il Val Pusteria sconfigge l’Asiago 3 a 0

HC Val Pusteria Lupi – Supermercati Migross Asiago 3-0 (0-0, 0-0, 3-0)

Leitner Solar Arena di Brunico – giovedì 30 ottobre 2014 – ore 20:30.

Il big match di questa tredicesima giornata si disputa al Lungo Rienza di Brunico, dove i padroni di casa incrociano le stecche con l’Asiago per un nuovo capitolo di una delle più classiche sfide di questi ultimi anni.
Come era già successo nella gara di andata, la vittoria va al Val Pusteria che supera, largamente e meritatamente, i giallo-rossi dell’altopiano.
I Lupi, stasera in maglia nera, si presentano alla sfida col Roster al completo, avendo recuperato all’ultimo soffio anche l’influenzato Crepaz.
Diverso il discorso in casa asiaghese dove alla sicura assenza di Michele Strazzabosco, si aggiungono quelle di Luca Mattivi, Andrea Tessari ed Andrea Strazzabosco. Le contemporanee mancanze di tre difensori costringono Parco a far di conto di soli 5 soggetti in quel delicato ruolo.

Il primo tempo è molto tattico ed assai nervoso. Inizia bene il Val Pusteria ed un paio di conclusioni di Devos, vengono neutralizzate dalla difesa ospite.
Nei primi 4/5 minuti il gran ritmo dei lupi mette un po’ in difficoltà gli ospiti. Sul finale approfittando anche di un PP la prima linea dell’Asiago si rende pericolosa con una bella conclusioni di Bentivoglio.
Nel secondo tempo si riprende con un avvio molto aggressivo dei Lupi che culmina in un paio di conclusioni pericolose di Devon ed Hofer.
Al 21.52 occasionissima ancora per Devos che ruba il tempo a Miglioranzi si presenta davanti a Marozzi che neutralizza. Gli stellati non riescono nei primi due minuti a scrollarsi di dosso la pressione dei Lupi. Poi, mano a mano, col passare dei minuti, la pressione Pusterese si spenge e la prima linea dell’Asiago confeziona una occasione goal alla metà del tempo con una controfuga di Bentivoglio che si presenta davanti a Kuhn che gli strozza in gola il grido del goal.
Al minuto 31:418 grande azione della prima linea asiaghese con Layne Ulmer che costringe alla grande parata il portiere Kuhn.
Al minuto 32:35 svista difensiva dell’Asiago con disco che da dietro viene servito a Scandella il quale, davanti alla gabbia, si fa ipnotizzare da Marozzi. Al minuto 34:02 altra opportunità per Lukas Tauber ma Vincenzo Marozzi si fa trovare pronto.
Dall’altra parte Jerry Kuhn, pur coperto da una selva di giocatori, risponde alla grande anche ad un tiro pericoloso in mischia di Sean Bentivoglio (minuto 35:18).
Al minuto 18:32 del secondo tempo, per due falli commessi nella stessa azione, dietro alla gabbia di Marozzi, rispettivamente su Berzins e Rizzo, Enrico Miglioranzi e David Borrelli subiscono, entrambi, una penalità. In cinque contro tre si fa dura per gli ospiti ed Oberrauch sfiora la segnatura. Quindi il mestiere di Scott Hotham, salva, almeno momentaneamente, i suoi dalla capitolazione. L’esperto difensore ospite con un tocchetto alla gamba provoca Schweitzer che reagisce, colpendolo platealmente, poi protesta sulla (giusta) sanzione e si becca un 2+10, ma soprattutto, vanifica la doppia superiorità della sua squadra.
Nel terzo drittel si arriva alla resa dei conti. Al minuto 3:41 per un fallo di gioco Max Oberrauch si prende una penalità di due minuti e poco dopo (minuto 3:59) Kevin Devergilio si accomoda anch’egli in panca puniti per un fallo di reazione. Nei successivi due minuti giocati in quattro contro quattro la gara si decide definitivamente. L’attacco dell’Asiago viene concluso dal “solita” parata di Jerry Kuhn. Sull’azione successiva (siamo al minuto 5:03 del terzo drittel) Philip-Michael Devos se ne va via incuneandosi nelle maglie larghe della difesa e con un preciso tiro dalla blu centra il bersaglio grosso, proprio sotto la traversa della gabbia difesa dal portiere Marozzi. In meno di un minuto (5:54) il Val Pusteria raddoppia. In quattro contro quattro si aprono infatti grandi spazi e Capitan Helfer su assist di Devos, se ne va via in solitario prima di scoccare un tiro maligno dalla blu che passa attraverso i gambali di Marozzi e, nonostante il tentativo disperato di Sullivan supera la linea di porta. Gli arbitri convalidano la segnatura dopo la prova tv.
Al minuto 7:20, occasione per Iori e Borrelli ma il portiere Kuhn risponde alla grande.
Al minuto 9:02 i Leoni protestano per un rigore non concesso. Controfuga di Bentivoglio e Glira, nel tentativo di bloccarlo commette un intervento al limite del fallo che, però, non viene sanzionato dagli arbitri.
Ai minuti 11:22 e 12.40 due conclusioni di Devos e Obermaier sono bloccate da Marozzi.
Il Val Pusteria mostra di saper chiudere tutti gli spazi e di ripartire bene in velocità…
Il giovane terzino Althuber (classe 94) al minuto 14:13 della terza frazione di gioco, nel tentativo di fermare Iori, lo getta a terra. L’intervento scomposto viene sanzionato con una penalità di due minuti. Il successivo Power Play, non viene, però, sfruttato dagli ospiti ed evidenzia la qualità del PK pusterese.
Sul finale si assiste ad una azione personale di Lorenzo Casetti, con tiro dell’ex terzino Bolzanino che non sorprende Kuhn.
Quindi, a due dal termine, Max Oberrauch ruba il disco ma scivola e frana addosso al portiere ospite.
A quel punto, John Parco decide di far uscire il proprio portiere per cercare una difficile rimonta. Purtroppo per lui, alla prima occasione, Giulio Scandella ruba il disco ad un avversario ed infila la gabbia sguarnita, fissando il risultato sul 3-0 definitivo.
La formazione di Richer è apparsa molto disciplinata tatticamente, ed ha mostrato una buona fase difensiva. Sugli scudi il portiere Jerry Kuhn, che festeggia, stasera, il terzo shutout della stagione. Il Val Pusteria si conferma, anche, come la migliore difesa del campionato e mette in archivio la seconda vittoria consecutiva della stagione contro i quotati avversari vicentini….
L’Asiago ha mostrato la solita scintillante prima linea offensiva (Ulmer Bentivoglio Devergilio) ben supportata anche dalla seconda. Purtroppo i limiti della formazione di John Parco sono apparsi difensivi ed anche Marozzi è sembrato ancora non perfettamente in fase. Nulla di irreparabile, s’intende, anche perché la stagione è lunghissima e siamo appena agli inizi; anzi, in proposito, siamo pronti a scommettere, sin d’ora, che quando le partite saranno davvero decisive il motore dell’Asiago, sarà pronto, e rodato come quello di un orologio svizzero!!!
MARCATORI: HC 1-0 – Philip-Michael Devos (Patrick Rizzo, Daniel Glira) 45:03; 2-0 – Armin Helfer (superiorità numerica) (Philip-Michael Devos, Gerald Vale Kuhn) 45:54; 3-0 – Giulio Scandella (porta vuota) (Max Oberrauch, Armin Hofer) 58:36.
Arbitri: Davide Deidda, Claudio Pianezze; Patrick Gruber, Maurizio Lorengo. Spettatori: 1,170.