Il Lugano non si ferma più. Travolto il Bienne

Bianconeri vittoriosi 7.4. Partenza fulminea del Lugano che realizza quattro reti nel primo quarto (doppietta di PETTERSSON). Qualche apprensione nel finale per il risveglio tardivo degli ospiti. Sigillo di McLEAN. Rigore fallito da UMICEVIC

Dopo aver espugnato la BCF Arena travolgendo il Friborgo, Il Lugano conclude il proprio weekend affrontando il Bienne, nel fortino ancora inviolato della Resega. Obiettivo dichiarato incamerare tre punti per mantenersi nella scia di ZSC Lions e Davos che precedono in classifica i bianconeri. La formazione di Patrick FISCHER si sta confermando come una delle squadre più in forma del campionato, con un leader inarrestabile che risponde al nome di Fredrik PETTERSSON, autore di sei reti in altrettante partite. I Seeländer, autori di un buon avvio di stagione, sono reduci dalla vittoria interna all’overtime contro il Kloten, che ha permesso agli “aviatori” di conquistare il loro primo punto in classifica. Le due squadre non presentano assenze di rilievo, mentre per la prima volta è di scena a Lugano l’arbitro svedese VINNERBORG.

Il match si presenta subito in discesa per i bianconeri che trovano il vantaggio al minuto 02:07. WALSKY si divincola in slalom di ROUILLER e sulla conclusione respinta da RYTZ, MURRAY è lesto a trasformare in gol il rimbalzo lasciato dall’estremo difensore ospite (1.0). Dopo un contropiede fallito da KLASEN, su cui deve immolarsi in tuffo un difensore del Bienne per salvare un gol fatto, il Lugano trova ben presto il raddoppio con PETTERSSON che ribadisce in rete il disco dopo un diagonale di FILPPULA respinto da RYTZ (2.0) al minuto 05:01. Terribile uno-due per gli ospiti che provano a reagire sfruttando l’uomo in più per l’uscita di MAURER (sgambetto), ma la doppia conclusione di ROSSI e UMICEVIC non sorprende il rientrante MERZLIKINS. Power-play che sa invece sfruttare alla perfezione, alla prima occasione, la squadra bianconera che al minuto 09:54 realizza nuovamente con il Top Scorer PETTERSSON servito lateralmente da FILPPULA dopo l’ingaggio (3.0). Bianconeri padroni assoluti in pista contro un Bienne irriconoscibile costretto nuovamente all’inferiorità numerica per un’ostruzione dell’ex KAMBER. FILPPULA coglie la traversa ma, con le squadre in parità da 5”, uno svarione del portiere (disco lasciato tra i gambali) favorisce il nuovo gol bianconero di REUILLE che deposita in rete da comoda posizione (4.0) al minuto 12:41. SCHLÄPFER deve correre ai ripari. MEILI prende il posto dello sciagurato RYTZ, mentre i seeländer evidenziano sempre più la loro serata no. Infatti nemmeno con due superiorità numeriche consecutive e con la spinta di un rumorosissimo gruppo di tifosi giunti alla Resega, riescono a trovare la rete della bandiera, rientrando negli spogliatoi con un fardello pesantissimo da recuperare.

Lugano che, nonostante il largo vantaggio, continua a rendersi pericoloso. FILPPULA dopo i tre assist serviti ai compagni e la traversa colpita, cerca finalmente il gol personale, ma il suo tiro è di poco fuori. Ci pensa allora ARLBRANDT a rianimare il match. La conclusione dell’attaccante svedese, dopo un assolo, sorprende MERZLIKINS dalla parte del guanto, infilandolo per la prima volta nella serata (4.1) al minuto 23:32. La rete rianima la formazione ospite che prova a spingere sull’acceleratore, mentre il Lugano forte dell’ampio vantaggio sembra prendere fiato. BERTHON ferma fallosamente VAUCLAIR e con l’uomo in più i bianconeri tornano a farsi minacciosi, sfiorando il gol con McLEAN ottimamente servito da un assist di WALKER. Al minuto 34:00 potrebbe esserci una piccola svolta nella partita. HIRSCHI è costretto a fermare platealmente UMICEVIC lanciato a rete con il conseguente rigore decretato dagli arbitri che lo stesso svedese spreca però malamente. Chi sbaglia paga! E gli ospiti che potevano così rientrare in partita vengono puniti immediatamente dall’ottimo Eric WALSKY che è abile a ribadire in rete la conclusione di MURRAY non trattenuta da MEILI (5.1) al minuto 34:58. Risultato con cui le due squadre vanno al secondo riposo.

Nel terzo drittel dopo due conclusioni pericolose di OLAUSSON, JELOVAC trova subito il gol del (5.2) dopo un’azione confusa al minuto 41:15. Un fallo di ostruzione di HERBURGER in fase offensiva offre un ghiotto power-play al Lugano che non si fa pregare e con KLASEN trova subito la rete del (6.2) al minuto 46:49. Che non sia la serata ideale per i portieri lo si intuisce al minuto 47:19 quando anche MERZLIKINS si fa infilare malamente da HAAS (6.3). I padroni casa pur sempre con un vantaggio rassicurante, sembrano a questo perdere lucidità e concentrazione. McLEAN si fa soffiare ingenuamente il disco dietro la gabbia di MERZLIKINS da SPYLO, che serve un assist ad HAAS che realizza il facile gol del (6.4) al minuto 52.44. Seconda rete personale. Quando sembra che possano incredibilmente riaprirsi i giochi, arriva il sigillo finale firmato proprio da McLEAN, che riscattandosi dal precedente errore in fase difensiva, conclude alla perfezione un contropiede orchestrato da REUILLE per il (7.4) finale al minuto 58:26. Arrivano così tre punti meritati che proiettano i bianconeri verso il primo derby stagionale di venerdì alla Valascia.

LUGANO – BIENNE 7 . 4 ( 4 . 0 – 1 . 1 – 2 . 3 )

02 : 07 1 . 0 14. MURRAY ( 10. WALSKY – 81. FILPPULA)

05 : 01 2 . 0 71. PETTERSSON ( 81. FILPPULA – 91. WALKER )

09 : 54 3 . 0 71. PETTERSSON ( 86. KLASEN – 53. McLEAN ) PP1

12 : 41 4 . 0 32. REUILLE ( 81. FILPPULA )

23 : 32 4 . 1 40. ARLBRANDT ( 17. JELOVAC )

34 : 58 5 . 1 10. WALSKY ( 14. MURRAY – 21. STEINMANN )

41 : 15 5 . 2 17. JELOVAC ( 40. ARLBRANDT – 16. OLAUSSON )

46 : 49 6 . 2 86. KLASEN ( 22. ULMER – 71. PETTERSSON ) PP1

47 : 19 6 . 3 92. HAAS ( 24. BERTHON )

52 : 44 6 . 4 92. HAAS ( 18. SPYLO )

58 : 26 7 . 4 53. McLEAN ( 32. REUILLE – 20. KOSTNER )

 

PENALITA’   : LUGANO 4 X 2 MIN.                                       BIENNE : 5 X 2 MIN.

ARBITRI       :   Marco PRUGGER – Marcus VINNERBORG LINESMAN : Flavio AMBROSETTI – Andreas KOHLER

SPETTATORI : 5073

Lugano : Merzlikins, Vauclair-Schlumpf, Reuille-McLean(A)-Kostner, Hirschi(C)-Ulmer, Klasen– Sannitz(A)-Pettersson(TS), Kienzle-Chiesa, Murray-Filppula-Walsky, Maurer-Fazzini, Dal Pian-Steinmann-Walker. All. Fischer

Bienne : Rytz, Fey-Cadonau, Wetzel-Peter(C)-Rossi, Gossweiler-Rouiller, Spylo(TS)-Haas(A)-Berthon, Jelovac-Untersander, Ehrensperger(A)-OlaussonArlbrandt, Jecker-Wellinger, Herburger-Kamber-Umicevic. All. Schläpfer

Tags: ,