KHL: settembre archiviato, CSKA e Sibir capoliste

Procedendo a ritmi serrati, la KHL archivia il mese di settembre con le partite disputatesi ieri che hanno visto le vittorie casalinghe di Vityaz Podolsk contro il Salavat Ufa per 3-0, e Dinamo Mosca per 2-1 contro il Metallurg Magnitogorsk. Al Medvescak Zagabria serve l’overtime per superare 3-2 il Neftekhimik, decisivo il tiro di Geoffrey. Vittoria esterna col punteggio di 3-1 per il Traktor Chelyabinsk in casa dello Slovan Bratislava.

Western Conference – Prosegue il sino ad ora inarrestabile cammino del CSKA, primo a 32 punti anche nella classifica generale, frutto di quindici vittorie e quattro sconfitte. L’ultima vittoria dei moscoviti è il 2-0 ai danni dell’Avangard Omsk, frenato dopo un inizio sprint. I gol decisivi sono su rebound, di Platt dallo slot e di Telegin a porta praticamente sguarnita. Il CSKA deve però guardarsi alle spalle, dove lo Jokerit insegue a due punti di distanza e con due gare in meno disputate. Le ultime due sconfitte contro CSKA e SKA San Pietroburgo non devono scoraggiare i finlandesi che sino ad ora si sono dimostrati un avversario ostico per chiunque. Contro i campioni in carica la possibilità di riscatto è già stasera (face-off alle 18:30, ora russa). Il mese di settembre sorride anche a Lokomotiv Yaroslavl e Medvescak Zagabria. Tra i croati prosegue l’avventura dell’italiano Thomas Larkin, che ieri ha collezionato 12 minuti di gioco. Il suo scoring sino ad ora parla di 2 punti, su assist, in quattordici match disputati. Assente invece l’ex Bolzano Stefano Gigliati. Lo SKA San Pietroburgo è ancora in fase di rodaggio e rimane relegato a metà classifica con 24 punti, nonostante le quattro vittorie negli ultimi cinque match, macchiate solo dal 4-1 subito in casa dal Dinamo Riga, inferiore sulla carta, a quota 19 insieme a Slovan e Sochi. Chiude la classifica il Severstal, che tampina però lo Spartak Mosca.

Eastern Conference – Sibir in testa alla classifica con 30 punti, imbattuto da quattro match, con le ultime tre gare vinte dopo i tre tempi. Contro Lada Togliatti (ultimo con soli 8 punti) e Sochi sono serviti gli shootout, vittoria per 5-4 all’overtime contro il Kazan. Al secondo posto c’è una sorpresa, l’Ugra di Khanty-Mansiysk, il team della città più piccola nell’intera competizione (circa 80.000 abitanti). L’ultima vittoria per 3-2 in casa contro il Torpedo Nizhny Novgorod ha riscattato gli ultimi due k.o senza reti, con una vittoria che ha il sapore della rivincita del 6-0 in casa del Torpedo subìto quattro giorni prima, dimenticnado anche il 3-0 contro il Severstal. Al terzo posto l’Avangard Omsk, reduce da due sconfitte contro Astana e CSKA ma anch’esso fra le sorprese di questa prima fase del campionato. Attenzione al Metallurg Magnitogorsk, a quota 26 ma con quattoridici gare disputate contro il sedici delle capoliste. Rimane nella parte bassa della classifica il Barys Astana, finalista lo scorso anno. I Leopardi due giorni fa sono usciti sconfitti all’overtime contro il Severstal, ultimo nella Western. Il gioco efficace che ha rappresentato l’ottimo scorso campionato dei kazaki è distante rispetto a quello mostrato in questo settembre, dove pesano sconfitte inaspettate come lo 0-6 casalingo contro il Lada, l’1-0 in casa dell’Ugra. L’impressione è che la squadra stia carburando in vista dei prossimi impegni. Nella prima parte della classifica troviamo Neftekhimik e Avtomobilist a quota 24. Gli altri Leopardi, quelli di Kazan, sono a metà classifica tra Admiral Vladivostok, che affronteranno oggi, e Traktor Chelyabinsk.

Nei match di oggi, da segnalare la sfida tra Jokerit e SKA, tra CSKA e Astana. Domani Zagabria ospita il Magnitogorsk e lo Slovan Bratislava il Salavat Ufa. Sibir torna sul ghiaccio il 4 ottobre sfidando l’Avtomobilist Yekaterinburg. Di seguito le immagini dei match più recenti, nel daily update visibile sul canale Youtube ufficiale.
Link

Conference Ovest

Conference Est

Tags: