Il Lugano travolge il Losanna. Top 4 di nuovo a un passo

Bianconeri vittoriosi 5.0. Dopo il vantaggio firmato REUILLE, le quattro reti del periodo centrale, (doppietta di BRUNNER, gol di PETTERSSON e BERTAGGIA) chiudono anticipatamente il match. Espulso GOBBI. Durante la partita arriva l’annuncio del nuovo acquisto PAAKKOLANVAARA.

Il Lugano ospita il Losanna alla Resega. Uscita in parte ridimensionata dopo la sconfitta di Zugo (quarta consecutiva in trasferta), la formazione di Patrick FISCHER si allontana così dalle prime quattro posizioni della classifica ed è attesa quindi a un immediato riscatto. Ai bianconeri, a dire il vero, non mancano certo le attenuanti. Sempre alle prese con i tanti infortuni, addirittura con il solo PETTERSSON come straniero in pista questa sera (KLASEN malato deve infatti dare forfait pochi minuti prima del match), finalmente è arrivato il tanto atteso annuncio del nuovo acquisto, si tratta del centro finlandese Tommi PAAKKOLANVAARA, classe 1983, proveniente dai Pelicans di Lathi. Ciò non significa che non vada sottolineata la sciagurata prestazione difensiva della Bossard Arena, infarcita di errori e di amnesie, che è stata la causa principale della sconfitta. Nella squadra ospite assente di rilievo lo svedese BANG.

Dopo l’ingaggio iniziale subito una conclusione di RYTZ bloccata con sicurezza da MERZLIKINS, che qualche secondo dopo si ripete sul diagonale dalla blu di Matteo NODARI. Bisogna aspettare il minuto 05:00 per assistere alla prima occasione per il Lugano. Bello il diagonale di BERTAGGIA che esce di poco fuori. Gli ospiti si dimostrano decisamente più incisivi nei primi minuti di gioco grazie a un buon forechecking. Dopo un’azione di VAUCLAIR al termine della quale REUILLE (fresco di rinnovo contrattuale fino al 2017) non trova  la deviazione vincente, è il turno del finlandese PESONEN che impegna severamente MERZLIKINS. Al minuto 12:49 prima penalità della partita per ANTONIETTI, reo di un colpo di bastone ai danni di ULMER. Tre secondi dopo aver ristabilito la parità numerica in pista, proprio REUILLE realizza il gol del vantaggio bianconero, spingendo in rete il disco dopo il rimbalzo lasciato da HUET (1.0) al minuto 14:52.

Trascorsi senza particolari emozioni gli ultimi minuti del primo periodo, il Losanna deve scontare una penalità per essere rientrata in ritardo in pista dopo la pausa. BRUNNER mostra tutta la sua classe e fulmina HUET  con un gran diagonale (2.0) capitalizzando finalmente la situazione di power-play al minuto 21:06. Gli ospiti non si perdono d’animo e MERZLIKINS deve salvare di pattino sulla deviazione ravvicinata di LOUHIVAARA. Ancora BRUNNER, scatenato, costringe al fallo NODARI che fatica a contenerlo, ma il box-play dei vodesi (seconda difesa del campionato) questa volta regge. Al minuto 32:46 dopo un’azione insistita di WALKER, tocca a PETTERSSON incrementare il bottino dei bianconeri. Il Top Scorer appoggia il ginocchio destro sul ghiaccio e fulmina l’incolpevole HUET con un diagonale di rara potenza e precisione  (3.0). Passano solo pochi secondi e BERTAGGIA firma la quaterna (4.0) al minuto 33.11. EHLERS sostituisce tra i pali HUET con CAMINADA. BRUNNER, protagonista assoluto fino ad ora, va in panca puniti per un colpo di bastone ai danni di HYTÖNEN. Sono proprio i falli dei giocatori vodesi, però, a contraddistinguere gli ultimi minuti del periodo centrale, dove già appaiono i titoli di coda del match. Dopo STADLER, fuori per una evidente trattenuta ai danni di STEINMANN, tocca a John GOBBI, solo dopo 13”, fargli compagnia in panca puniti per un fallo sullo stesso STEINMANN. Il capitano del Losanna manifesta in maniera un po’ troppo evidente, si fa per dire, il suo dissenso nei confronti degli arbitri, guadagnandosi anzitempo gli spogliatoi. Con due uomini in più, il Lugano, non si lascia scappare l’occasione e proprio con BRUNNER, ancora lui, trova la rete del (5.0) al termine ci un’azione confusa davanti alla gabbia di CAMINADA al minuto 39:49.

Il periodo conclusivo si apre subito con un miracolo di MERZLIKINS su SAVARY. Il Losanna, troppo falloso, rimane ancora una volta con l’uomo in meno, per un fallo di PESONEN su PETTERSSON. I bianconeri sembrano sazi e non capitalizzano l’occasione, ma qualche minuto dopo danno prova di grande concentrazione scongiurando a loro volta una doppia inferiorità numerica per via di due penalità, inflitte a breve distanza, ai danni di KOSTNER e MERZLIKINS, entrambe per colpo di bastone. L’attacco del Losanna non può essere certo paragonato a quello dello Zugo (statistiche alla mano), ma la lezione della Bossard Arena sembra essere servita, almeno per quanto visto questa sera. Una rissa a centro pista costa un 2+2  a ULMER, solo due minuti invece a ULMANN. Negli minuti finali la squadra di FISCHER compie l’ultimo sforzo in chiave difensiva e MERZLIKINS può così festeggiare il suo meritatissimo shootout. Dopo un prestazione da incorniciare sotto tutti i punti di vista, il Lugano, visti i mezzi passi falsi di Zugo (sconfitto dal Kloten all’overtime) e Davos (sconfitto ai rigori dallo Zurigo), può sfruttare nel miglior dei modi la pausa, prima dello scontro diretto del 13 Febbraio alla Resega, proprio contro il Davos, che potrà dire certamente qualcosa in più sulle possibilità dei bianconeri di guadagnare uno dei primi quattro posti in classifica, il vero obiettivo della Regular Season.

LUGANO – LOSANNA  5 . 0 ( 1 . 0 – 4 . 0 – 0 . 0 )

14 : 52  1 . 0  32. REUILLE ( 38. SANNITZ – 27. CHIESA  )

21 : 06  2 . 0  98. BRUNNER ( 22. ULMER ) PP1

32 : 46  3 . 0  71. PETTERSSON ( 21.STEINMANN – 91. WALKER )

33 : 10  4 . 0  13. BERTAGGIA ( 55. ANDERSSON – 71. PETTERSSON )

39 : 49  5 . 0  98. BRUNNER ( 21. STEIMANN – 3. VAUCLAIR )  PP2

PENALITA’    :  LUGANO  5 X 2 MIN.              LOSANNA  8 X 2 MIN. + 1 X 10 MIN + 1 X 20 MIN.DISCIPLINARI

ARBITRI         :  Andreas KOCH – Nadir MANDIONI  LINESMAN   Andreas ABEGGLEN – Flavio AMBROSETTI

SPETTATORI : 5192

LUGANO : Merzlikins, Vauclair-Ulmer, Walker(A)-Steinmann-Pettersson(TS), Kienzle-Andersson, Bertaggia-Walsky-Brunner, Sartori-Chiesa(C), Reuille-Sannitz(A)-Kostner, Romanenghi-Ahlström, Maurer-Fazzini. All.Fischer

LOSANNA : Huet, Leeger-Gobbi(C), Louhivaara(TS)-Hytönen(A)-Antonietti, Stadler-Fischer, Genoway-Mieville-Pesonen, Genazzi-Rytz, Deruns-Froidevaux(A)-Neuenschwander, Lardi-Nodari, Ulmann-Savary-Conz. All.Ehlers

Tags: ,