LNA: 31mo Titolo al Davos

Il Guru Arno Del Curto, scrive un altro bellissimo pezzo di storia della sua incredibile carriera, portando nei Grigioni il 31mo titolo della propria gloriosa storia, la sesta col leggendario timoniere del Davos dal lontano 1996, il primo in panca per un’icona (o forse più) del movimento hockeystico rossocrociato.

FINALISSIMA LNA (Best of Seven):
(1). ZSC Lions 1 (3-0,2-5,2-3so,3-4ot,0-3)
(5). Davos 4

Festa grande in casa Davos, capace di sovvertire pronostici iniziali sfavorevoli, fortune più o meno alterne durante l’arco della regular season sino ad entrare in punta di piedi nei playoff per poi compiere un piccolo miracolo sportivo alzando al cielo il titolo di campione di LNA.

Nella serie finale, il grandissimo protagonista risponde al nome di Leonardo Genoni, autentico trascinatore contro gli ex-campioni dei Lions: Gara 3 (storicamente) è crocevia dei destini delle serie al meglio delle sette uscite, con i grigionesi a far barricate intorno allo slot del goalie davosiano, capace di reggere per tutta la durata della sfida agli assalti dei più quotati avversari. Il Davos, sempre messo alle corde sino a metà partita, piazza un micidiale 1-2 con Ambuhl (in solitaria) e Corvi (tip-in vincente) nel giro di 90 secondi a cavallo del minuto 36; nel terzo finale gli ZSC si riversano in massa nel terzo avversario, ri-equilibrando lo score con Shannon di rebound e Geering nel traffico. Genoni (48 parate!) chiude a doppia mandata la propria gabbia e nemmeno agli ET si muovono foglie nello slot grigionese con Walser e Du Bois a consegnare al Davos il vantaggio nella serie.

In Gara 4, la furia agonistica dei Lions viene fuori in tutta la sua cattiveria con Malgin e Nilsson a scavare già il solco al 10mo minuto; i davosiani non si scompongono stazionando dalle parti di Flueler con insistenza a differenza delle sole 17(!) conclusioni di gara 3, recuperando il gap già a metà partita con Simion (17mo) e lo scatenato Paulsson (31’). Il match è gradevolissimo scivolando in parità sino al 60mo, con la doppietta personale di Paulsson ad annullare la rete di inizio terzo di Trachsler; in OT su azione insistita dello scatenato Paulsson, Walser manda in visibilio l’intera Vaillant Arena con puck alle spalle di Flueler (39sv) con serie (e titolo) a prendere sempre più la via dei Grigioni.
Con le spalle al muro, gli ZSC Lions in Gara 5 non riescono a sfondare le ermetiche linee difensive davosiane e nonostante la grandinata di conclusioni verso lo slot della saracinesca Genoni (39sv) abdicano in favore del Davos, che trova con l’uomo delle mille e più battaglie Reto Von Arx (ben 19 stagioni con i grigionesi!) la rete che smuove il tabellino al 50mo in PP deviando in rete la respinta del palo a rituonare in tutto l’Hallenstadion. Genoni è insuperabile con Axelsson a mettere in cassaforte il titolo al 57mo nonostante gli sforzi profusi degli zurighesi mentre, la rete finale del 3-0 di Paschoud serve solo per le stats, col titolo sollevato al Cielo per la truppa del Guru Arno Del Curto, all’ennesimo splendido capitolo vincente della sua carriera a tinte gialloblu.

Questo il calendario della serie finale:
Gara1 (2/4) ZSC-Davos 3-0
Gara2 (4/4) Davos-ZSC 5-2
Gara3 (6/4) ZSC-Davos 2-3so
Gara4 (9/4)Davos-ZSC 4-3ot
Gara5 (11/4) ZSC-Davos 0-3
Davos Campione

Spareggio Promozione-Relegazione (Best of Seven)
Rapperswil Lakers 0 (2-4;3-4ot;3-4ot;1-5)
SCL Tigers Langnau 4

Dopo due annetti di purgatorio in LNB, torna nella massima serie il Langnau, completando lo sweep ai danni del Rapperswil cenerentola designata da qualche annetto alle latitudini hockeystiche rossocrociate, a salutare l’elite di LNA dopo la bellezza di 21 stagioni.
In Gara 3 non basta ai Lakers una rimonta per certi versi drammatica dall’1-3 (doppio Muller) a 5’ dal termine con Johansson ad impattare la contesa ad un niente dal 60mo; in OT il Langnau invece trova il colpo di coda con Gustafsson che, ben servito dall’ex Asiago Di Domenico (3 assist!) consegna di fatto il pass per la LNA ai tigrotti: l’equilibrio in Gara 4 è subito spezzato dal Langnau, avanti di due già al 3’. Con un pattino e mezzo già in LNB, il Rapperswil cerca di tornare in gara ma il team dell’Emmental non fa sconti ed archivia la pratica promozione nel terzo finale col roboante punteggio di 5-1 (doppio Haas) per i ragazzi di Bengt-Ake Gustafsson tornati nel gotha svizzero.

Serie tra Lakers e Tigers:
Gara1 (2/4) Rapperswil-Langnau 2-4
Gara2 (4/4) Langnau-Rapperswil 4-3ot
Gara3 (6/4) Rapperswil-Langnau 3-4ot
Gara4 (9/4) Langnau-Rapperswil 5-1
SCL Tigers Langnau promossi in LNA, Rapperswil-Jona Lakers retrocessi in LNB.