QFG2: I Broncos mostrano il loro vero volto e pareggiano!

(da broncos.it) – Prima della partita si diceva che i Broncos senza dubbi hanno la possibilità di pareggiare la serie, se la squadra sarà in grado di dimenticare gara 1 e saprà far forza delle proprie qualità nella prima partita in casa di questa serie. Detto, fatto, ed alla fine il tabellone parla di un meritato 3-1 ottenuto alla Weihenstephan Arena.

Fin dal fischio d’inizio è chiaro che la squadra sul ghiaccio è ben diversa da quella che sabato si è fatta travolgere per 3-7. Le cariche vengono finite ed agli ospiti non solo non vengono concessi spazi, ma a momenti si toglie loro perfino l’aria per respirare. I Pusteresi tentano fin dall’inizio di distrarre Joni Puurula con attacchi diretti, e quando Jason Walters dopo 3:40 minuti si lamenta per questo, viene punito con una penalità disciplinare di 10 minuti dalla coppia arbitrale, la quale questa sera applica un metro che definire fiscale non renderebbe lontanamente l’idea. Gli stalloni comunque difendono in maniera impeccabile la propria zona e di conseguenza limitano l’azione offensiva degli ospiti alla periferia esterna. Un Joni Puurula decisamente in forma playoff non ha nessuna difficoltà ad intercettare i tiri dalla distanza dei Pusteresi. Grazie a due penalità consecutive contro Mäkelä, i biancoblu hanno le prime opportunità con l’uomo in più, ed anche il powerplay gira di nuovo a regime. Dopo 16:09 minuti, Jason Walters s’inventa un passaggio favoloso che attraversa lo slot e trova esattamente l’accorrente Matti Näätänen, il quale non lascia scampo al goalie ospite Kuhn.

Anche il secondo drittel è caratterizzato da una prestazione difensiva praticamente perfetta da parte dei padroni di casa, i quali sono sempre pericolosi in contropiede. I lupi ci provano in tutti i modi, ma nonostante siano loro a fare il gioco e nonostante i numerosi tentativi non trovano i mezzi per costruire occasioni davvero pericolose. Al 31° Devos dall’angolo nella propria zona difensiva scaglia un passaggio a dir poco discutibile davanti alla propria porta, Christian Sottsas si trova esattamente nel posto giusto e di rovescio trafigge Jerry Kuhn nel Five Hole per il gol del 2-0.

Il tabellone segna ancora 4:36 minuti nel secondo drittel, quando una vera valanga di penalità si rovescia sulle due squadre. Prima Berzins si deve accomodare in panca puniti per una carica eccessivamente dura su Walters, ed i Broncos hanno due occasionissime con Näätänen e Walters, ma il risultato non cambia. 1:47 minuti dopo la penalità contro Berzins viene punito anche Tauber, questa volta con metro decisamente troppo fiscale, quando perde l’equilibrio dietro alla propria rete e fa cadere anche Walters, e di conseguenza gli stalloni possono godersi 13 secondi in doppia superiorità. Walters da dietro la porta alza lo sguardo, serve Näätänen, il quale dal bordo del cerchio d’ingaggio sul lato opposto tira di prima intuizione ed Owens cadendo mette dentro il rebound per il 3-0. 40 secondi più tardi, Sottsas viene castigato giustamente per un colpo con bastone, e con le squadre che giocano in 4 contro 4, uno dei due capi arbitri dopo soli 51 secondi fischia un fallo praticamente inesistente contro Hackhofer. Il problema è che nella stessa azione Owens commette un fallo indiscutibile quando fa cadere Hofer con la stecca, ma ormai la prima penalità che non c’era non può più essere revocata. Gli stalloni devono giocare gli ultimi 1:07 minuti del periodo in doppia inferiorità numerica, ma superano con bravura questo momento veramente delicato.

Dopo il thè caldo comunque ci sono da annichilire ancora 53 secondi di doppia ed 1:09 minuti di singola inferiorità, cosa che inizialmente riesce anche grazie ad alcune paratone di Puurula, ma dopo 45 secondi il portierone degli stalloni deve far passare una sassata di Devos, deviata da Oberrauch. Con ciò rimane “soltanto” la penalità contro Owens, ma il penalty killing dei padroni di casa di nuovo fa un ottimo lavoro. Un’infinità di falli fischiati contro entrambe le squadre, di cui la grande maggioranza è dovuta al metro a dir poco pignolo degli arbitri, evita che le squadre fino al 55° minuto siano in campo in cinque contro cinque per più di due minuti alla volta, con gli stalloni che devono superare ancora 35 secondi con due uomini in meno, cosa che riesce loro in maniera perfetta. A pochi istanti prima del termine della pioggia di penalità, Wieser e Hofer scambiano occasioni d’oro e Joni Puurula conferma il suo stato di forma eccellente su un pericolosissimo polsino coperto di Hofer, ma grazie alla perfetta pertazione difensiva dei padroni di casa, i tifosi dei Broncos non devono temere oltremodo di veder sfumare questa vittoria.

La serie continua già domani con gara 3 al Lungorienza di Brunico, ed ora la pressione è sui lupi. Gara 3 in una serie best of seven è una vera partita chiave per la squadra che gode del vantaggio di giocare in casa, ed è assolutamente sconsigliabile perderla. Gli stalloni invece, forti del pareggio ristabilito ieri, possono giocare liberamente e renderanno la vita difficile ai Pusteresi, e poi in Wipptal, vista la brillante prestazione di ieri, ovviamente si fa più che un pensierino alla prima vittoria in trasferta della serie.

MARCATORI: 1-0 Matti Jonas Naatanen (superiorità numerica) (Jason Walters, Patrick Mair) 16:09; 2-0 Christian Sottsas (nessun assist) 30:37; 3-0 R. Jordan Sayers Owens (superiorità numerica 2) (Patrick Mair, Jason Walters) 37:22; 3-1 Max Oberrauch (superiorità numerica 2) (Philip-Michael Devos, Giulio Scandella) 40:45;
Arbitri: Nadir Ceschini e Glauco Colcuc; Giudici di linea: Nicola Basso ed Alberto Plancher.

 

 

Tags: