Milano corsaro, quattro gol nella casa dei Pirati

Appiano e Milano tornano a incrociare le stecche dopo il nebbioso match d’andata giocato all’Agorà, e anche stavolta ad imporsi è il Milano: 4-1. Tra i Pirati assente Peruzzo, tra gli ospiti Lo Russo e Terzago. Prima linea dell’Appiano formata da Hazen-Vallerand-Waldner con Lacroix e Beber in difesa, seconda con Platter-Raffainer-Unterkofler, F.Ebner-Ceresa, terza con P.Jaitner-A.Jaitner-T.Ebner, Eisenstecken-Stimpfl, e in linea anche Von Payr. Milano con Vallorani-Fontanive-Caletti, Gron-Migliore-Petrov, Colombo-Piccinelli-Borghi e cinque in diefsa: Lutz, Campanale, Murray, Re, Latin.

Trascorrono appena 30 secondi e il Milano si porta in vantaggio con un gol confezionato dalla seconda linea: firma di Gron, ben appostato sul secondo palo, assistito da Petrov e Migliore. Con gli ospiti ancora insidiosi con Murray e Fontanive, i Pirati ci mettono cinque minuti per entrare concretamente in pista, e creano i primi pericoli con una controfuga di Hazen, bloccata da Caffi. Dopo due tentativi arriva il pareggio a 6:47 con Philip Jaitner, bravo a ribadire il puck in rete nello slot. I ragazzi di Lefevbre ci riprovano con Lacroix e Ceresa, sfruttando qualche minuto di difficoltà degli ospiti, poi pericolosi con Re che testa i riflessi di Vallini. Il goalie ex-Fassa è ancora più bravo su Gron e Campanale, pericolosi dall’out di sinistra. Altre due occasioni sulla stecca di Petrov, prima di vedere l’Appiano di nuovo in attacco sul finale di tempo.

imageIl primo brivido del drittel centrale è per Caffi che argina Vallerand. L’Appiano si rende pericoloso nei primi minuti, poi il Milano comincia a tirare fuori gli attributi e insidia Vallini con Caletti, Fontanive e Vallorani. In superiorità numerica Gron dà l’illusione del gol dopo un perentorio ingresso nello slot. Nemmeno il tempo di ristabilire la parità che Ebner viene punito per una ginocchiata su Caletti, che non rientrerà sul ghiaccio. La gara diventa più fisica: anche Gron tra i puniti, e due minuti dopo è la volta di Vallerand e Murray, che ferma Hazen in fuga. Al termine dell’inferiorità il Milano segna a 14:05 con Vallorani, bravo a ricevere da Campanale e fulminare Vallini. Caffi è bravo su Ebner, e a 16:37 c’è il terzo gol Rossoblu: Borghi di back-hand corregge il tiro di Migliore e beffa Vallini. Fioccano altre penalità, Lutz ci prova dalla blu, poi solo il palo ferma Vallorani.

imageIl terzo drittel comincia con una penalità fischiata al Milano (Gron, equipaggiamento irregolare). L’Appiano ci prova ma non è abbastanza lucido nello slot, e rischia la beffa quando Vallorani serve Gron, ipnotizzato da Vallini. L’Appiano cerca tutti i modi per aggiustare il punteggio, prendendosi qualche rischio, ma Caffi e la difesa ospite arginano le iniziative dei Pirati. Per il Milano tentativi di Gron e Fontanive. Borghi viene punito per gancio con bastone, ultima speranza per l’Appiano, che toglie il goalie dalla gabbia. Caffi non si fa superare, e a poco più di un minuto dalla fine Vallorani recupera il puck in zona neutra e dalla sinistra segna a porta vuota il quarto gol. Finisce 4-1 per il Milano, che si conferma fra le sorprese di questo campionato. Per l’Appiano niente da fare, buone discese col disco ma troppa poca finalizzazione, aspettando DeHart in difesa.

HC Appiano Roi Consultant – Hockey Milano Rossoblu 1-4 (1-1; 0-2; 0-1)
Reti: 00:30 Gron (Petrov, Migliore), 06:47 P. Jaitner (A. Jaitner, P. Ebner), 14:05 Vallorani (shorthanded) (Campanale), 16:37 Borghi (Migliore, Murray), 18:21 Vallorani (empty-net)

HC Appiano Roi Consultant: Vallini (Tomasi); Stimpfl, Ceresa, Lacroix, Beber, F. Ebner, Eisenstecken; Hazen, Vallerand, Waldner, Platter, Unterkofler, Raffeiner, P. Jaitner, A. Jaitner, T. Ebner, Von Payr. Coach: Patrice Lefevbre
Hockey Milano Rossoblu: Caffi (Tesini); Campanale, Lutz, Murray, Re, Latin; Vallorani, Fontanive, Caletti, Gron, Petrov, Migliore, Colombo, Piccinelli, Borghi, Folini, Gherardi. Coach: Pat Curcio

Arbitri: Lottaroli, Lazzeri; Pace, Mori
Tiri: 24/29
Penalità: Appiano 4 (08:00)/Milano 6 (12:00)