Il fine settimana del Pieve di Cadore

(dal sito del Pieve di Cadore) – UNDER 18 – Gli “orsi maggiori”, due giorni dopo la sonora lezione di domenica 6 subita dall’Asiago secondo in classifica, ospitano il Merano, che li appaia al posto numero nove.
Solita prima metà del drittel con squadre che si studiano cercando di non scoprirsi troppo. Al minuto 12 combinazione vincente tra “biondi” e “rossi”: Federico Gentilini (biondo) serve Giacomo Pompanin (rosso) che la mette nel sacco. Passano quattro minuti ed, in periodo di power-play, è Christian Costa, servito da Ale “Fresh” Frescura, a raddoppiare. Risultato che non cambia sino alla prima sirena.
Al minuto sei della seconda frazione è capitan Marco Sanna, approfittando si altra superiorità, a portarci sul 3 a 0. A metà del drittel le aquile meranesi si rifanno sotto, ma al secondo squillo che segna la fine del tempo, siamo ancora in doppio vantaggio.
Nel terzo periodo gli orsi badano a non scoprirsi. Qualche nervosismo di troppo fa finire sul pancone uno dei nostri ed uno dei loro. Il tempo scorre e loro, ad oltre tre dalla fine, provano la carta della disperazione, con l’uomo di movimento in più. Erwin Martini vince l’ingaggio nella nostra zona di difesa, riceve il disco di ritorno dal compagno, prende la mira e, come il migliore dei cecchini, da tre quarti del campo fa finire il disco sul palo interno e nella rete avversaria: 4 a 1 che chiude il match e porta gli orsi a tre punti dal Milano, squadra che occupa l’ultimo posto utile per i play-off.

PIEVE – MERANO 4-1 (2-0, 1-1, 1-0) – lunedì 8 dic.

UNDER 18 – Scendendo i fiumi dell’Alto Adige giungono in Cadore i lucci del Caldaro. Dopo la vittoria sul Merano abbiamo il morale alto, e speriamo in un’altra bella prova.
Sembra iniziare bene: al minuto 5 fa centro Alex Menardi (al debutto in categoria), ben servito da Christian Costa. La partita è sentita e gli arbitri scelgono di punire ogni inizio di scontro appena sopra le righe con penalità per eccessive durezze da ambo le parti. Quando sta per squillare la tromba del fine periodo (al 19.57), la doccia fredda del pareggio dei pesci dell’oltreadige: 1 a 1 e tutti a bere il the.
Passano tre minuti del secondo periodo quando i lucci mettono a segno il secondo. Noi sembriamo avere poche idee, peraltro confuse, e non riusciamo più ad impensierire il goalie avversario.
Nel terzo ci vogliono meno di tre minuti agli ospiti per siglare il terzo gol ed a noi quasi tre quarti del tempo per rifarci sotto con “Gabry” Longo: tiro dalla distanza durante un power play e gol. Passa il tempo e stavolta tocca a noi la carta della disperazione: togliamo il portiere per l’uomo di movimento ad un giro di lancette dalla fine. La fortuna non è dalla nostra dato che sono i lucci, riconquistato il disco, a realizzare l’empty net gol che fissa il finale sul 2 a 4.
Grossi rimpianti: era una partita fondamentale per cercare l’aggancio all’ottava piazza occupata dal Milano, anche oggi sconfitto. Ora si fa veramente in salita, anche se la matematica consente ancora di sperare. Sarà comunque molto dura.
PIEVE – CALDARO 2-4 (1-1, 0-1, 1-2) – sabato 13 dic.

Settimana di pausa e, il 27, ospiteremo l’Egna capoclassifica ed imbattuto per una sfida quasi impossibile. Dovendo fare la corsa sul Milano e vedendo che loro saranno ospiti della seconda (l’Asiago), continuiamo a sperare. Dietro di noi, però, il Merano ospita il fanalino di cosa Appiano e cerca di acciuffarci per la coda…


UNDER 16 – Riprende il cammino anche l’under 16 ospitando, in una classicissima, la squadra della S.G. Cortina.
59 secondi e siamo già sotto. “Peppe” Olivotti non trattiene e lo scoiattolo è il più lesto al rebound. Ad un secondo dalla sirena il capitano Ale “Fresh” Frescura fa uscire dal cilindro un tiro clamoroso, al volo, mentre è poggiato sulla balaustra nell’angolo di campo accanto alla linea blu. Slap imparabile che fa suonare anche il ferro che sostiene la rete: 1 a 1 e tutti in spogliatoio.
La prima metà del secondo drittel è un incubo: in meno di due minuti gli scoiattoli ne segnano due. Due penalità in sequenza ci costringono a giocare in tre per un minuto e mezzo, ma resistiamo. Quando il pericolo sembra scampato, in venti secondi, ancora due gol del Cortina: al minuto 28.33 siamo sotto per 5 a 1. Passata la metà del tempo il risveglio: Manuel da Rin Zanco accorcia e poi, dopo quattro minuti, ancora “Fresh” ci riporta sotto. A meno di un minuto dalla sirena ancora la premiata coppia “Fresh” e “Shutz” confezionano il 4. Stavolta è Ale a fare l’assist, con un tiro che il portiere non trattiene e Manuel a ribattere a rete. Alla sirena siamo sotto solo di uno.
Nel terzo il nervosismo si fa sentire e Nicolò “the wizard” Bravin ha uno “scambio di vedute” con un avversario che costa un 2 + 2 ad entrambi. Rientrato, a metà del tempo, è proprio “the wizard” ad andare in gol, girando intorno alla porta e beffando il portiere. 5 a 5 e partita riaperta. Ad otto dalla fine fuga di Alex Rossi che fa sbattere il puck sul palo e, dopo pochi secondi ancora “the wizard” strappa un disco dalla stecca di un avversario a centrocampo, entra nel terzo e trova una conclusione, fiacca, ma che il portiere avversario non trattiene. Risultato ribaltato e partita da sconsigliare ai cardiopatici. Goalie “Peppe” ferma alcune conclusioni, dando sicurezza ai compagni, altre penalità in alternanza e countdown del pubblico fino al suono finale. Oggi, agli scoiattoli, non gli dice proprio bene. Tre punti, che forse non serviranno molto, a noi. Nessuno a loro, che ne avevano un gran bisogno per tenersi attaccati all’Asiago, che occupa il posto numero tre, ultimo utile per andare avanti.
PIEVE – CORTINA 6-5 (1-1, 3-4, 2-0)

Domenica 21 si va ad Alleghe, per affrontare la squadra capoclassifica.


UNDER 14 – Sabato 13 la più lunga trasferta della regular season attende gli “orsi minori” che, usciti di scuola in anticipo, partono per Malè: si affronta, in una sfida molto importante, il Val di Sole che ci insegue a due punti cercando di agganciarci all’ultimo posto utile per le finali nazionali. E’ l’ultima giornata del girone di andata e noi dobbiamo ancora recuperare la partita contro il Fassa.
Al minuto 4.41 è capitan “Jack” Longo a portarci in vantaggio, ma le aquile della Val di Sole, prima della sirena, si portano sul pari.
Nel secondo drittel i trentini, giocando in maniera discretamente “decisa” rimediano alcune penalità ed i nostri sono bravi ad approfittarne: in sei minuti, con Giorgio “Ciccio” Panciera, con il “piccolo” della compagnia, “Samu” Zampieri e poi, ancora con “Ciccio” si va sul 4 a 1. Forse ci rilassiamo e paghiamo caro il pensiero di essere al sicuro: pochi secondi e le aquile si portano sul 4 a 2 con tabellone che non si sposta sino alla seconda sirena.
Appena iniziato il terzo periodo ancora “Ciccio” va a referto per l’“hat trick” personale. Passa il tempo senza altre marcature, sino al fischio finale.
Due punti importantissimi che dovrebbero dare anche morale per affrontare, sabato 20, l’Alleghe capoclassifica e, poi, nel recupero della seconda di andata, per andare martedì 23 a Canazei e giocare con il Fassa, squadra sempre ostica.
VAL DI SOLE – PIEVE 2-5 (1-1, 1-3, 0-1)


UNDER 12 – Venerdì 12 prestiamo una linea di giovani orsetti (tutti 2004) all’Alta Badia che scende in Cadore per affrontare, allo stadio di Auronzo, il Dobbiaco, nelle cui fila militano alcuni galletti della Val d’Ansiei. Prosegue, così, la collaborazione che consente ai nostri di provare anche ad affrontare le squadre dell’Alto Adige e di giocare un po’ di più di quanto sia consentito dal “campionato” veneto con sole cinque squadre.
Domenica 14 tutti gli orsetti di categoria vengono convocati, invece, per fare visita agli scoiattoli ampezzani in una “sfida” sempre molto sentita. L’influenza miete vittime e sette giocatori non rispondono all’appello. Coach Luciano cerca di correre ai ripari chiamando anche un under 10, ma non riesce a raggiungere i quindici di movimento. Si parte comunque e si gioca a due linee più qualche rinforzo.
Alla fine i nostri tornano felici, come si dichiara felice, sia del gioco che del risultato (a cui, come regolamento prevede, non diamo pubblicità) anche il coach.
Domenica 21 si sale il Cordevole e si va ad Aliè (Alleghe).
ALTA BADIA – DOBBIACO – GIOCATA VENERDI’ 12
CORTINA – PIEVE – GIOCATA DOMENICA 14


UNDER 8 – “MAGLIE MISTE” A PIEVE – Domenica 14 ospitiamo l’appuntamento più importante: il “maglie miste” under 8 con la partecipazione di novanta piccolissimi giocatori (dai cinque agli otto anni) di nove società: Alleghe, Asiago, Auronzo, Cortina, Feltre, Padova, Pontebba, Zoldo.
I nostri sono quindici: uno (Matteo Granzotto) compie gli anni giusto in tempo per partecipare: canzoncina di auguri per lui, schierato nella quarta linea della squadra dei gialli.
Inutile dire che è una gran bella festa, per i piccoli, ma ancor di più per genitori e nonni, orgogliosi dei loro mini hockeisti.
Alla fine i tredici kg di pasta preparati da Mario vengono “spazzolati” da bimbi e parenti tutti. Poi dolci a non finire portati dalle mamme orse di nostri baby. Come sempre arriva (solo per i grandi dato il “tenore alcolico”) il tiramisù di nonna orsa (forse sollevata dal fatto che questo è l’ultimo appuntamento in cui si deve ospitare il pranzo di under 8 e/o 10).
Impeccabile l’organizzazione, magistralmente diretta dalla “Enrico Toti de noaltri” che (dopo aver lavorato sino alle 03.00 per preparare tutto), usa la stampella per impartire ordini, coadiuvata in maniera precisissima dal “Signor Carlo” (Clinco), sempre più inserito nel ruolo di “factotum”. Mancava lo “yeti” (Giancarlo Talamini), ma non ne abbiamo sentito la mancanza.
Tutti i genitori (anche gli ultimi arrivati) si mettono a disposizione e, dato che “in tutti si fa tutto”, l’appuntamento si chiude alla perfezione. Dobbiamo esprimere il grosso grazie della società a coloro che hanno collaborato.
Prossimo “maglie miste” ad Auronzo, domenica 28 dicembre.


UNDER 10 – Week-end libero per l’under 10, che sarà di scena, domenica, 21, a Feltre, nel minitorneo a cui parteciperanno leoncini di Asiago, galletti di Auronzo e picchietti, padroni di casa.