Preview – Playoff: Semifinali gara3

Gara3: Val Pusteria può ottenere il match point, Asiago e Renon giocano in perfetta parità nonostante gli altoatesini siano lievemente favoriti, e la serie entra sempre più nel vivo.

pusteria-cortinaFiat Professional HC Val Pusteria – Hafro Sportivi Ghiaccio Cortina
ore 20:30, Leitner Solar Arena di Brunico
Arbitri: Andrea Benvegnu, Daniel Gamper; Christian Cristeli, Matthias Cristeli
Per il Cortina il gioco si fa duro. Dopo lo schiacciante 0-6 subito in gara2, gli ampezzani hanno capito di avere a che fare con un avversario nettamente superiore, rodato, e capace di prendere in mano le redini del gioco quando vuole. L’ottimo risultato conquistato dai Lupi conferma, adesso, le loro ambizioni di scudetto, e lo stato di forma aiuta, poichè il Val Pusteria sta mettendo in mostra un ottimo hockey in questi playoff. Al Cortina non bastano le giustificazioni di un Gron fino ad ora impalpabile e un Dingle inflenzato, i brunicensi sono stati perfetti, soprattutto nel primo tempo, dove sono stati capaci di infilare quattro gol a Borelli, poi sostiuito da Renè Baur. Adesso per De Bettin e compagni gara3 determina un punto di svolta, perchè in caso di sconfitta, il Val Pusteria metterebbe la serie su binari favorevoli per volare in finale. Parlerà il ghiaccio, che sarà quello della Leitner Solar Arena, un’occasione in più da sfruttare per i Lupi allenati da coach Mario Richer. Non si segnalano gravi infortuni in entrambi i roster.

Serie: 2:0
Gara1: Val Pusteria – Cortina 4:1 (1:0; 2:0; 1:1)
Gara2: Cortina – Val Pusteria 0:6 (0:4; 0:0; 0:2)

ritten-asiago2Ritten Sport Renault Trucks – Supermercati Migross HC Asiago
ore 20:30, Ritten Arena di Collalbo
Arbitri: Alex Lazzeri, Leandro Soraperra; Marco Mori, Ulrich Pardatscher
Se nell’altra serie il Val Pusteria rischia di prendere il largo dominandola, lo stesso non accade tra Renon e Asiago, dove i vicentini, sul ghiaccio amico, hanno pareggiato i conti con un sudato ma meritato 4-3, dimenticando così la brutta figura di gara1, quando i ragazzi di coach Parco erano stati incapaci di creare pericoli, imbavagliati dalla manovra del Renon, che invece è apparsa più sterile in gara2, mostrando una squadra appagata e affannata, emergendo solo nel drittel finale. L’Asiago ci ha creduto di più, prendendosi gara2 con le unghie e con i denti, nonostante Marozzi sia ancora assente, sostituito da Turà. Al Renon servirà ripetere l’ottima prova della prima gara per riportarsi in vantaggio nella serie e dimostrare di essere la pretendente al titolo. Moisand dovrebbe ancora essere, però, a mezzo servizio, ciononostante dovrebbe essere schierato. Coach Wilson dovrà vedere quale straniero tenere fuori dalla contesa. L’Asiago recupera Sullivan dopo il turno di squalifica. Marozzi è sulla via del recupero e potrebbe entrare nel corso della serie. Il clima si fa rovente, la serie si fa incandescente, e il risultato incerto. Sarà colpaccio dell’Asiago, o il Renon risucirà di nuovo a imporsi senza scrupoli come in gara1?
Serie: 1:1
Gara1: Renon – Asiago 5:0 (1:0; 3:0; 1:0)
Gara2: Asiago – Renon 4:3 (1:0; 1:1; 2:2)

Tags: