LIHGA: domenica 30 la fase finale di campionato

(Comun. stampa LIHGA) – Domenica prossima presso il Pala ghiaccio di Sesto San Giovanni, si disputerà la fase finale del campionato 2013-14 organizzato dalla LIHGA. Dopo aver disputato durante l’arco dell’anno le varie giornate di campionato, si è arrivati a decidere quale formazione diventerà campione tra le quattro squadre che hanno preso parte alla stagione: i campioni in carica dei Chiefs Milano, i vice campioni dell’Ossola Tritagiasch, gli Stainless Milano e i neo nati Sgularat Milano.

La giornata conclusiva avrà inizio alle ore 18.30 e vedrà sfidarsi sul ghiaccio i primi della classe, i Tritagiasch e i quarti classificati, gli Sgularat, alla loro prima partecipazione a un campionato, dove a parte qualche giocatore di esperienza la maggior parte degli atleti è alle prime armi. In seguito incroceranno le stecche, i Chiefs Milano di Luca Barbieri, il giocatore del torneo che ha ottenuto più punti (nove) grazie a cinque reti e quattro assist e gli Stainless Milano che annoverano nel proprio roster, nel ruolo di portiere un certo Vitali Kutuzov, ex calciatore che ha militato nel Milan oltre che in altre cinque formazioni professionistiche italiane con una grande passione per l’hockey ghiaccio. Un doveroso applauso va a Veronica Aprile, l’unica donna che ha preso parte al torneo. L’ala destra dei gialloblu ha totalizzato in campionato quattro punti frutto di tre gol e un assist.

Le due squadre che vinceranno le “semifinali” disputeranno la finalissima per il titolo di campione. Le partite si svolgeranno su due tempi da 15 minuti effettivi, non prevede la liberazione vietata ed è proibito il contatto fisico.

La Regione Lombardia, nella persona dell’assessore allo Sport Antonio Rossi, ha patrocinato l’evento di domenica chiamandolo “Torneo, la squadra regina del ghiaccio 2013-14”, mettendo in palio una coppa.

Poiché la stagione del Milano Rossoblu è finita anzitempo, tutti gli appassionati di hockey potranno approfittare di questo appuntamento, per passare qualche ora a seguire realtà amatoriali che si impegnano con tutte le loro forze affinché questa disciplina venga conosciuta e seguita maggiormente dalla gente, che possa attirare giovani vogliosi di imparare a giocare allo sport di squadra più veloce al mondo.

Tags: