Finita la Regular Season, si riparte il 23 dicembre

Finita la prima parte del massimo campionato di Serie A, le dodici squadre incroceranno nuovamente le stecche a partire dal 23 Dicembre quando partirà la seconda fase. La formula prevede la divisione delle partecipanti in due gironi, Master Round e Playoff Round. Ogni squadra affronterà in due partite, andata e ritorno, le altre dello stesso girone e in un solo match i team dell’altro raggruppamento per un totale di 16 partite ciascuna. Partenza il 23 Dicembre, come già detto, chiusura il 12 Febbraio 2015. La sesta classificata del Playoff Round sarà eliminata. Accederanno direttamente ai Quarti di Finale le prime cinque del Playoff Round e la sesta del Master Round. Le tre qualificate dopo una mini serie al meglio delle tre, andranno ad affrontare le prime cinque del Master Round con scontri diretti al meglio delle sette. Chi supera il turno passerà prima alle semifinali e poi alla serie finale.

22 giornate hanno delineato una classifica dove non sono mancate le sorprese. Prima fra tutte il Milano, partita con l’obiettivo dichiarato del sesto posto, ha saputo con il lavoro di un coach straordinario andare oltre le previsioni più ottimistiche. Quarto posto e qualificazione alla finali di Coppa Italia, dopo aver eliminato l’Asiago che sicuramente è tra le pretendenti alla vittoria finale. Anche se l’impressione è che nel Roster manchi ancora qualcosa per lottare per il titolo. La società meneghina ha sicuramente dalla sua una grande forza rappresentata dal proprio pubblico. Le oltre 3000 presenze di Sabato nella partita contro l’Asiago, ed una media di 1888 spettatori lo dimostrano. Al secondo posto il Valpellice con una media di 1299; terzo gradino del podio il Val Pusteria con 1217. Ultimo posto per il Caldaro con una media di 171 e un totale, nelle undici partite casalinghe, di 1887.

La classifica finale della Regular Season rappresenta come non mai le forze in campo, con Val Pusteria ed Asiago un gradino sopra il Renon, soprattutto dopo aver perso il goalie titolare, Holt, finito in EBEL all’Orli Znojmo. I Buam dovranno ricorrere sicuramenti ai ripari se vogliono lottare il titolo. Altra sorpresa di questa prima parte del campionato è il Gherdeina. Uscito malamente in semifinale lo scorso anno in INL, secondo campionato austriaco in ordine di importanza, i ladini hanno saputo ripartire ed hanno raggiunto il Master Round dopo una buona prima parte di stagione.

Al momento abbiamo un vincitore morale: Andrea Gios. Quando a Settembre presentò la nuova stagione le sue parole furono queste: “Hockey su ghiaccio anno zero, valorizzare i giovani. Lavoreremo per iniziare al meglio un nuovo corso”. Questo nuovo inizio ci piace e anche se lo spettacolo è leggermente inferiore a quello visto negli ultimi anni, la scomessa del nuovo Presidente Federale è stata sicuramente vinta.

Analizzando le statistiche di questa prima fase in testa alla classifica marcatori troviamo Devos, Val Pusteria, con 50 punti; secondo posto per Vallorani, Milano, con 49 punti; sul terzo gradino del podio Pope, Valpellice, con 39 punti. Tra i goalie primo posto per Holt, ex Renon, con il 94.1% di saves; secondo posto ma che, a questo punto, diventa primo per Kuhn, Val Pusteria, con il 93.8%, segue Marozzi, Asiago, 92.8%.

La seconda fase, come già detto, partirà il 23 Dicembre con le seguenti partite
1° Giornata Master Round
Rittner Buam – Valpellice
Gardena – Asiago
Val Pusteria – Milano
Classifica: Val Pusteria e Asiago 48 punti; Rittner Buam 46 punti; Milano 44 punti; Valpellice 43; Gherdeina 36 punti

1° Giornata – Playoff Round
Appiano- Fassa
Cortina – Caldaro
Vipiteno – Egna
Classifica: Vipiteno 30 punti; Cortina 29 punti; Appiano 23 punti; Egna 22 punti; Fassa 17 punti; Caldaro 10 punti