Mondiali U20: Canada e Svezia perfette nella Prima Fase

Non senza qualche sorpresa, si è concluso il Preliminary Round dei Mondiali Under 20 in corso di svolgimento nelle Capitali Storiche dell’Hockey su Ghiaccio di Montréal e Toronto (Canada) a prestare i loro illustri palcoscenici ai campioncini del domani; iniziamo la nostra analisi dei Gironi con un occhio già rivolto alle sfide incrociate dei quarti (promettono scintille USA-Russia e Svezia-Finlandia) a portare i Top Team verso la corsa all’iride Mondiale.

2015 IIHF World Junior Championship
Gruppo A (Bell Centre, Montréal)
Con una media spettatori intorno alle 10000 presenze, ovviamente amplificata quando sul ghiaccio scendevano i padroni di casa e dominatori del raggruppamento (oltre 15000!) il Canada ha mantenuto fede alle altissime aspettative durante la prima fase del PR (Preliminary Round) con 4 successi in altrettante uscite ad iniziare dagli agevoli successi su Slovacchia (8-0, Fabbri 2+2) e Germania (4-0, McDavid 1+2), per poi superare in scioltezza i Campioni in Carica della Finlandia per 4-1 (doppio Reinhart e 27 parate Fucale) e chiudere col botto il derby Nordamericano contro gli Stati Uniti per 5-3 (1+2 Reinhart) davanti a 18295 spettatori (record della Prima Fase); la Nazione della Foglia d’Acero, guidata da Benoit Groulx, ha impressionato sul ghiaccio in ogni fase, ad iniziare dallo strabordante attacco guidato da Sam Reinhart (Top Scorer con 3+5) e Max Domi mentre è ancora in fase di rodaggio il talentuosissimo Connor McDavid (papabile #1 Pick ai prossimi draft) “fermo” a soli 4 punticini (1+3), un’ arcigna difesa (solo 4 reti subite) ed un Fucale decisamente ispirato in gabbia (miglior goalie del PR) prima dell’uscita contro la rivelazione Danimarca ai quarti di finale.

Perso il derby americano, gli Stati Uniti (Larkin, 5+2 e miglior sniper della rassegna con Eichel l’ombra di se stesso) hanno ben impressionato dopo le prime 3 uscite con altrettanti sorrisi nel 2-1 contro la Finlandia agli SO (Demko 27sv), Germania (6-0, 2+1 Larkin ed Halverson 14sve SO ) e Slovacchia (3-0, Demko 17sv e SO) in attesa di incrociare le stecche contro la Russia nel drammatico quarto di finale (attenzione a Demko in gabbia).
Terza piazza a sorpresa per la Slovacchia che, pagato dazio alla premiere al Canada ed agli Stati Uniti non senza vender carissima la pelle (0-3, Godla 42sv!), batte la Finlandia per 2-1 (37sv Godla e 0+2 Reway) e si guadagna i quarti fratricidi contro la Repubblica Ceca sconfiggendo la Germania per 5-2 (hat-trick Reway); la grandissima delusione del gruppo di Montréal arriva dai Campioni in Carica della Finlandia a trovare solo nell’ultima uscita contro la Germania per 2-0 (Husso 24sv e SO), il pass per i quarti nel derby con la Svezia con i ragazzi di Jortikka a rintuzzare le armi se voglion difendere il titolo passato proprio contro i cugini scandinavi nel remake della scorsa finalissima U20.
Chiude mestamente all’asciutto la Germania di Pat Cortina (KO in tutte le uscite) a lottare per il terzo anno consecutivo nel Relegation Round questa volta contro i cugini della Svizzera.

Risultati Gruppo A
Finlandia – Stati Uniti 1-2so
Canada – Slovacchia 8-0
Slovacchia – Finlandia 2-1
Germania – Canada 0-4
Stati Uniti – Germania 6-0
Stati Uniti – Slovacchia 3-0
Finlandia – Canada 1-4
Slovacchia – Germania 5-2
Canada – Stati Uniti 5-3
Germania – Finlandia 0-2
Classifica: Canada 12 punti, USA 8, Slovacchia 6, Finlandia 4, Germania 0.

Gruppo B Air Canada Centre, Toronto
Apriamo il Gruppo impegnato in Ontario, rendendo il giustissimo omaggio alla platea canadese che, nonostante l’assenza nella prima fase della propria nazionale, ha raggiunto un’ottima affluenza nella casa dei Leafs con oltre 12000 presenze nelle dieci uscite del PR.
Smentisce seccamente i pronostici della vigilia visto il cambio generazionale casalingo (oro e doppio argento nelle ultime 3 edizioni,ndr) ed infila al pari del Canada un bel filotto di 4 W in altrettante uscite, la granitica Svezia della volpe Gronborg macina un ottimo gioco guidato dai vari Nylander e Lindblom (7 punti per entrambi) e coperto alla grandissima in gabbia dallo stakanovista Soderstrom (sempre presente on-ice a parare al 94%!) nei successi contro Cechia (5-2, 0+3 Lindblom), Danimarca (5-1, 1+2 de la Rose), Russia (3-2, doppio Forsling) e Svizzera (5-1, hat-trick Lindblom).
Un abisso dietro la fortissima nazionale delle Tre Corone, troviamo la rivelazione della Repubblica Ceca, incredibilmente seconda del raggruppamento che in crescendo, dopo le disfatte svedesi e svizzere, trova col fiatone il sorriso contro la Danimarca (4-3ot, 1+2 Pastrnak e gwg) per schiantare la Russia per 4-1 nell’ultima tornata del PR (0+3 per il gioiellino Pastrnak) che vale ai ragazzi Cechi il miglior piazzamento ai danni della solita e discontinua Russia, grande delusione al pari dei finnici al termine della prima fase: dopo aver faticato le proverbiali sette camicie ad aver la meglio sulla Danimarca (3-2so, Tolchinski/Goldobin a segno agli SO) ed aver annientato la Svizzera per 7-0 (1+2 Buchnevich) vengono poi rimontati dalla Svezia prima di cedere ghiaccio e seconda importantissima piazza alla Cechia.
Trova una storica qualificazione e primissimo successo ai Mondiali U20 Elite dopo 15 KO consecutivi, la Danimarca nell’ultima sfida del gironcino contro la Svizzera per 4-3 agli so (42sv Sorensen) con Bjorkstrand a realizzare lo SO decisivo che vale agli scandinavi l’accesso ai quarti (sfida quasi impossibile contro il Canada) dopo aver praticamente erto le barricate contro Russia e Cechia (caduti solo ai prolungamenti) e superando proprio in volata una irriconoscibile Svizzera, trascinata nel Relegation Round contro i cugini teutonici cui non è bastato l’unico sorriso contro la Rep. Ceca (5-2, doppio Fiala) a fronte 3 stop.

Risultati Gruppo B
Danimarca – Russia 2-3so
Svezia – Repubblica Ceca 5-2
Danimarca – Svezia 1-5
Repubblica Ceca – Svizzera 2-5
Svizzera – Russia 0-7
Repubblica Ceca – Danimarca 4-3ot
Svezia – Russia 3-2
Svizzera – Danimarca 3-4so
Svizzera – Svezia 1-5
Russia – Repubblica Ceca 1-4

Classifica: Svezia 12 punti, Rep. Ceca 5*, Russia 5*, Danimarca 4*, Svizzera 4*.
*: a parità di punteggio in classifica, vale la regola della vittoria nella sfida di Girone
(CZE-RUS 4-1, Cechi secondi ; DEN-SUI 4-3so Danesi quarti)

Quarti di Finale (2 Gennaio, ora locale +6 dall’Italia)
1. Stati Uniti – Russia (Montréal, 13.00)
2. Svezia – Finlandia (Toronto, 15.00)
3. Repubblica Ceca – Slovacchia (Montréal 17.00)
4. Canada – Danimarca (Toronto, 20.00)

Semifinali (e Finali) sempre all’Air Canada Centre di Toronto con:
Vincente USA-RUS contro Vincente SWE-FIN  (Semifinale 1, 4 Gennaio ore 16)
Vincente CZE-SVK contro Vincente CAN-DEN  (Semifinale 2, 4 Gennaio ore 20)

Relegation Round (Best of Three, 2/3 Gennaio ed Eventualmente il 5 sempre a Toronto)
Svizzera – Germania (ore 11.00)
Germania – Svizzera (ore 19.00)
Ev. Svizzera – Germania (ore 11.00)
La perdente al meglio delle tre, scende in Prima Divisione per la neopromossa Bielorussia.

TOP SCORER DELLA PRIMA FASE
#                       Punti (Reti+Assist)
1. Sam Reinhart   (CAN)   8      (3+5)
2. Dylan Larkin   (USA)   7      (5+2)
3. Max Domi       (CAN)   7      (4+3)
4. Oskar Lindblom (SWE)   7      (3+4)
5. Will Nylander  (SWE)   7      (2+5)
6. David Pastrnak (CZE)   7      (1+6)
7. Nic Petan      (CAN)   7      (1+6)

TOP GOALIES DELLA PRIMA FASE
#                           SVS%  GAA
1. Zachary Fucale   (CAN)  97,5%  0.50
2. Ville Husso      (FIN)  96,8%  0.96
3. Thatcher Demko   (USA)  95,5%  1.31
4. Igor Shestyorkin (RUS)  94,8%  1.50
5. Linus Soderstrom (SWE)  94,0%  1.50
6. Eric Comrie      (CAN)  93,3%  1.50
7. Denis Godla      (SVK)  91,9%  3.12