire l’esito finale della sfida: decisivo Thaler e di misura passa il Merano 5 a 4.

Infine, ultima sfida di giornata è stata Brunico-Fiemme, terminata 2 a 7. Gli ospiti stanno sorprendendo con i loro risultati e anche qui, su un terreno piuttosto abbordabile, vincono facilmente nonostante lo svantaggio immediato iniziale. Non trascorrono cinque minuti e gli ospiti non solo hanno pareggiato ma si trovano a gestire un doppio vantaggio, integrato poi più avanti, prima della prima sirena. Controllano e arrotondano poi il risultato negli altri periodi, con tre reti del capitano Ciresa.

Prossimo turno che vedrà opposte le formazioni di Appiano e Ora per uno scontro al vertice importante, anche se non certo ancora determinante. Sicuramente di interesse anche il match che vedrà il Milano andare sul ghiaccio di Merano per uno scontro che dovrebbe fornire un’indicazione sulle reali potenzialità della compagine meneghina, incappata in questo turno in una sorprendente sconfitta casalinga. Altra partita interessante potrebbe essere quella tra Varese e Pergine, con i Mastini chiamati ad interrompere la serie negativa di quattro sconfitte consecutive e provare a dare respiro ad una classifica che inizia a farsi difficile.

RISULTATI

Pergine – Alleghe 3-2 (0:0 1:2 1:0 OT 1:0)
Ora – Feltre 1-6 (0:0 2:0 4:1)
Milano – Val Venosta 3-5 (1:0 1:4 1:1)
Caldaro – Varese 9-2 (6:0 1:0 2:2)
Rittner Buam Junior – Appiano 3-5 (1:2 1:2 1:1)
Chiavenna – Egna 0-4 (0:4 1:3 0:0)
Como – Merano Junior (2:2 1:1 1:2)
Val Pusteria Junior – Fiemme 2-7 (1:4 1:2 0:1)

CLASSIFICA
Egna, Appiano 15, Ora 13,  Merano, Caldaro 12, Fiemme 11, Rittner Buam 9, Pergine 8, Milano, Val Venosta6, Alleghe 4, Varese 3, Chiavenna 2, Como 1, Val Pusteria, Feltre 0

Tags: