CHL: a Lulea e Skellefteå il primo round dei quarti

Nell’andata dei quarti di Champions Hockey League disputati nella serata di ieri vittoria facile del Lulea che davanti ai propri tifosi infila per 5 volte la porta del Lukko mentre lo Skellefteå, in trasferta, si impone di misura sul Linköping.

Lukko Rauma – Luleå Hockey 2-5 (1-3; 1-1;0-1) di Emanuele Badessi

Andata dei quarti di finale del derby finnico-svedese che sorride agli svedesi del Lulea; la squadra allenata da Joakim Fagervall va in svantaggio per la rete di Niskala, che riceve il puck dalla sua sinistra e fredda Larsson poco prima del giro di boa del primo quarto, poi rialza la testa ed impiega appena 59″ per rimediare con Nakyva che dalla blu mette il puck alle spalle di Setanen. Passano i minuti e la pressione dei padroni di casa aumenta fino a sfociare nell’ uno-due che di fatto chiude il match: nello spazio di 17″, dal 16’08” al 16’25” infatti i padroni di casa vanno a segno nell’ ordine con Fogstrom, lesto a deviare in rete un tiro di Nakyva, e Fabricius che riceve il disco da Fogstrom e fa il 3-1 con cui si arriva alla prima sirena. Il secondo periodo scorre via senza marcature fino al 14’35” quando Sylvegard porta a 3 le reti di vantaggio per i padroni i casa su un disco perso dalla retroguardia finnica. Il Lukko prova una timida reazione che porta alla rete del 4-2 da parte di Riska in shorthand con il quale va in archivio anche la seconda frazione. All’inizio degli ultimi 20 minuti è Chris Abbot, in situazione di Power Play, a mettere la parola fine alla gara ribadendo in rete il disco su un mezzo infortunio di Setanen che non riesce a pinzare un tiro da poco oltre la blu di Fagerudd.

Ora la serie si sposta in Finlandia dove il Lukko avrà il difficile compito di riprendere in mano le sorti della qualificazione alle semifinali.

Marcatori:
(1-0) 8:50 Niskala (Piitulainen, Virtanen); (1-1) 9:49 Nakyva (Savilahti-Nagander, Petrell); (1-2) 16:08 Fogstrom (Nakyva, Petrell); (1-3) 16:25 Fabricius (Fogstrom, Nakyva); (1-4) 34.35 Sylvegard; (2-4) 37:59 Riska (Sipilainen, Mikkola) SH; (2-5) 41:57 Abbott (Fagerudd, Fogstrom) PP

Linkoping – Skelleftea 1-2 (1-1; 0-1; 0-0) di Alessandro Bianchi

Derby scandinavo alla Saab Arena, incredibilmente vuota vista l’occasione, con di fronte i padroni di casa del Linkoping ed i bi-campioni di Svezia dello Skelleftea.
Primo periodo che vive solo di poche emozioni e che potremmo riassumerle in soli quattro passaggi, il primo è la rete del vantaggio dei padroni di casa grazie alla rete di Little che con un contropiede micidiale, innescato da Hardt, batte Hanses nel five hole per l’1-0. Il secondo episodio degno di nota è la penalità comminata a McDonell che impatta su Kabanov con un frontale tremendo, il russo stramazza a terra e ci vuole qualche secondo perché capisca non è stato un camion ad investirlo, poi seguentemente il terzo episodio è il contropiede col quale Salmonsson potrebbe, in inferiorità numerica, portare i suoi al doppio vantaggio, ma Hanses è bravo stavolta a non farsi beffare. Ultimo episodio, non di poco conto visto l’esito, è la rete del pareggio, infatti quando tutto faceva presagire al vantaggio di casa, ecco che i ragazzi di Walsson hanno un sussulto con Sundqvist che imbecca Lindholm sulla sinistra, finta e con una rasoiata verso il centro trova l’accorrente Aho che, prima controlla il disco col pattino aggiustandoselo, poi batte Hogberg per la rete dell’1-1.
Secondo periodo che non offre grossi spunti, salvo un paio di occasioni sventate da Hanses, con un Taffe scatenato, e un contropiede di Calof ben tenuto da Hogberg, di fatto poche emozioni, sino a 14 secondi dalla fine quando Sevc prova il passaggio centrale per Widing che in un goffo tentativo di tenere il puck basso serva involontariamente Sundqvist che insacca per il 2-1 degli ospiti.
Terzo ed ultimo periodo sulla falsariga dei due precedenti, fatta eccezione per il powerplay giocato bene dai padroni di casa, Lehtonen in panca puniti per gli ospiti, a metà periodo, con un ottimo Hanses, e poi appena in parità numerica un ottimo contropiede con Holmstrom ben tenuto anche in questa occasione da Hogberg. Tutto fila liscio fino a meno di dieci secondi dalla fine quando Vrana si divora letteralmente la rete del pareggio sparando alto a gabbia praticamente vuota, regalando l’andata dei quarti a Walsson & C.

Marcatori: (1-0) 4:51 Little (Hardt, Sjogren); (1-1) 18:39 Aho (Lindholm, Sundqvist); (1-2) Sundqvist (Widing, Sevc)