Serie C: Prima vittoria per l’Hc Pinerolo

(com. stampa HC Pinerolo) – Partita più equilibrata di quanto possa dire il risultato almeno quello del primo tempo. Il Pinerolo ha faticato a passare in vantaggio trovando la rete solo al 10′ con Frache assistito da Gonin e Aglì, unica rete del periodo nonostante i 17 tiri.
Secondo periodo invece interamente di marca biancostellata, con il Pinerolo che ancora sovrasta a livello dei tiri la squadra meneghina, ma questa volta riesce a mettere a segno ben 5 reti, con Mondon, Davit, Viglianco, Grossi e ancora Frache, e si chiude il drittel sul 6 a 0 mettendo così in cassaforte il risultato finale.
Terzo periodo con il Pinerolo che tira un po’ il freno, complice anche la stanchezza della squadra avversaria, ma realizza comunque ancora due gol con Viglianco (2+2 per lui) e con Rota.
Primi tre punti portati a casa e un Pinerolo che dimostra di esserci anche quest’anno a livello di competitività; buona la prova del debuttante Montanari, molto bene anche i giovani provenienti dall’U16 dello scorso anno, sopratutto Viotto. I due portieri Martina e Fossat chiudono con un meritato shoot out la loro prestazione.

Hc Pinerolo vs Hc Ambrosiana Milano 8-0 (1-0, 5-0, 2-0)
Marcatori: Frache 2, Viglianco 2, Mondon Marin, Davit, Rota, Grossi

Cosi capitan Marco Bianco (nella foto) nel dopo gara:

“Nel primo periodo abbiamo fatto fatica a ingranare e imporre il nostro ritmo, non per una questione di allenamento ma di testa, bisogna imparare a muovere le gambe quando e dove serve. Gli altri due tempi sono poi andati meglio. Siamo stati più precisi nella fase di uscita e di pressione, invece occorrerà lavorare molto sull’intesa in fase difensiva e in zona neutra. Sono molto contento dei ragazzi giovani che da quest’anno fanno parte del roster, lavorando con loro su questi meccanismi di gioco possiamo diventare un’ottima squadra. Sono fiducioso che in poche settimane si vedrà già la differenza in campo nel loro modo di giocare. Ottima risposta della coppia in porta Fossat-Martina le poche volte che sono stati chiamati in causa”.