Il Milano c’è, convince e stappazza il Cortina

Grande classica in scena all’Agorà questa sera; match che richiama alla memoria sfide epiche e campioni di un tempo che non c’è più. Le ultime grandi sfide risalgono alla finale di Coppa Italia del 2006 che finì con la vittoria dei meneghini allora Vipers, e con la finale di campionato nell’anno successivo, che si concluse con la vittoria ampezzana in quattro gare per il sedicesimo scudetto, 32 anni dopo l’ultimo. Unico presente oggi di quelle sfide è De Bettin, che vestì anche la maglia milanese nella stagione 1998/99. Altri ex presenti oggi nel roster degli scoiattoli: Ranallo, Wunderer e Gellert. Coach Curcio deve rinunciare ancora a Terzago, schiera in attacco Fontanive, Vallorani, Caletti; Gron, Petrov, Migliore; Piccinelli, Colombo, Borghi. Le coppie difensive sono formate da Murray, Re; Lutz, Campanale; Lo Russo, Latin. Negli ospiti assenti Stanislav Gron e Dingle.
MilanoPronti via ed il primo pericolo capita sulla stecca di Gellert ma il suo diagonale viene bloccato da un attento Caffi. Gli ospiti premono e crano ancora con Vallazza. Il Milano risponde con Petrov, Re, Fontanive e Caletti. Al 7.35 i padroni di casa passano in vantaggio: Lutz serve Piccinelli ed il tiro di quest’ultimo gonfia la rete. Al minuto 8.12 viene fischiata la prima penalità ad Adami. In superiorità i Rossoblu raddoppiano: Vallorani serve Fontanive, il primo tiro viene respinto da Borelli, sul rimbalzo arriva ancora il numero 87 dei padroni di casa che buca la rete per il 2 a 0. Il Cortina tenta una reazione ed impegna Caffi con Zandonella. Il tempo finisce con una penalità fischiata prima a Petrov e poi ad 1″ dalla fine a Migliore.

Il secondo drittel inizia con 1.03 di 5vs3 e poi con 56″ di 5vs4 per gli ampezzani, non sfruttati. Gli arbitri sono ancora protagonisti, al 3.44 mandano in penalty box Caletti e subito dopo al 5.35 viene fischiato un 2+2 a Migliore. La partita si fa nervosa, vengono puniti anche Caffi, Bravin ed Adami. Il Milano chiama timeout ma il risultato non cambia fino al 16.05 quando i Rossoblu trovano il 3 a 0 con Gron.

Il terzo periodo inizia con una conclusione di Gellert che infila Caffi ma la rete viene annullata per fischio precedente. Il MilanoMilano colpisce in contropiede con Gron ma il tiro di quest’ultimo viene respinto da Borrelli. Subito dopo è Re ad impegnare il goalie avversario. Al minuto 8.54 Vallorani raccoglie un disco vagante ed infila ancora una volta il portiere avversario con un preciso fendente. I ragazzi di Curcio respirano e gli ospiti ne approfittano e così al minuto 11.58 Gellert relizza, in situazione di superiorità per un 5+20 fischiato a Lutz. È il momento migliore del Cortina che al 18.44 realizza la seconda rete con Ranallo. Coach Hicks toglie il proprio goale per un uomo di movimento in più ma a porta vuota è il Milano a realizzare con Gron per il 5 a 2 finale. Vittoria importante per Migliore e soci e quarti di coppa Italia sempre più vicini.

Hockey Milano Rossoblu – Hafro SG Cortina 5-2 (2-0, 1-0, 2-2)

Reti: 1-0 Lorenzo Piccinelli (Andreas Lutz, Tyler Gron) 7:35, 2-0 Nicola Fontanive (superiorità numerica) (David Vallorani, Tyler Gron) 8:57, 3-0 Tyler Gron (superiorità numerica) (David Vallorani, Nicola Fontanive) 36:05, 4-0 David Vallorani (Alessandro Re) 48:54, 4-1 Alexander Gellert (superiorità numerica) (Paul Albers) 51:58, 4-2 Marcello Ramallo (superiorità numerica) (nessun assist) 58:24, Tyler Gron (porta vuota) (Tommaso Migliore, Alessandro Re) 58:44

Tiri: Milano 42, Cortina 37

Penalità: Milano 14 (49 minuti), Cortina 7 (14 minuti)

Arbitri: Glauco Colcuc e Claudio Pianezze; Giudici di linea: Alex Wiest e Alex Waldthaler

Spettatori: 1905