Primo mesetto di LNA in archivio

di Fulvio Bricchi

La quarta settimana della LNA si chiude con la prima sconfitta stagionale del Friborgo, ultima squadra rimasta, fino ad ora, imbattuta. Così, dopo soli nove turni, ogni compagine ha già assaporato, almeno una volta, il boccone amaro della sconfitta.
I burgundi, che fino ad ora avevano solo vinto (2 volte ai supplementari) sono caduti sabato (1-4) contro un redivivo Lugano: primo periodo spettacolare dei bianconeri che in dieci minuti (dal 5° al 15°) mettono a segno tre reti con la prima linea che realizza, complessivamente, 8 punti con hat trick di Hofmann. Il Friborgo, comunque, consolida il primo posto in classifica grazie anche al rotondo 6-1 rifilato al Biel venerdì con un terzo periodo ricco di 4 segnature in 8′ e 43”. Da segnalare le due reti e i tre assist dei canadesi Hamill e Pouliot per una seconda linea che sta facendo la differenza in diversi incontri (con il Biel 5 reti e sei assist per un totale di 11 punti).

Non ha approfittato del passo falso della capolista lo Zugo che, sabato, si è arreso allo Zurigo (1-3) facendo registrare la seconda sconfitta casalinga mentre, in trasferta, è ancora a punteggio pieno (4 su 4). La squadra di coach Kreis capitola nel terzo periodo (0-2) dopo aver fatto registrare 6 vittorie consecutive. L’ultima venerdì, alla Valascia, con un 4-1 costruito nel primo periodo (3-0) grazie ad un efficace powerplay (3 reti su 4). Sugli scudi il canadese Bouchard (già terzo miglior marcatore nella scorsa regular season con 51 punti) autore di 2 reti e un assist attualmente top scorer della Lega con 16 punti.
Per il momento, dunque, lo Zugo rimane ad una lunghezza dal Friborgo (22 a 21) con 4 punti di vantaggio proprio sullo Zurigo (con una partita in più) che venerdì è stato nettamente sconfitto davanti ai proprio pubblico dal Servette (0-4) con uno sciagurato primo tempo terminato 0-3 ( per i ginevrini ottima la prova del difensore della seconda linea Loeffel autore di 3 assist). I Lions non riescono ancora ad essere continui visto che alternano vittoria a sconfitta da ben 6 turni.

Continuità che invece sta riuscendo al Davos, che si attesta in quarta posizione, grazie a tre successi consecutivi. Nel weekend i campioni in carica hanno regolato prima il Langnau e poi il Servette con identico punteggio (4-2). Non senza soffrire comunque, visto che con il Langnau la vittoria è maturata nel terzo periodo (2-1) con due reti negli ultimi due minuti e anche con il Servette è stato determinante il tempo finale (3-1). Nei due incontri, 4 reti per l’ala della seconda linea Wieser (di cui uno in inferiorità).
In quinta posizione il Berna, anch’esso vittorioso in entrambi gli incontri della settimana dopo 4 sconfitte consecutive: prima corsaro a Losanna (1-4) dove, ancora una volta è stata determinante una seconda linea (4 punti), poi un sofferto 2-1 davanti al pubblico amico, a farne le spese il Kloten, con una rete nel terzo periodo della quarta linea Ruefenacht in powerplay. Come sempre gli Orsi hanno un attacco prolifico (secondo miglior reparto offensivo con 32 reti rispetto alle 36 del Friborgo) ma devono registrare qualcosa in difesa viste le 27 reti subite (settimo peggior reparto della Lega).
In crisi e in discesa dopo un avvio scoppiettante il Biel, reduce da 4 sconfitte consecutive che hanno portato la compagine di coach Schlapfer dalla seconda alla sesta posizione. Già detto della sconfitta di venerdì al San Leonard, il Biel si è arreso anche in casa contro il Losanna (0-2). A preoccupare sono soprattutto le 16 reti subite negli ultimi 4 incontri visto che nelle prime cinque gare la porta era stata violata solo 12 volte.
Risale in settima posizione, e per ora si toglie dalla zona playout, il Lugano (12 punti) grazie al convincente successo di sabato, alla Resega, contro la capolista (segue recap). Finalmente una prova convincente per una squadra con le ambizioni dei bianconeri, visto che il weekend era iniziato con una sconfitta ai rigori (2-1) in casa di un  non irresistibile Kloten  che occupa, dopo la sconfitta patita a Berna, la nona posizione e visto che il Lugano aveva raggiunto il pareggio solo al 18’05” del terzo periodo con Chiesa.
Settimana amarissima invece per l’altra ticinese, l’Ambri Piotta relegata in decima posizione dopo la sconfitta in casa con lo Zugo (1-4) e, soprattutto, gli zero punti conquistati contro il fanalino di coda Langnau, in trasferta, nel match di sabato: 2-4 il punteggio finale maturato con due marcature negli ultimi due minuti (la seconda a porta vuota) per un parziale di 0-2 nel terzo e decisivo tempo. Di Emmerton (contro lo Zugo) e di Pestoni e Lhotak (contro il Langnau) il magro bottino di segnature dei leventinesi che devono assolutamente registrare le situazioni di penalty killing visto che, delle 29 reti subite sino ad ora, ben 12 sono arrivate in situazione di inferiorità numerica.
Di Losanna e Langnau, che occupano le ultime due posizioni, abbiamo già detto parlando degli altri incontri.

Risultati venerdì 02/10/2015
Ambri    – Zugo     1-4 (0-3;0-1;1-0)
Davos    – Langnau  4-2 (1-1; 1-0; 2-1)
Friborgo – Biel     6-1 (1-0; 1-0; 4-1)
Kloten   – Lugano   2-1 dts (1-0; 0-0; 0-1; 1-0)
Losanna  – Berna    1-4 (1-1; 0-2; 0-1)
Zurigo   – Servette 0-4 (0-3; 0-0; 0-1)
Risultati sabato 03/10/2015
Berna    – Kloten   2-1 (1-0; 0-1; 1-0)
Biel     – Losanna  0-2 (0-0; 0-0; 0-2)
Langnau  – Ambri    4-2 (2-1; 0-1; 2-0)
Lugano   – Friborgo 4-1 (3-0; 0-0; 1-1)
Servette – Davos    2-4 (0-1; 1-0; 1-3)
Zugo     – Zurigo   1-3 (1-1; 0-0; 0-2)

Classifica LNA
1.Friborgo 22 punti
2.Zugo     21
3.Zurigo   17*
4.Davos    15
5.Berna    14*
6.Biel     13
7.Lugano   12
8.Servette 12
9.Kloten   11
10.Ambrì   11
11.Losanna 10
12.Langnau  7
*=una partita in più

Top Scorer LNA
#                   Club   Punti (reti+assist)

1.P.M.Bouchard     (Zugo)    16     (6+10)
2.C.Conacher       (Berna)   12     (6+6)
3.C.Kolarik        (Kloten)  11     (7+4)
4.Chris DiDomenico (Langnau) 11     (3+8)
5.D.Sondell        (Zugo)    11     (0+11)

Top Goalies
#               Club       Sa%   GAA

1.T.Stephan    (Zugo)     94,4  1.79
2.E.Merzlikins (Lugano)   94,4  1.98
3.B.Conz       (Friborgo) 92,6  2.29
4.S.Rytz       (Biel)     92,4  2.48
5.L.Flueler    (Zurigo)   92,3  2.44

pillole-lna-svizzera-640x320di Andrea Ferraris

Continua la crisi finanziaria del Kloten. Gli aviatori hanno concluso la passata stagione con un debito di 7.474.665 franchi, debito appianato dall’ex presidente Philippe Gaydoul, che ha versato nelle casse del club 8 milioni.

Si riempie sempre più l’infermeria ginevrina. Eliot Antonietti verrà sottoposto ad approfondimenti per conoscere l’entità dell’infortunio al ginocchio. Matthew Lombardi sarà out per 2 mesi a causa di un infortunio ai legamenti di una caviglia. Peggio è andata a Tim Traber che, a causa di un danno ai legamenti di un ginocchio, urientrerà sul ghiaccio solo fra 3 mesi. Per rimediare a questi infortuni, il Servette ha mezzo sotto contratto (1+1 anni) il centro statunitense Jim Slater, che ha disputato 592 match in NHL, totalizzando 67 reti e 71 assist (Atlanta e Winnipeg).

I capitolini si muovono sul mercato già per la prossima stagione. Hanno infatti messo sotto contratto (3 anni) Leonardo Genoni che arriverà da Davos per l’inizio del prossimo campionato.
Cristobal Huet (40 anni) sarà anche per la prossima stagione il goalie del Losanna.

Quattro giornate di squalifica per Julien Sprunger, reo di una carica alla testa a Jannik Fischer del Losanna.

Tags: ,