Mondiali 2014 Gruppo A: Italia spuntata, Norvegia crudele

(Minsk) – Inizia con una sconfitta il cammino dell’Italia ai Mondiali di Minsk. Contro la Norvegia gli uomini di Pokel, dopo un avvio in sordina, escono alla distanza; nel loro miglior momento degli Azzurri gli scandinavi sanno essere cinici con la rete del raddoppio. Si trascinano anche in Bielorussia i problemi realizzativi del Blue Team, nonostante l’incrocio dei pali colpito da Sullivan. La Nazionale Italiana tornerà in scena domani, sarà vietato sbagliare.

L’Italia scende sul ghiaccio contratta, lasciando l’iniziativa alla Norvegia che, tuttavia, nei primi minuti non punge, sebbene il terzo difensivo sia costantemente presidiato; il primo pericolo della gara è firmato da Andreas Stene. Gli Azzurri hanno una timida reazione un minuto più tardi con il diagonale di Hofer, quando i norvegesi premono con più insistenza, passano in vantaggio con un’azione che parte dalla penetrazione di Stene finalizzata da Roest al termine di una serie di scambi col compagno di reparto davanti allo slot di Bellissimo. Gli Azzurri, disciplinati sul ghiaccio (solo 2’ di penalità nella prima frazione comminata a Scandella), escono alla distanza nel finale di periodo: Trivellato serve orizzontalmente Fontanive, la cui conclusione sbatte sul gambale di Haugen, nel proseguo dell’azione l’attaccante prova a superare il goalie avversario una seconda volta senza esito. Poco più tardi Borrelli e Rocco dialogano tra loro impensierendo la difesa vichinga, la quale se la cava, più tardi, anche sul diagonale di Scandella a due minuti dal primo intervallo.

2014-05-10 Italia-Norvegia(2)Tornata sul ghiaccio l’Italia gioca con maggiore spigliatezza, il timore reverenziale del primo tempo è stato lasciato negli spogliatoi. Al primo power play a favore, Sullivan colpisce l’incrocio dei pali, su richiesta degli Azzurri il capo arbitro visiona le immagini video, annullando la rete dopo un lungo consulto. Il ritmo dei ragazzi capitanati da Egger è decisamente più alto e gli Azzurri arrivano al tiro con maggiore facilità con Nicoletti, Johnson e Sullivan, tuttavia gli ultimi due tentativi mettono in evidenza un power play statico che favorisce la tattica degli scandinavi. Nel miglior momento della nazionale italiana, la Norvegia confezione la beffa con un contropiede di Olden, il quale, entrato nel terzo d’attacco, cede il disco a Ask che, facendo passare il disco sotto i gambali, batte Bellissimo. La risposta italiana potrebbe maturare dalla stecca di Rocco, la conclusione dell’oriundo termina sul portiere norvegese, nei minuti successivi l’Italia rischia di capitolare su un errore di Larkin dietro porta, Mathis Olimb si vede negare la gioia del goal prima dal palo, poi da Bellissimo.

2014-05-10 Italia-Norvegia(1)Nell’ultima frazione centrale la Norvegia controlla agevolmente il doppio vantaggio. Egger, con un diagonale, prova ad accorciare senza fortuna, la lunga fase interlocutoria è interrotta da Mathis Olimb. L’Italia pattina molto, ma latita sotto porta, Scandella non inquadra lo specchio della porta, la Norvegia, di contro, chiude la pratica con il perfetto lancio, dalla zona difensiva, di Mathis Olimb per Bastiansen, giunto a tu per tu con il goalie Azzurro lo annichilisce con una saetta che non lascia scampo.

Italia – Norvegia 0-3 (0-1; 0-1; 0-1)
Italia: Daniel Bellissimo (Andreas Bernard); Alexander Egger – Davide Nicoletti – Armin Hofer – Christian Borgatello – Daniel Sullivan – Thomas Larkin – Trevor Johnson – Alex Trivellato; Giulio Scandella – Nathan di Casmirro – Diego Kostner – David Borrelli – Brian Ihnacak – Vincent Rocco – Markus Gander – Luca Felicetti – Daniel Tudin – Marco Insam – Joachim Ramoser – Nicola Fontanive. Coach: Tom Pokel
Norvegia: Lars Haugen (Lars Volden) – Jonas Holos – Henrik Odegaard – Stefan Espeland – Mats Trygg – Daniel Sorvik – Alexander Bonsaksen; Mads Hansen – Martin Roymark – Kristian Forsberg – Anders Bastiansen – Ken Andre Olimb – Mathis Olimb – Sondre Olden – Per-Age Skroder – Morten Ask – Andreas Stene – Jonas Djupvik Lovlie – Andreas Martinsen – Niklas Roest – Robin Dahlstrom. Coach: Roy Johansen
Arbitri: Martin Frano (Repubblica Ceca) e Marcus Winnerborg (Svezia) Linesmen: Paul Carnathan (Stati Uniti) e Justin Hull (Canada)
Penalità: Italia 4 (2/2/0) – Norvegia (0/6/0)
Tiri: Italia 15 (6/5/4) – Norvegia 27 (12/6/9)
Marcatori: (0-1) 05.42 Niklas Roest (Andreas Stene); (0-2) 31.19 Morten Ask (Sondre Olden); (0-3) 53.29 Anders Bastiansen (Mathis Olimb)
Spettatori: 7.590
MVP: David Borrelli (Italia) e Lars Haugen (Norvegia)