I risultati della sesta giornata di Campionato

Serie A – Itas Cup – Risultati – 6° Giornata – Stagione Regolare – Prima Fase.

I risultati della sesta giornata rivoluzionano la classifica generale. Con le vittorie di questa sera, infatti, Renon, Asiago, Val Pusteria e Valpellice si prendono, nell’ordine, le prime quattro poltrone, mentre il Cortina (sconfitta nel derby Veneto) ed il Gherdeina (battuta ai rigori dal Milano) perdono preziose posizioni. In coda risale alla grande il Milano mentre il Caldaro sconfigge e scavalca il Fassa.

Hafro S.G. Cortina – Supermercati Migross Asiago 1-3 (1-0, 0-2, 0-1)
Stadio Olimpico di Cortina – ore 20:30
L’Asiago, pur privo di Layne Ulmer, vince, meritatamente, in rimonta all’Olimpico di Cortina e si aggiudica la prima edizione stagionale del Derby Veneto. Il Cortina era partito bene e fino al pareggio di Borrelli pareva poter ben controllare la gara. Poi una indecisione del suo goalie, permetteva il sorpasso dei giallorossi che, sul finale, consolidavano il meritato vantaggio con Devirgilio. Bella prova di carattere della formazione di John Parco mentre i ragazzi di Oly Hicks, hanno eccessivamente pagato gli errori commessi.

Marcatori: 1-0 Daniel Fabris (superiorità numerica) (Francesco Adami) 16:06; 1-1 David Aaron Borrelli (Kevin Devergilio, Matteo Tessari) 28:02; 1-2 Enrico Miglioranzi (Kevin Devergilio, David Aaron Borrelli) 38:45; 1-3 Kevin Devergilio (inferiorità numerica) (David Aaron Borrelli, Daniel Anthony Sullivan) 44:38.
Arbitri: Luca Cassol, Claudio Pianezze; Cristiano Biacoli, Luca Zatta. Spettatori 519.

H.C. Gherdeina – Hockey Milano Rossoblu 3-4 d.t.r. (1-1, 0-0, 2-2, 0-0, 0-1)
Stadio Pranives di Selva di Val Gardena – ore 20:30
Il Pranives porta bene ai Rossoblu che dopo due sconfitte casalinghe consecutive (Vipiteno e Renon) bissano la vittoria esterna di Torre Pellice e sconfiggono ai rigori il Gherdeina, vera e propria sorpresa di questo inizio di campionato.
Per ragazzi di Patrick Curcio, incitati per tutta la gara da un gruppo di irriducibili tifosi, la partita è stata, sin dall’inizio, una incredibile rincorsa. Subito in svantaggio, sono riusciti in seguito a pareggiare pur in situazione di uomo in meno. Quindi, dopo aver chiuso in parità i primi due tempi, hanno subito un doppio svantaggio pagando una certa spavalderia di gioco che li ha portati a subire 18 minuti di penalità nel terzo periodo di gioco. Il Vantaggio del Gherdeina arrivava in 5 vs 3 mentre il sempreverde Daniele Veggiato, segnava il 3-1 con i meneghini ancora in inferiorità numerica. A quel punto la partita sembrava chiusa ma in meno di due minuti il Milano pareggiava i conti approfittando anche di un certo rilassamento delle Furie Rosse che pensavano di avere già in pugno il risultato. Nulla succedeva nei cinque minuti supplementari ed il match si decideva agli “Shootout”. Per i locali segnavano Gabriel Vinatzer e Jacob Leslie Newton mentre per i Rossoblu centravano il bersaglio David Vallorani, Alexander Petrov e Mattew Campanale. Rimonta completata e seconda vittoria esterna del campionato di un Milano che in casa non riesce a vincere (tre sconfitte consecutive) ma che si prende ghiotte rivincite lontano dall’Agorà.
Marcatori: 1-0 Ivan Demetz (Matthias Fauster, Fabrizio Senoner) 1:53; 1-1 David Vallorani (inferiorità numerica) (Edoardo Caletti) 7:12; 2-1 Justin Joseph Bruce Maylan (superiorità numerica 2) (nessun assist) 37:34; 3-1 Daniele Veggiato (superiorità numerica) (Anthony Nigro, Justin Joseph Bruce Maylan) 41:57; 3-2 Tyler Gron (Andreas Lutz, David Vallorani) 44:41; 3-3 Edoardo Caletti (nessun assist) 46:25; Overtime nessun goal. Ai tiri di rigore risulta decisione per il Milano, Mattew Campanale.
Arbitri: Andrea Benvegnù, Thomas Gasser; Christian Gamper, Alex Waldthaler. Spettatori 750.

S.S.I. Vipiteno Weihenstephan – Rittner Buam 4-5 (0-3, 2-0, 2-2)
Weihenstephan Arena di Vipiteno – ore 20:30
Nonostante la bella rimonta ed il buon gioco messo in mostra nel secondo drittel, il Vipiteno deve cedere le armi nei confronti dei Rittner Buam che capitalizzano un inizio scoppiettante e fanno loro il derby sudtirolese disputato alla Weihenstephan Arena.
La gara di stasera giungeva a poco più di una settimana da quella di Collalbo dove i Broncos celebrarono la prima delle tre vittorie consecutive ottenute nel corso della scorsa settimana. I campioni d’Italia, scesi stasera sul ghiaccio privi di Ramsay ed Ansoldi, hanno sofferto più del previsto per portare a casa i tre punti mentre i ragazzi di Axel Kammerer, pur battuti, hanno confermato il buon momento di forma.
Marcatori: 0-1 Max Ploner (Emanuel Scelfo, Thomas Spinell) 1:49; 0-2 – Max Ploner (Markus Spinell, Ingemar Gruber) 2:32; 0-3 Dan Tudin (superiorità numerica) (nessun assist) 13:04; 1-3 Patrick Mair (superiorità numerica) (Florian Wieser) 27:38; 2-3 R. Jordan Sayers Owen (Christopher St. Jacques, Philipp Pircher) 35:22; 2-4 Simon Kostner (Travis Ramsey) 40:56; 2-5 Alexander Eisath (Eric Johansson) 50:13; 3-5 R. Jordan Sayers Owen (inferiorità numerica) (Hannes Stofner) 55:04; 4-5 Christian Sottsas (Philipp Grandi, Simon Baur) 56:23.
Arbitri: Alex Lazzeri, Fabio Lottaroli; Simone Lega, Stefano Terragni. Spettatori 601.

H.C. Egna Riwega – H.C. Val Pusteria Lupi Fiat Professional 1-3 (0-0, 1-0, 0-3)
Wurth Arena di Egna – ore 20:30
L’Egna non riesce a violare la Würt Arena e perde una incredibile partita il cui risultato sembrava “in ghiaccio” almeno fino a sei minuti dalla sirena di fine gara. Le Oche selvagge, passate in vantaggio, in situazione di superiorità numerica con Berry, si erano aggrappate fino a quel momento alle mirabolanti parate del loro goalie Thomas Tragust ma a 6 primi ed 8 secondi dalla sirena, la formazione di Mike Flanagan subiva il pareggio di Devos ed immediatamente dopo arrivava la segnatura di Lukas Crepaz, che portava in vantaggio i Lupi della Pusteria. Il definitivo 3-1 per gli ospiti, anche stasera privi di Giulio Scandella, arrivava quasi sul finire, grazie a Max Oberrauch pronto ad infilare la gabbia sguarnita.
Marcatori: 1-0 Alexander Berry (superiorità numerica) (Paolo Bustreo, Christian Willeit) 25:34; 1-1 Philip-Michael Devos (Max Oberrauch) 53:16; 1-2 Lukas Crepaz (nessun assist) 53:52; 1-3 Max Oberrauch (porta vuota) (Armin Hofer, Philip-Michael Devos) 59:57.
Arbitri: Michele Gastaldelli, Max Rebeschin; Nicola Basso, Tommaso Facchin. Spettatori 584.

H.C. Appiano Roi Team Consultant – H.C. Valpellice Bodino Engineering 3-6 (1-0, 0-5, 2-1)
Stadio del Ghiaccio di Appiano – ore 20:30
Anche stasera l’Appiano conferma, sul ghiaccio amico, tutte quelle carenze difensive che l’hanno portato a subire quattordici goal nelle ultime due gare di campionato. Dopo un primo drittel assai combattuto la gara ha preso una fisionomia ben precisa ed i Pirati sono crollati nel secondo tempo, subendo un parziale di 5-0.
La Valpe ha quindi potuto festeggiare la terza vittoria consecutiva dopo quelle esterna di Collalbo e quella casalinga contro il Gherdeina.
L’Appiano ha mostrato di non aver ancora smaltito il pesante risultato di Brunico ed è crollato davanti alle accelerazioni di gioco dei Piemontesi.
Marcatori: 1-0 Marc-Oliver Vallerand (Daniel Peruzzo, Peter Stimpfl) 15:28; 1-1 Nate Di Casmirro (Matt Pope, Scott Nicolas Campbell) 20:30; 1-2 Nate Di Casmirro (Matt Pope, Scott Nicolas Campbell) 25:33; 1-3 Scott Nicolas Campbell (Nate Di Casmirro, Trevor George Johnson) 26:50; 1-4 Matt Pope (Luca Frigo, Jesse Tapio Urone) 29:16; 1-5 Marco Pozzi (Pietro Canale, Alex Silva) 35:03; 2-5 Marc-Oliver Vallerand (superiorità numerica) (David Ceresa, Daniel Peruzzo) 41:04; 2-6 Luca Frigo (Francesco De Biasio) 51:13; 3-6 Philipp Jaitner (superiorità numerica) (Fabian Ebner, Tobias Ebner) 58:10.
Arbitri: Glauco Colcuc, Leandro Soraperra; Federico Giacomozzi, Alberto Plancher. Spettatori 584.

S.V. Caldaro Rothoblaas – S.H.C. Fassa 4-1 (1-0, 1-0, 2-1)
Raiffeisen Arena di Caldaro – ore 20:30
I Lucci vincono “la sfida delle Cenerentole” e con la larga vittoria di stasera superano il Fassa in classifica generale. I Ladini pur tenendo per larghi tratti il bandolo del gioco hanno sprecato troppo mostrando serie lacune in fase realizzativa. Da notare come tutte le reti della partita sono state siglate in situazione di “power play”.
Marcatori: 1-0 Stefano Piva (superiorità numerica) (Pontus Lars Moren, Alex Frei) 12:52; 2-0 Waldthaler Thomas (superiorità numerica) (Luca Franza, Jakub Sindel) 35:26; 3-0 Jakub Sindel (superiorità numerica) (Daniel Brejcak) 46:31; 3-1 Sami Juhani Ryhanen (superiorità numerica) (Tony Vidgren, Michele Marchetti) 13:55; 4-1 Alex Frei (superiorità numerica) (Raphael Andergassen, Steve Paul Tarasuk) 57:42.
Arbitri: Gregory Loreggia e Karl Pichler; Giudici di linea: Federico Stefenelli e Federico Pace. Spettatori 101.

La Classifica
1. Rittner Buam 15 punti (+1 gara)
2. HC Asiago 14
3. HC Val Pusteria 12
4 HC Valpellice Bodino 11
5. SG Cortina Hafro 11
6. HC Gherdeina – Valgardena 10
7. SSI Vipiteno Weihenstephan 9 (+1 gara)
8. HC Appiano 8
9. HC Egna Riwega 7
10. Milano Rossoblu 7
11. SV Caldaro Rothoblaas 4
12. SHC Val di Fassa 3

Tags: