U18, 13ª – Non cambia la classifica

Nell’ultima giornata del 2014 vincono le prime 5 della classe mantenendo invariati gli equilibri. Sotto c’era la possibilità di insediare il Milano incappato in una sconfitta ad Asiago ma anche lì niente di fatto.
Nuovo successo per lo Juniorteam, sempre ampiamente primo dopo la vittoria a Pieve di Cadore. I ragazzi del combo Egna e Ora non sbagliano un colpo ma i tre punti non sono stati facili. Gli orsetti del Pieve, 27 punti sotto la capolista, vanno sul 2-0 dopo 3 minuti con la doppietta di Lorenzo Cagnati. Prima del riposo lo Juniorteams costruisce il pareggio segnando con Fink in superiorità numerica e con Ferrara. Veneti ancora avanti in avvio di secondo tempo con Talamini e pareggio riacciuffato da Cazzanelli. Nell’ultimo drittel la squadra di Bassa Atesina fa sua la partita: segna al 45° con Girardi, al 52° con March in powerplay e infine con Bernard al 55°.

24 ore dopo il largo successo dell’Asiago senior sul Milano di Curcio, la versione minorenne dei Leoni vicentini fa lo stesso sui coetanei meneghini. Un successo schiacciante dato anche dal numero dei tiri, 41-13, specie nel secondo tempo quando i rossoblù hanno trovato la porta solo due volte (segnando però un gol). I giallorossi segnano con le doppiette di Davide Dal Sasso, Jozef Foltin e Tommaso Topatigh più i gol di Basso e Cristi. I milanesi (sesta sconfitta consecutiva) segnano due reti a cavallo dell’ultimo riposo con Fadani e Marini quando i veneti erano ormai sul 5-0. Altro lavoro per il giudice sportivo: ancora una penalità partita per Yan Gallarotti (gioco duro al 32:34) e successivamente al 46:52 viene punito anche Alessandro Malerba con 2+10, sempre per gioco duro.
Il Gherdeina mantiene la terza posizione battendo il Caldaro con le doppiette di Andreas Vinatzer e Juri Runggaldier, più la rete di Bergmeister. Il gol della bandiera degli ospiti è a firma Moilling per l’1-4 al 54°. Super lavoro per il portiere dei lucci Andergassen contro cui sono arrivati 61 tiri, 18 invece contro il collega ladino.
Vola il Pergine/Feltre alla sua terza vittoria consecutiva. Il Val di Fassa non è stato a guardare rendendo la vita difficile alle Linci. I valsuganotti vanno sul 2-0 segnando subito con Valorz, poi con Decarli al 6°. Il Fassa accorcia con De Simone 30 secondi dopo ma subisce la terza rete al 16° (Dell’Agnol). I ladini accorciano ancora prima del riposo con Schiavone, poi trovano il sospirato pareggio al 31° con Marzolini. Solo 35 secondi dura la gioia, perché segna subito Brezzi, poi Francesco Valorz per la seconda volta al 38°. Il Val di Fassa non si arrende e segna con Trottner in superiorità numerica al 52°, il colpo perginese del ko giunge solo a porta vuota con Colombini nel finale.
Clamoroso quando importante successo del Vipiteno sul Val Pusteria, utile per restare nella scia dell’alta classifica e scacciare i Lupi (che seguivano direttamente i Broncos) ancora più lontani. Nel primo tempo i due goalie non concedono nulla, per sbloccare il risultato serve una situazione di 5 contro 3 finalizzata dal pusterese Laner a metà gara. Sempre in powerplay i padroni di casa raggiungono il pareggio con Tschimben al 34° ma al 50° il Val Pusteria sembra che faccia suoi i tre punti segnando con De Lorenzo Meo addirittura con l’uomo in meno. Un colpo da ko, e invece il Vipiteno si rialza e negli ultimi due minuti va addirittura a vincere: segna la sua seconda rete personale Felix Tschimben al 58:14 e lo segue Paul Eisendle al 59:02.
Il Merano spreca una delle ultime occasioni per dire la sua verso la linea dei play-off. Con tutte le squadre davanti incappate in una sconfitta, i bianconeri del Passirio non strappano che un punto all’Appiano ultimo in classifica. Doppio vantaggio dei Pirati al 12° (Critelli e Buratti), rispondono nella seconda parte del primo tempo i meranesi Polita e Pirri in inferiorità numerica. Nella ripresa, avanti il Merano con Gamper e Hechenblaickner in powerplay intervallati dall’appianese Lancsar. Nei primi 3 minuti di terzo tempo l’Appiano torna a condurre con Fromenta e Willeit ancora con l’uomo in meno ma al 46° il Merano rimette le cose a posto con Laimer Gerstl. Il gol della prima vittoria dell’Appiano lo segna Pavel Fromenta (bis personale di giornata) in 4 contro 3 dopo 1:33 dei supplementari.

Appuntamento nel nuovo anno con una giornata chiave per il terzo posto e per i play-off. Prima del recupero tra Vipiteno e Pergine nel giorno della Befana (entrambe a 28 punti, uno dietro il Gherdeina) i Broncos rischiano in Val di Fassa mentre lo scontro diretto tra Gherdeina e Pergine distribuirà punti pesanti. A cavallo della linea il Milano deve vincere in casa contro il Merano perché oltre a rimettere in gioco i bianconeri potrebbe farsi agganciare dal Pieve di Cadore impegnato ad Appiano contro la lanterna rossa.

13ª giornata, sabato 27 dicembre 2014
Vipiteno – Val Pusteria 3-2 (0-0, 1-1, 2-1)
Gherdeina – Caldaro 5-1 (1-0, 2-0, 2-1)
Merano – Appiano 5-6 ot (2-2, 2-1, 1-2, 0-1)
Asiago – Milano 8-2 (2-0, 3-1, 3-1)
Pieve d.C. – Juniorteams 3-6 (2-2, 1-1, 0-3) -> recap
Pergine – Val di Fassa 6-4 (3-2, 2-1, 1-1)

Classifica   P.ti PG  V -et P    gol  +/-
Juniorteams    39 13 13 0-0 0  67-24   43
Asiago         32 13 10 1-0 2  78-27   51
Gherdeina      29 13  9 1-0 3  75-34   41
Pergine        28 12  9 0-1 2  57-31   26
Vipiteno       28 12  9 0-1 2  44-21   23
Val Pusteria   21 13  6 1-1 5  48-31   17
Val di Fassa   18 13  5 1-1 6  36-40   -4
Milano         12 13  4 0-0 9  45-61  -16
Pieve d.C.      9 13  3 0-0 10 25-59  -34
Merano          7 13  2 0-1 10 40-73  -33
Caldaro         5 13  1 1-0 11 14-46  -32
Appiano         3 13  0 1-1 11 23-105 -82

14ª giornata, sabato 3 gennaio 2015
ore 13:00 Val di Fassa – Vipiteno
ore 16:00 Appiano – Pieve d.C.
ore 16:30 Caldaro – Juniorteams
ore 16:30 Val Pusteria – Asiago
ore 17:00 Gherdeina – Pergine
ore 18:30 Milano – Merano

Posticipo 5ª giornata, martedì 6 gennaio 2015
ore 11:00 Pergine – Vipiteno

freccia presentazione
freccia calendario

Tags: ,