U18, 17ª – Cade la capolista, Asiago in caduta libera, Milano e Fassa mezzo biglietto per i play-off

A questo punto del campionato, le vittorie di Milano e Fassa dicono quasi tutto sul discorso qualificazione ai play-off. A 5 giornate dal termine della regular season, con 15 punti in palio per squadra, 9 di vantaggio sopra la linea sono un tesoretto prezioso.
Ad Appiano il Milano vince grazie ad un parziale devastante nel drittel centrale. I Pirati erano andati in vantaggio al 17° con Critelli in superiorità numerica, poi il pareggio già poco dopo con Simone Asinelli, colui che al 4° della ripresa segna il gol del sorpasso meneghino, consolidato da altre due marcature di Manfé e Finessi in tre minuti. Le altre reti rossoblù di Pirelli, Alario e Marini. Negli ultimi 8 minuti l’Appiano torna al gol in superiorità numerica con Faietti e Von Payr. Ancora troppi minuti di penalità fischiati ai giocatori meneghini che si confermano squadra più fischiata del campionato con 373 minuti in 17 partite, 100 in più della squadra successiva (il Val Pusteria). “Premio Fair Play” al momento per il Val di Fassa con 134 minuti. I trentini hanno portato a casa anche loro tre punti in una gara chiave, quella a Pieve di Cadore contro i coetanei che più di tutti ambivano al posto playoff occupato dai fassani. Primi due tempi in parità, il primo a reti inviolate e il secondo con il gol in powerplay dei padroni di casa (Longo in superiorità numerica al 23°) e quello ospite di De Luca in inferiorità al 32°. Nel terzo periodo un powerplay manda in gol un trentino: Trottner al 46° seguito da Boneccher due minuti dopo. Frescura in powerplay accorcia le distanze per il Pieve al 55°, ma chiude ogni ostilità la rete di Paolinetti a porta vuota.

Sorpresa in testa alla classifica con lo Juniorteams di Markus Sparer che perde la sua prima partita della stagione, sul ghiaccio di Brunico. La capolista chiude il primo tempo in vantaggio (la rete di Sbop allo scadere) e non si aspetta il parziale di 3-0 in favore del Val Pusteria nel drittel centrale (De Lorenzo Meo, Zandegiacomo in inferiorità numerica e E. Thum). Il 17 (tante sono le gare giocate prima di una sconfitta) non porta bene ai ragazzi di Bassa Atesina che nel terzo tempo subiscono altre due reti, in 18 secondi, di Alex De Lorenzo Meo (tripletta personale) per un insolito 5-1 a cinque minuti dalla fine. Il risultato è meno amaro con i gol ospiti di Massar e il secondo di Gabriel Sbop.
Vittoria del Val Pusteria non preventivata dalle dirette avversarie dei gialloneri che fa restare in corsa i pusteresi nella zona corta dalla seconda alla sesta posizione. Davanti ai Lupi vince anche il Vipiteno con un rotondo 8-0 sul Caldaro. 56-8 l’impietoso computo dei tiri in porta, i gol dei Broncos portano la firma di Dominik Bernard (2), Simon Pitschieler (2), Tommy Gschnitzer (2), Jager e Spornberger. Primo shutout per Lukas Piazza
La sconfitta della capolista e le due vittorie di Milano e Fassa nella lotta playoff fanno passare in secondo piano quello che alla vigilia era il big match della giornata. Ad Asiago il Pergine/Feltre fa l’impresa e continua a volare, seduto ora al terzo posto. Il referto parla di un primo tempo di 17 tiri trentini rispetto ai soli 4 asiaghesi che però sono gli unici a segnare con Dal Sasso in inferiorità numerica a 70 secondi dalla prima sirena su una rara disattenzione della difesa avversaria. Il goalie vicentino Luca Stevan (40 tiri ricevuti contro i 19 del collega) resiste fino al 44° alla rete di Decarli. Il gol vittoria per il Pergine è di Daniele Colombini al 48° che porta le Linci a tre punti dal secondo posto, dovendo ancora recuperare il match col Vipiteno. Per l’Asiago (che a fine anno era secondo in classifica) è la terza sconfitta negli ultimi 4 impegni, all’opposto il Pergine vince la sua settima gara in otto partite.
Il Merano, terzultimo in classifica, mette in difficoltà il Gherdeina ma non gli impedisce di incamerare altri tre punti. Al gol-lampo di Pirri dopo 13 secondi il Gherdeina ribalta il risultato segnando con Moroder al 4° e Demetz all’8°. Il Merano pareggia con Ghizzo al 13° ma 3 minuti e mezzo dopo ancora Moroder porta i ladini rossoblù in vantaggio al primo riposo. I 27 punti in classifica di divario non spaventano i meranesi che nella ripresa riacciuffano ancora gli avversari al 30° (Schwienbacher); è ancora Samuel Moroder in superiorità numerica (tripletta personale) a riportare in vantaggio al 33° il Gherdeina. E’ la fuga decisiva, nel terzo tempo allungano il vantaggio Nocker e Vinatzer.
Domenica prossima a meno di sorprese l’unico cambio in classifica dovrebbe arrivare con l’esito di Vipiteno-Asiago.

17ª giornata, sabato 24 gennaio 2015
Vipiteno – Caldaro 8-0 (0-0, 4-0, 4-0)
Appiano – Milano 3-7 (1-1, 0-5, 2-1)
Merano – Gherdeina 3-6 (2-3, 1-1, 0-2)
Asiago – Pergine 1-2 (1-0, 0-0, 0-2)
Pieve d.C. – Val di Fassa 2-4 (0-0, 1-1, 1-3)
Val Pusteria – Juniorteams 5-3 (0-1, 3-0, 2-2)

Classifica  P.ti PG  V -et P    gol  +/-
Juniorteams   48 17 16 0-0 1  93-34   59 ai play-off
Gherdeina     40 17 12 2-0 3  95-47   48 ai play-off
Pergine       37 16 12 0-1 3  73-40   33 ai play-off
Vipiteno      35 16 11 0-2 3  58-27   31 ai play-off
Asiago        35 17 11 1-0 5  96-47   49 ai play-off
Val Pusteria  33 17 10 1-1 5  72-39   33 ai play-off
Val di Fassa  21 17  6 1-1 9  48-58  -10
Milano        21 17  7 0-0 10 60-78  -18
Pieve d.C.    12 17  4 0-0 13 35-75  -40
Merano        10 17  3 0-1 13 49-90  -41
Caldaro        8 17  2 1-0 14 21-67  -46
Appiano        3 17  0 1-1 15 35-133 -98 non qualificata

Prossimo turno, 18ª giornata, sabato 31 gennaio 2015
ore 15:45 Vipiteno – Asiago (sabato)
ore 16:30 Val Pusteria – Appiano
ore 16:30 Val di Fassa – Juniorteams
ore 16:45 Caldaro – Milano
ore 17:00 Gherdeina – Pieve d.C.
ore 17:15 Merano – Pergine

freccia presentazione
freccia calendario

Tags: ,