Warm up EBEL: le fuorisede Orli Znojmo e Alba Volan

Assieme a Bolzano e Lubiana, Orli Znojmo e Székesfehérvar Alba Volan rappresentano le cosiddette “fuorisede” della EBEL, e assieme all’Olimpija sono le tre squadre del torneo non germanofone. I cechi e gli ungheresi, per la seconda stagione di fila, sono uscite dalla competizione ai quarti di finale, quest’anno per ora rispettivamente del Klagenfurt e del Vienna Capitals. Con i roster rinnovati, puntano ad accedere ancora ai playoff, un traguardo raggiungibile che conferma la solidità dei due team nel panorama della lega austriaca.

Orli Znojmo
L’ultimo campionato è stato uno dei più brillanti degli ultimi anni. L’Orli Znojmo ha saputo sorprendere e giocare con determinazione, terminando la stagione regolare al quinto posto e rendendosi protagonista di un ottimo pick round chiuso in terza posizione. Poi il buio, o meglio, la batteria al minimo nei quarti di finale, contro un Klagenfurt determinato a far valere la forza di una compagine storica per l’Austria. L’eliminazione in cinque gare è stata amara e improvvisa, pur non cancellando un campionato dignitoso ed incoraggiante per il futuro. Il coach Jiri Reznar si appresta a guidare i cechi per la terza stagione, con un mercato che ha attinto soprattutto ai prodotti entro i confini della Repubblica Ceca. Il goalie Holt ha lasciato la squadra accendendo un polemica su twitter riguardo al suo stipendio mancante. La controrisposta dello Znojmo sottolineava il fatto che il goalie fosse partito per Glasgow (ha firmato col Brahead Clan) portandosi con sé l’attrezzatura fornita dalla società. Altro addio di un ex italiano è quello di Jakub Grof, Havlìk al Dinamo Pardubice e Jass al Dinamo Riga sono cessioni illustri. L’Orli Znojmo ha però confermato l’intera ossatura puntellando il roster con giovani promesse ceche come il goalie Jindrich Pacl, i difensori Stava e Stehlik, l’attaccante Csamango. In mezzo a questi movimenti in ottica futura ci sono però due acquisti di spessore: il difensore slovacco Marek Biro, uomo da 22 punti nella scorsa stagione al Banska Bystrica, e l’attaccante canadese Colton Yellow Horn, al ritorno in EBEL dopo una stagione in Asia al Nippon Paper Cranes. Nella stagione 2012-2013 il canadese collezionò 44 punti in 47 gare con l’Alba Volan. I cechi puntano quindi a ripetere quanto di buono visto negli ultimi anni, consapevoli di poter sorprendere, di poter andare oltre il quarto di finale, ma senza osare verso una finale dove le pretendenti sono molte.

Acquisti: Jindrick Packl (p, CZE – Plzen, Extraliga), Jakub Stehlik (d, CZE – Chomutov, Extraliga), Ondrej Stava (d, CZE – Mlada Bolesav, Extraliga), Stepan Csamango (a, CZE – Karlovy Vary, Extraliga), Libor Sulak (d, CZE – Chomutov, Extraliga), Marek Biro (d, SVK – Banska Bystrica, Extraliga), Tomas Fucik (p, CZE – Energie Kalovy Vary), Colton Yellow Horn (a, CAN – Nippon Paper Cranes, Asia League), Petr Kousalik (d, CZE – Litvinov, Extraliga)
Cessioni: Ales Sova (d, CZE –), Jiri Klimicek (d, CZE –), Pavel Rosa (a, CZE – ritirato), Chris Holt (p, USA – Brahead Clan, EIHL), Jakub Grof (d, CZE – HC Prerov, Czech2), Adam Havlik (a, CZE – Dynamo Pardubice, Extraliga), Maris Jass (d, LAT – Dinamo Riga, KHL), Pavel Klhufek (a, CZE – Zvolen, Czech2)

Székesféhervar Alba Volan 19
Gli ungheresi ripartono da un movimento solido, un pubblico caldo, un mercato convincente, e un campionato che li vede stabilmente a metà classifica con un buona amalgama di giocatori locali (alcuni naturalizzati ungheresi) e stranieri. Dal mercato estivo sono partite pedine importanti, una su tutte l’americano Brandon Marino, più il goalie svedese Engstrand, all’Espoo Blues. Salutano anche il difensore Boivin e Balìnt Magosi, che tenta fortuna in Francia. I sette arrivi sono però validissimi per la serie, e mirati ad arricchire un roster che, salvo complicazioni o sorprese, potrebbe ripetersi nel disputare il pick round, raggiungere i playoff e magari tentare un assalto alle semifinali. Dalla Germania sono arrivati due difensori canadesi: Ryan Martinelli dal Fischtown Pinguins e Aaron Brocklerhurst da Ingolstadt, due veri e propri colpacci, cui si aggiunge Judd Blackwater, al ritorno in EBEL dopo aver deliziato i tifosi dell’Ontario Reign in ECHL grazie ai 79 punti totali (63 in regular season e 16 ai playoff). Dagli Alaska Aces (prossima squadra di Tommaso Traversa) arrivano Chris Francis e Brendan Connolly, mentre dalla MOL Liga sorprende l’arrivo, con ottime credenziali, del magiaro-rumeno Tihamer Becze, 68 punti nella scorsa stagione. L’ala destra Gego Navy torna in patria dopo due stagioni oltreoceano, formative per portare il suo importante supporto al Fehérvar. A rappresentare l’Ungheria nella prossima EBEL ci sarà una formazione con un potenziale superiore rispetto alla scorsa, e il ghiaccio potrebbe dare ragione al mercato promettente.
Acquisti: Chris Francis (a, USA – Alaska Aces, ECHL), Judd Blackwater (a, CAN – Ontargio Reign, AHL), Brendan Connolly (a, CAN – Alaska Aces, ECHL), Gergo Nagy (a, HUN – Chicago Wolves, AHL), Aaron Brocklehurst (d, CAN – Ingolstadt, DEL), Ryan Martinelli (d, CAN – Fischtown Pinguine, DEL2), Tihamèr Becze (a, ROM – DVTK Jegesmedvék, MOL Liga)
Cessioni: Brandon Marino (a, USA – ??), Michael Boivin (d, CAN – ??), Bàlint Magosi (a, HUN – Briancon. Ligue Magnus), Christian Engstrand (g, SVE – Blues, Liiga), Csanàd Erdèly (a, HUN – Sioux Falled Stampede, USHL), Benjamin Nemes (a, HUN – UTE, MOL Liga), Viktor Tokaji (d, HUN – MAC, MOL Liga), Attila Németh (a, HUN – MAC, MOL Liga)