EBEL Weekend: Znojmo non si ferma, Vienna e Linz inseguono, Bolzano c’è

Al termine del quarto weekend di stagione regolare la classifica di EBEL parla di uno Znojmo in fuga, a +5 dalle inseguitrici Vienna e Linz. Gran periodo di forma per i cechi, che vincono agevolmente contro Dornbirn e Lubiana. Il Bolzano dimostra di esserci, nonostante la sconfitta rimediata ieri sera. La precedente vittoria sul Villach ha dato morale ad una squadra competitiva e ben gestita da Tom Pokel. Vediamo quanto successo nella settima ed ottava giornata.

ebel-austria7^giornata
Partiamo dal Bolzano: il primo shutout dell’anno arriva in una vittoria meritata per i Foxes, che si innalzano in classifica e ricevono una bella spinta sul morale. Il 3-0 inflitto al Villach degli ex Pance e Santorelli mette in mostra le potenzialità del nuovo reparto d’attacco di Pokel, efficace e pericoloso seppur privo di Pope. Il primo gol di Vause arriva in risposta alla parata di Lamoreux sul tiro di Egger, la seconda rete corona una bellissima azione personale di Pollastrone, imitato da Broda in occasione del terzo gol. Lo Znojmo si conferma la squadra più in forma e più temibile sino ad ora dopo il 4-1 al Dornbirn a domicilio. Al vantaggio di Tomas dopo 24” risponde subito Grabher, ma è lo stesso Tomas a siglare il nuovo vantaggio, incrementato nel terzo drittel da Boruta e Stach. Il big match di giornata è la sfida d’alta classifica tra Linz e Vienna, tra il miglior attacco e la miglior difesa, con i Capitals che hanno la meglio per 3-2 dopo l’overtime: vantaggio viennese di Peter dalla blu, risposta di Hofer dallo slot, poi Kozek pareggia il nuovo vantaggio di Sharp; il gol vittoria è di Whitmore deviando un tiro dalla lunga distanza. Vittoria schiacciante del Red Bull Salisburgo contro un Szèkèsfehervar che fatica ad ingranare: il 6-1 per i campioni in carica matura nel secondo e terzo drittel. Vince in casa anche il Klagenfurt: 3-1 contro l’Innsbruck confezionato già dopo il primo drittel con le reti di Lundmark e Schumnig. Inutile il gol di Lammers, con le speranze tirolesi spente da Hundertpfund. KAC sale con merito al quarto posto. L’Olimpija Lubiana sorprende il Graz incapace di reagire al momento negativo, e passato addirittura in vantaggio con MacArthur. Il pareggio ospite di Pem protrae la gara all’overtime, dove il top scorer Pesut tira fuori dal cilindro il gol decisivo affossando il Graz nel suo ultimo posto.

Red Bull Salisburgo – Sapa Fehervar 6-1 (1-0; 3-1; 2-0)
HCB Südtirol – EC VSV 3-0 (0-0; 2-0; 1-0)
Klagenfurt – HC Innsbruck 3-1 (2-0; 0-1; 1-0)
Graz 99ers – Olimpija Lubiana 1-2 ot (0-0; 1-0; 0-1; 0-1)
EC Dornbirn – HC Orli Znojmo 1-4 (1-1; 0-1; 0-2)
EHC Linz – Vienna Capitals 2-3 ot (1-1; 0-0; 1-1; 0-1)

8^giornata
Nella giornata di domenica non tutte le squadre vincenti di venerdì si confermano. Il Bolzano subisce la rivincita del Klagenfurt, che si conferma una squadra imprevedibile e ostica per chiunque. Al Palaonda finisce 3-1 per i carinziani. Il match, molto bello, si sblocca nel drittel centrale, al vantaggio di Pöch risponde subito DiCasmirro, poi prima del riposo c’è la rete di Ganahl in tuffo. I Foxes si battono per il pareggio ma al 59:25 Pöch, migliore in campo, chiude i conti. Il Bolzano resta a quota 12 a metà classifica, ma dimostra di essere una squadra solida che lotterà per il pick round. La mano di Pokel comincia a vedersi. Il Vienna si prende il secondo posto annichilendo il Graz. Il 5-1 finale per i Capitals viene definito già nel primo periodo, terminato con il parziale di 4-0, con reti di Iberer, Fischer, Hartl e Nödl. L’unica rete ospite è di DeSimone, ma è inutile. Whitmore fissa il punteggio finale acuendo la crisi del Graz. A fare compagnia nella seconda piazza al Vienna c’è il mai domo Linz, che reagisce al k.o all’overtime e supera di misura l’Alba Volan in casa. Vantaggio ungherese di Martinelli in power-play, e clamoroso ribaltone del Linz nei minuti finali, approfittando di una lunga superiorità (Kovacs e Martinelli i panca puniti): al 59:24 segna Kozek, al 59:47 McLean. Finisce 2-1 per le Black Wings. In testa lo Znojmo si dimostra inarrestabile battendo senza problemi l’Olimpija Lubiana, già affatticato dalla vittoria all’overtime contro il Graz. Il 7-2 per i cechi parla da solo, nonostante maturi solo nel terzo drittel, scandito da 6 reti dell’Orli Znojmo grazie ad una grande vena realizzativa del secondo e terzo blocco. Il Dornbirn, precedentemente punito proprio dalle Aquile di Znojmo, si riscatta superando l’Innsbruck, che incappa in un weekend decisamente negativo. Il risultato finale dice 5-1 per i Bulldogs: illusorio il vantaggio tirolese di Ulmer. Segnano poi Grentree, D’Alvise, D’Aversa, Livingstone e Zagrapan. Il Dorbirn conferma gli obiettivi di inizio stagione rendendosi insidioso nella lotta per il pick round. Flop dei Red Bull, che sembravano aver ritrovato il ritmo dopo l’inizio incerto e invece escono sconfitto dal match contro il Villach. Gara equilibrata dopo una rete per parte: Hunter e Walter. Di nuovo Hunter, poi Petrik, approfittano di un momento soporifero del Salisburgo e sigillano una vittoria che muove la classifica del Villach. Punti essenziali.

Red Bull Salisburgo – EC VSV 1-3 (1-1; 0-0; 0-2)
Sapa Fehervar – EHC Linz 1-2 (0-0; 1-0; 0-2)
HC Orli Znojmo – Olimpija Lubiana 7-2 (1-1; 0-1; 6-0)
EC Dornbirn – HC Innsbruck 4-1 (2-1; 1-0; 2-0)
HCB Südtirol – Klagenfurt 1-3 (0-0; 1-2; 0-1)
Vienna Capitals – Graz 99ers 5-1 (4-0; 0-1; 1-0)

Classifica
HC Orli Znojmo 21
UPC Vienna Capitals 16
EHC LIWEST Linz 16
Klagenfurt AC 15
EC Dornbirn 12
HC Bolzano Südtirol 12
Red Bull Salisburgo 12
HC Innsbruck “Die Haie” 11
EC Villach 9
Sapa Fehervar AV19 8
HDD Telemach Olimpija Lubiana 7
Graz Moser Medical 99ers 5